Politica

di Mirko De Carli

MANCANO LE PAROLE D’ORDINE E IL CENTRO-DESTRA SI SCHIANTA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo questi ballottaggi si palesano tutti i limiti dell’offerta politica del centrodestra italiano: non facciamoci ingannare dalla bassa affluenza elettorale, il popolo moderato se ci fossero state proposte politiche all’altezza delle aspettative si sarebbe certamente mobilitato. Il reale problema è strettamente connesso con l’incapacità di Meloni e Salvini (e, a seguire, dei loro rispettivi candidati a sindaco) di presentare al paese una serie di “cose da fare” saldamente ancorate a pochi ma ben definiti valori di fondo condivisi. Ognuno invece appariva in competizione con l’altro: Meloni su Salvini, Salvini su Meloni e Berlusconi su entrambi. Risultato: grande confusione, contraddizioni a non finire e disorientamento generale.

Occorre un ragionato cambio di rotta nel lavoro di costruzione dell’alternativa alla sinistra che abbracci la visione, più volte rilanciata come Popolo della Famiglia, del campo vasto. Nel concreto cosa significherebbe? Ecco cinque passi operativi che elenco brevemente per favorirne la comprensione:

- superamento della logica dell’attuale “tavolo del centrodestra” aperto ai soli gruppi parlamentari con la costruzione di un coordinamento allargato delle forze e dei movimenti alternativi al centro-sinistra (anche non presenti in Parlamento) con pari dignità riconosciuta ai singoli movimenti aderenti;

- costruzione di un “patto valoriale” che saldi tutte le realtà del c.d. campo vasto attraverso un’elencazione dettagliata e coerente di valori di riferimento (a partire naturalmente dalla difesa e promozione della vita e della famiglia);

- scelta dei candidati alle prossime elezioni amministrative con ampio anticipo e in maniera condivisa (coinvolgendo le realtà civiche e non scegliendo candidati cicivi per aggredire il consenso dei civici) al fine di costruire programmi frutto di un autentico ascolto del territorio;

- predisporre un piano ambizioso da sottoporre all’attenzione del governo per rilanciare natalità, famiglia e impresa familiare attraverso le azioni previste nel PNRR;

- presentare una candidatura unitaria e credibile per la Presidenza della Repubblica (un nome di assoluto valore potrebbe essere Marta Cartabia, attuale Ministro di Grazia e Giustizia) che rinsaldi il “vecchio” centrodestra nel nuovo campo vasto con l’obiettivo dichiarato di portare a termine la legislatura e presentarsi competitivi alle elezioni politiche del 2023.

Una terapia che, se praticata con umiltà e dedizione, potrebbe frenare l’emorragia di consensi verso l’astensionismo e rimotivare tanti militanti ed elettori in vista di una competizione elettorale nazionale dove, per non trovarsi nella necessità di altri governi istituzionali, il campo vasto alternativo alla sinistra deve necessariamente raggiungere almeno il 50% più uno dei consensi elettorali.

Come Popolo della Famiglia siamo pronti a portare il nostro piccolo ma pugnace contributo: per il resto a buon intenditor poche parole.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2021
2503/2023
Annunciazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi fa campagna per il SÌ ed il centro-destra è allo sbando

Che significa identità? Di quale identità stiamo parlando? Mi sembra che Galli della Loggia colga nel segno quando scrive: “In realtà, se oggi la Destra italiana si ritrova priva di una sua specifica immagine, priva di riconoscibilità, è anche perché essa sconta un vuoto storico della propria identità: vale a dire l’assenza di una vera, effettiva, cultura conservatrice

Leggi tutto

Chiesa

La sussidiarietà nella Dottrina sociale della Chiesa

Il 18 maggio si terrà a Roma il secondo appuntamento della “Scuola di Dottrina sociale della Chiesa per dirigenti e iscritti del Popolo della Famiglia”. Oltre a Giovanni Marcotullio e Fabio Torriero, che parleranno rispettivamente di “Corretta laicità della politica” e “Comunicazione efficace dei principi non negoziabili”, Giuseppe Brienza terrà una relazione sul tema “L’articolazione sussidiaria del potere politico”, che qui anticipiamo in sintesi. L’incontro di questa settimana sarà seguito da altre tre sessioni con termine del corso 28 giugno

Leggi tutto

Media

Associazione Stampa Romana - Intelligonews chiude: a casa e senza tutele tutti i lavoratori

Librandi alla fine di ottobre ha comunicato alla redazione la fine dei giochi. Gli accessi si sarebbero ridotti, ma non al punto tale da giustificare una repentina chiusura. Nonostante l’editore negli anni avesse sfruttato il lavoro dei colleghi, avendo fatto poco e nulla per regolarizzare le posizioni contrattuali e previdenziali.
La lettura dei bilanci ci racconta invece tuttora una storia di assoluta sostenibilità dell’impresa editoriale. Forse ha inciso di più la collocazione di Librandi all’interno del partito democratico.

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Società

I CUSTODI DEL SABATO CONTRO “P. CORRADO”

Perché un certo segmento di mondo cattolico da giorni non cessa di berciare contro il cardinale elemosiniere di Papa Francesco

Leggi tutto

Chiesa

Beatificata oggi a Granada Madre María Emilia Riquelme y Zayas

María Emilia venne alla luce il 5 agosto 1847, da don Joaquín Riquelme y Gómez, tenente colonnello dell’Esercito spagnolo, e doña María Emilia Zayas Fernández de Córdoba y de la Vega, che vantava tra i suoi antenati Gonzalo Fernández de Córdoba, detto il Gran Capitano. Fu battezzata dopo due giorni dalla nascita, con i nomi di María Emilia, Joaquina, Rosario, Josefa, Nieves de la Santísima Trinidad: un elenco così lungo era per non scontentare nessun parente, come si usava tra le famiglie nobili del tempo. Suo padre aveva sperato che il primogenito fosse un maschio, ma l’erede venne dopo di lei.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano