Politica

di Mario Adinolfi

DIRITTI SOCIALI vs I FALSI DIRITTI CIVILI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Eccoci qua, ennesima domenica elettorale per il Popolo della Famiglia, che cade nell’anniversario del nostro incontro del 17 ottobre 2018 con Papa Francesco in San Pietro: urne aperte a Torino per cercare l’impresa di dare alla città il primo sindaco non di sinistra da quando esiste l’elezione diretta, siamo schierati anche a Spoleto e a San Benedetto del Tronto con analoga aspettativa. Facciamo pesare uno 0.44% a Torino, lo 0.81% di Rosario Murro a Spoleto, lo 0.9% a San Benedetto del Tronto. Alcuni sono abituati a irridere queste percentuali, che però in un testa a testa possono risultare decisive. Il PdF non regala mai le proprie preferenze, il PdF sceglie. A Roma e Milano abbiamo stigmatizzato le scelte improvvide di destre avaloriali che hanno generato candidature insostenibili. Perché i valori sono una cosa seria e la prossima volta il PdF spera di non ritrovarsi da solo a contrastare il delirio d’onnipotenza di Marco Cappato che vuole depenalizzare l’omicidio, tanto per citare una delle tante questioni che da lunedì avremo sul tappeto. E al ddl Zan non si può far finta di fare l’opposizione, con assenze strategiche dei parlamentari piazzati da Morisi quando bastava un voto per vincere definitivamente e abbattere quella legge liberticida. Per battere le sinistre che rischiano lunedì pomeriggio di fare cappotto, 5-0, nelle grandi città serva far nascere un campo vasto cementato dai valori. Non si possono avere più candidati culturalmente o intimamente subalterni alla piattaforma dei “nuovi diritti civili” che vogliono essere imposti dalle sinistre: a ddl Zan, eutanasia, aborto, matrimonio gay, ius soli, utero in affitto, droga libera si deve dire tutti insieme un nettissimo no. Di contro, vanno indicati agli italiani i terreni veri su cui impegnarsi per accrescere i loro diritti: diritto universale a nascere, diritto alla vita anche nella difficoltà, diritto al reddito di maternità per battere la principale piaga del Paese che è la denatalità, diritto al lavoro con un salario adeguato, diritto alla salute, diritto a un fisco equo che prelevi la tassazione basandosi sul quoziente familiare, diritto all’istruzione in una scuola finalmente libera, diritto all’assistenza piena per anziani e disabili, diritto alla casa per le giovani famiglie, diritto all’autoimpiego nell’impresa familiare sostenuta dallo Stato nelle fasi di start up, diritto a non migrare e per chi vi è costretto diritto alla cittadinanza consapevole, diritto alla previdenza senza ulteriori tagli e vessazioni. Se le sinistre puntano ai diritti “civili”, cioè all’oceano di minchiate ideologiche in cui vogliono convincere che il bene sia potersi suicidare e drogare a piacimento tra uteri affittati e bambini comprati da coppie di uomini uniti in un matrimonio senza mater, occorre proporre agli italiani un campo vasto di convinti propugnatori di nuovi diritti sociali che stravolgano valorialmente il modo di concepire i diritti della persona nella loro connessione ai doveri verso la comunità. Per fare questo il Popolo della Famiglia oltre al proprio contributo di consensi (i 47.811 voti sui 5 milioni scarsi di voti validi ottenuti il 5 ottobre dalle liste con il nostro simbolo equivalgono a 300mila voti nazionali) vuole offrire al campo vasto anche il lavoro di elaborazione compiuto in questi anni che può essere un eccellente collante coalizionale. Da lunedì sera ci metteremo al lavoro, sperando di incrementare la nostra pattuglia di eletti nelle istituzioni già ottimamente rimpolpatasi al primo turno (Gabriella D’Amato entra in consiglio comunale se si vince il ballottaggio a Varese). L’assemblea nazionale dell’11 e 12 dicembre fisserà le modalità con cui il Popolo della Famiglia proseguirà la sua battaglia, con l’obiettivo di andare al governo del Paese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/10/2021
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Matrimonio, 30 casi di discriminazioni

Se difendi la famiglia naturale e l’istituto delle nozze uomo-donna vieni discriminato, un rapporto raccoglie trenta clamorosi casi

Leggi tutto

Storie

PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

Con la vittoria del Presidente eletto Donald Trump, l’aria in America forse sta cambiando. Pochi giorni fa, il Select Panel on Infant Lives, insediatosi in seno alla Camera dei Rappresentanti dopo la scoperta dell’affaire Planned Parenthood, ha reso nota una lista di organizzazioni che praticano aborti tardivi e commerciano parti anatomiche dei feti (una pratica che, è bene ricordarlo, le leggi federali, valide su tutto il territorio della nazione, vietano esplicitamente). L’elenco delle istituzioni che sfruttano questo business della morte comprende, tra le altre, l’Università del New Mexico, che ha acquistato tessuti provenienti da feti abortiti tardivamente in una clinica di Albuquerque; una clinica dell’Arkansas, che vendeva i resti dei bimbi non nati a StemExpress, un centro di ricerca sulle staminali con sede in California, che sul suo sito internet non ha remore a dichiarare che «i prodotti di StemExpress, derivati da tessuti umani, variano dai tessuti sani a quelli malati, da quelli dei feti a quelli degli adulti»; e poi, ancora, un’università dell’Ohio, anch’essa coinvolta in questo florido commercio; la DVBiologics, della Contea di Orange in California, che non solo trafficava parti di feti, ma non pagava nemmeno le tasse sulle transazioni; e la stessa Planned Parenthood texana, in affari con l’Università del Texas

Leggi tutto

Società

Vita da neonato

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Serafino Ferrino

Intervista al prof. Serafino Ferrino che, fra i primi sindaci italiani a opporre obiezione di coscienza alle Unioni civili omosessuali, ha subito il 28 luglio una brutale aggressione sui cui colpevoli ancora
non è stata fatta luce. Riconosciamo nell’ex Sindaco di Favria un uomo che ha tenuto la schiena dritta contro la tecnica violenta e anti-democratica dei falsi miti del Progresso. Finito in prognosi riservata

Leggi tutto

Storie

L’esempio del padre della ragazza violentata

Il padre di una delle due quattordicenni romane violentate si è erto a difesa e a sostegno della legge, indicandosi come ulteriore istanza

Leggi tutto

Media

Associazione Stampa Romana - Intelligonews chiude: a casa e senza tutele tutti i lavoratori

Librandi alla fine di ottobre ha comunicato alla redazione la fine dei giochi. Gli accessi si sarebbero ridotti, ma non al punto tale da giustificare una repentina chiusura. Nonostante l’editore negli anni avesse sfruttato il lavoro dei colleghi, avendo fatto poco e nulla per regolarizzare le posizioni contrattuali e previdenziali.
La lettura dei bilanci ci racconta invece tuttora una storia di assoluta sostenibilità dell’impresa editoriale. Forse ha inciso di più la collocazione di Librandi all’interno del partito democratico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano