Politica

di Mirko De Carli

MANCANO LE PAROLE D’ORDINE E IL CENTRO-DESTRA SI SCHIANTA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo questi ballottaggi si palesano tutti i limiti dell’offerta politica del centrodestra italiano: non facciamoci ingannare dalla bassa affluenza elettorale, il popolo moderato se ci fossero state proposte politiche all’altezza delle aspettative si sarebbe certamente mobilitato. Il reale problema è strettamente connesso con l’incapacità di Meloni e Salvini (e, a seguire, dei loro rispettivi candidati a sindaco) di presentare al paese una serie di “cose da fare” saldamente ancorate a pochi ma ben definiti valori di fondo condivisi. Ognuno invece appariva in competizione con l’altro: Meloni su Salvini, Salvini su Meloni e Berlusconi su entrambi. Risultato: grande confusione, contraddizioni a non finire e disorientamento generale.

Occorre un ragionato cambio di rotta nel lavoro di costruzione dell’alternativa alla sinistra che abbracci la visione, più volte rilanciata come Popolo della Famiglia, del campo vasto. Nel concreto cosa significherebbe? Ecco cinque passi operativi che elenco brevemente per favorirne la comprensione:

- superamento della logica dell’attuale “tavolo del centrodestra” aperto ai soli gruppi parlamentari con la costruzione di un coordinamento allargato delle forze e dei movimenti alternativi al centro-sinistra (anche non presenti in Parlamento) con pari dignità riconosciuta ai singoli movimenti aderenti;

- costruzione di un “patto valoriale” che saldi tutte le realtà del c.d. campo vasto attraverso un’elencazione dettagliata e coerente di valori di riferimento (a partire naturalmente dalla difesa e promozione della vita e della famiglia);

- scelta dei candidati alle prossime elezioni amministrative con ampio anticipo e in maniera condivisa (coinvolgendo le realtà civiche e non scegliendo candidati cicivi per aggredire il consenso dei civici) al fine di costruire programmi frutto di un autentico ascolto del territorio;

- predisporre un piano ambizioso da sottoporre all’attenzione del governo per rilanciare natalità, famiglia e impresa familiare attraverso le azioni previste nel PNRR;

- presentare una candidatura unitaria e credibile per la Presidenza della Repubblica (un nome di assoluto valore potrebbe essere Marta Cartabia, attuale Ministro di Grazia e Giustizia) che rinsaldi il “vecchio” centrodestra nel nuovo campo vasto con l’obiettivo dichiarato di portare a termine la legislatura e presentarsi competitivi alle elezioni politiche del 2023.

Una terapia che, se praticata con umiltà e dedizione, potrebbe frenare l’emorragia di consensi verso l’astensionismo e rimotivare tanti militanti ed elettori in vista di una competizione elettorale nazionale dove, per non trovarsi nella necessità di altri governi istituzionali, il campo vasto alternativo alla sinistra deve necessariamente raggiungere almeno il 50% più uno dei consensi elettorali.

Come Popolo della Famiglia siamo pronti a portare il nostro piccolo ma pugnace contributo: per il resto a buon intenditor poche parole.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2021
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Politica

La politica che lucra sulle dipendenze

Se il centrodestra ha Salvini che promuove la prostituzione, a sinistra Civati vanta i soldi che si farebbero con la droga. Sui nostri figli!

Leggi tutto

Politica

Reddito di maternità: ecco tutto quello che c’è da sapere

Il Popolo della Famiglia avvia con la bollinatura della proposta di legge di iniziativa popolare un iter politico che lo porta ad affermarsi quale forza extraparlamentare ma realmente territoriale. Il termometro mediatico si è acceso sulla germinale riforma del lavoro, e di coseguenza su quella fiscale da questa implicata, che vi si trova in nuce. La meta è raccogliere almeno 50mila firme in 6 mesi.

Leggi tutto

Politica

Nel segno della resistenza alla deriva eutanasica la IV festa de La Croce da domani a Pomezia

SUICIDIO ASSISTITO: PDF, “PER I CRISTIANI E’ L’ORA DELLA RESISTENZA”. LA 4a FESTA NAZIONALE DE LA CROCE DA DOMANI 27/9 A POMEZIA (RM)

Leggi tutto

Politica

LE ERRATE PREMESSE LOGICHE DI SAVIANO

La paginata che il Corriere della Sera regala a Saviano per dire “il proibizionismo ha fallito” e “fa ricche le mafie” crea le errate premesse logiche non per la cannabis di Stato, ma per far diventare lo Stato spacciatore di ogni droga. Dicono di voler “salvare i giovani”. Li stanno annegando in un oceano di minchiate.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano