{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} La nostra pace sicura

Chiesa

di Giampaolo Centofanti

La nostra pace sicura

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato la piccolezza della sua serva” (Lc 1, 46-48)

“Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono docile e piccolino di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero” (Mt 11, 28-30).

Il segreto di Maria e di Gesù, che, come uomo, ha imparato da lei, è di riconoscersi creature portate per mano da Padre. È Dio che opera, trovo vita semplicemente cercando di non contrastare la grazia che mi infonde gradualmente se l’accolgo. Quindi non devo fare tutto subito, capire col cervello un pacchetto di dottrine e metterlo in pratica con le mie forze. Ma accogliere il seme della Parola che si dona, si rivela, cresce, via via, nei tempi opprtuni in me portandomi verso la pienezza della vita. Dio si può manifestare in modo nuovo nel cuore di una persona, anche di un ateo, per esempio facendole scoprire la gioia di un sorriso alla vita. Una piccola grandissima apertura che potrà portare frutto nel tempo. UNA GRANDISSIMA GIOIA, PACE, FIDUCIA: DIO C’È, MI AMA, MI SALVA. Per non essere salvato devo dire definitivamente di no, anche con l’esperienza di tutta la vita, alla sua misericordia senza limiti. Intuisco il mistero del dolore, la debolezza che è la grandezza dell’essere umano. Dio gli fa sperimentare anche nella carne che fuori di Lui non c’è vita, che solo in Lui si risorge. L’uomo può fare tanti errori, andare per vie sbagliate, senza chiudere davvero totalmente il cuore e però sperimentando il malessere di una vita chiusa allo Spirito di Gesù. I diavoli hanno scelto per sempre in un istante il male, la morte. Rientro sempre più in contatto col mio cuore semplice nella Luce serena, a misura.
Nella poesiola seguente immagino le parole di Gesù stesso alla mamma il giorno prima di iniziare la vita pubblica.

Ultimo giorno della vita nascosta, canto a Maria

Il pane fragrante nella piccola brace,
i panni stesi, la porta schiusa,
ogni cosa di te, intorno a te,
sommessa svelava una pace.
Tra la madia, la falegnameria, il piccolo orto,
imparai una piccola, semplice, via.
Piccino la notte sognavo che un manto di stelle
custodiva la terra dal male con un dolce canto.

Poesia tratta da https://gpcentofanti.altervista.org/piccolo-magnificat-un-canto-di-tanti-canti/ dove faccio cantare tante persone. Nessuno può dire quello sono io perché sono storie inventate, nate dal vivere in mezzo alla gente. Sono dunque poesie, scritte al volo, senza pretese, di un prete che cerca di partecipare di cuore alla vita delle persone e insieme a loro cresce e sente il loro canto. Per questo il sottotitolo è tratto da una poesia di Neruda (bella frase ma io mi fido poco di quelli tirati su dalla cultura di oggi, non per loro che possono davvero essere bravi, ma perché fanno sempre e solo comodo al sistema deleterio del pensiero unico): yo vine aqui para cantar y para que cantes conmigo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2021
2906/2022
Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Società

Una meccanica rotta di collisione

Le dinamiche del pensiero unico imperversano in modo crescente. Ecco alcuni criteri riscontrabili nelle logiche di apparato.

Leggi tutto

Chiesa

Sudan: più sicurezza per la popolazione

In Sudan il presidente della Conferenza episcopale sudanese esorta a lavorare per la pace

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: Dio doni la pace

“Signore, ascolta la preghiera di coloro che soffrono e fuggono sotto il frastuono delle armi”: è l’invocazione del Papa, nel giorno della preghiera e del digiuno per l’Ucraina, a conclusione dell’omelia della Messa delle Ceneri, letta dal cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin nella Basilica Vaticana.

Leggi tutto

Storie

La cantante “Madonna” scrive a Papa Francesco

Regina indiscussa del pop internazionale, Madonna ha aperto un account su Twitter qualche mese fa. Da sempre al passo con i tempi, l’autrice di Material Girl ha spesso manifestato il desiderio di interagire maggiormente con i propri fan. Ed è stata di parola. A qualche settimana dal suo debutto sulla piattaforma social, Mrs Ciccone ha voluto approfittarne per scrivere un messaggio diretto a Papa Francesco.

Leggi tutto

Società

La storia di Flora Gualdani una vita per il prossimo

La vita di Flora Gualdani è stata una continua silenziosissima tessitura di una tela che protegge donne e bambini. Donne che la società e la cultura avrebbero voluto veder interrompere la gravidanza, ma che sono state aiutate a guardare la disperazione negli occhi e, coraggiosamente, sostenute a non compiere l’errore più grande della loro vita. Verrebbe da chiedersi, automaticamente, che n’è delle donne che, invece, quell’errore l’hanno compiuto, e poi hanno incontrato Flora: «Con quelle che hanno abortito – dice Flora – ho cercato di amarle un pochino di più, perché erano donne che erano segnate da un dolore. Ho cercato di dire loro che certo, distruggere una vita non è una cosa da nulla, ma tu –dice rivolgendosi direttamente a ognuna di loro – hai ucciso un corpo, il ginecologo ha operato sul corpo del tuo bambino, ma non ha distrutto la persona, che è molto di più. Quell’anima eterna che gli è stata infusa (al bambino) nel momento del concepimento, dov’è intervenuto lo Spirito Santo, è un’anima che nessuno può distruggere. Il tuo bambino vive, riconciliati con lui: ricongiungi questo cordone. (Glielo dico) perché altrimenti non trovano pace». Non basterebbero mille parole per esprimere gratitudine nei confronti di chi avvolge le braccia intorno a ogni donna distrutta da quel dolore: giustificarle e dire che non debbono sentirsi in colpa sarebbe solo un modo per sminuire la loro sofferenza, ma accoglierle e dire loro che non sono sole nel dolore, è un modo molto dolce per responsabilizzarle e risollevare il loro animo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano