Società

di Antonio Meo

Il green pass tra scienza e buonsenso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quando prendo una decisione, devo tener conto dei fatti. Prima di uscire guardo se piove. Un primo modo per saperlo è guardare fuori dalla finestra; se non ho questa possibilità, potrò almeno guardare cosa mi dice il barometro. Guardare il barometro può sembrare più scientifico che guardare fuori dalla finestra, ma in entrambi i casi sto facendo un’osservazione obiettiva, più o meno diretta, della realtà. Quest’osservazione si può definire in qualche modo “scientifica”. Una volta ottenuta quest’informazione, dovrò decidere cosa fare. Se piove e non dispongo di un ombrello o di un impermeabile, dovrò scegliere se bagnarmi uscendo senza protezione, o se preferisco restare in casa. Magari prima proverò a procurarmi qualche informazione supplementare, per esempio sul mio stato di salute e sulle possibili conseguenze che potrebbero derivare dal bagnarmi. Infine, comunque, sarò io a decidere fino a che punto mi sento di accettare un rischio per la mia salute, tenendo conto anche dei motivi, più o meno importanti, per cui dovrei uscire. Se decido di accettare un certo grado di rischio, non vuol dire che io abbia agito contro la scienza. Un atteggiamento antiscientifico, ideologico, sarebbe quello di negare le notizie sul mio stato di salute, perché ho voglia di uscire comunque. Ma il ruolo della scienza termina qui. Se chiamo un tecnico a casa mia per fargli predisporre un impianto di diffusione audio in tutte le camere, non sarà certamente lui a decidere quale musica ascolterò. Nelle decisioni sul green pass, più in generale nelle decisioni sulla gestione della pandemia, la scienza è fondamentale per fornire informazioni, però al centro delle decisioni non deve stare la scienza, ma gli obiettivi. La scienza serve solo a indicare le strade per raggiungerli. L’obiettivo “sicurezza” è fondamentale, ma non è l’unico. Questo può sembrare un discorso da incoscienti, perché “la sicurezza viene prima di tutto”. Mi permetto di dissentire. Tutti noi, pensiamoci, accettiamo quotidianamente nella vita un certo grado di rischio. Nel costruire una strada, sappiamo benissimo che su quella strada potranno avvenire incidenti anche mortali.

Tuttavia la costruzione della strada potrebbe offrire vantaggi superiori a questo rischio. Non sto parlando soltanto del fatto che la strada potrebbe salvare vite umane, permettendo il traffico di generi alimentari o facilitando l’accesso veloce alle strutture sanitarie. Non si tratta solo di un conteggio di morti in più o morti in meno. Noi non viviamo per sopravvivere, ma per vivere. La strada può offrire occasioni per “vivere”, permettendoci di raggiungere persone care, o di andare a una manifestazione culturale o artistica. Certo dovremo evitare di agire in maniera egoistica, le nostre esigenze non possono essere soddisfatte a scapito delle generazioni future, per esempio costruendo una strada che ammazza il paesaggio. Insomma saranno tante le esigenze da tener presenti quando si decide fare qualcosa. La sicurezza è solo una di queste. Nello specifico della gestione della pandemia, dobbiamo riconoscere l’esistenza di una complessità di esigenze. Certamente la sicurezza è importante, ma a quale prezzo la vogliamo ottenere? E poi, in quale misura è ragionevolmente raggiungibile? Le vaccinazioni hanno un indubbio ruolo positivo, tuttavia la narrazione di una campagna vaccinale che metterà fine all’epidemia appartiene ai legittimi desideri, ma il buon senso mi dice che è tutt’altro che una certezza. Viviamo in un mondo globalizzato, la vaccinazione, per quanto praticata in massa, non ci proteggerà da eventuali varianti resistenti prodotte altrove, che giungerebbero qui con il primo portatore proveniente dall’estero. Dovremo forse continuare a sacrificare alla sicurezza le nostre libertà, la nostra privacy, le nostre relazioni, le nostre attività? Un pò certamente, siamo d’accordo. Ma se è troppo, forse non vale la pena. Quali saranno le conseguenze psicologiche, sociali, culturali, che si producono in una generazione di bambini cresciuti guardandosi dal pericolo, soprattutto se questo pericolo è rappresentato da ogni altro essere umano? Quali sono i possibili interessi nascosti che manovrano dietro queste scelte? Non parlo solo di chi vuole vendere vaccini, ma di un capitalismo della sorveglianza che in questi cambiamenti culturali planetari vede un’occasione d’oro per imporre i suoi meccanismi al mondo intero. Qual è il limite tra il ragionevole e il troppo? Pongo delle domande. Io non ho risposte certissime. Devo anche accettare che la mia sensibilità si confronti con le altre sensibilità. Ci saranno scontri e dibattiti. D’altra parte anch’io, quando devo prendere una decisione difficile in ambito strettamente personale, sento dentro di me la lotta tra esigenze opposte, che devono trovare una composizione. Inevitabile e salutare che questo confronto avvenga anche per le decisioni collettive. Ciò che non mi piace in questo momento è che i sostenitori della “sicurezza prima di tutto” sembrano essersi attribuito il ruolo degli illuminati, dei razionali, presentando con sprezzo le voci alternative come irrazionali, antiscientifiche, incivili. Questo per reazione ottiene un risultato: ghettizzare le altre opinioni respingendole verso posizioni che davvero sono irrazionali e incivili.

Per favore, un pò di umiltà.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/10/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Politica

NON SCHERZIAMO CON LA LEGGE SCELBA, LASCIAMO LA PAROLA AI MAGISTRATI

Dopo le dichiarazioni in aula parlamentare del Ministro Lamorgese sui fatti di sabato a Roma il clima si è ulteriormente scaldato: Giorgia Meloni, durante il question time odierno, ha subito cavalcato l’evidente debolezza manifestata dal capo del Viminale nel risponderLe per accusare il governo di essere in odore di regime. È evidente che la leader di Fratelli d’Italia stia cercando di buttare la palla in tribuna per evitare di dover rispondere nel merito di una linea politica ambigua su tanti temi e questioni: dai vaccini al rapporto con le frange più radicali della destra italiana passando per i cosiddetti temi eticamente sensibili, sbandieriate come vessillo elettorale ma in Parlamento mai difeso con la veemenza dei numeri.

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Storie

Quarta dose di vaccino, il Cdc: raccomandata per le persone fragili

A fatica si è arrivati a convincere buona parte delle persone alla seconda dose, ci sono malumori sulla terza e già arrivano raccomandazioni sulla quarta. Se non fosse vero parrebbe di stare su “Scherzi a parte”.

Leggi tutto

Società

Assicurare per vaccinare in libertà

Lottare contro i luoghi comuni. Continuare a ragionare, farsi domande, cercare risposte. Bisogna fregarsene di essere additati come antivax o che so io e se il governo prende decisioni che secondo noi sono fortemente restrittive della libertà individuale, garantita dalla Costituzione, bisogna avere il coraggio o semplicemente l’onestà di dirlo. Licenziare i docenti che non si sottopongono entro cinque giorni dalla nomina al vaccino, appare una decisione eccessiva e anticostituzionale.

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano