Politica

di Mario Adinolfi

PERDONO PERCHÉ TACCIONO SUI VALORI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le destre perdono malissimo in tutte le grandi città. Perché? Hanno paura di una nettezza esplicita sui valori. Michetti ha passato il tempo a presentarsi ai romani che non lo conoscevano e a giustificarsi dopo che lo hanno conosciuto. Salvini e Meloni, come Berlusconi, non hanno emesso un fiato mentre per tre mesi Cappato e Fedez aravano l’Italia per coltivare la transizione alla droga libera e alla legge sull’eutanasia. Addirittura Paolo Damilano a Torino prima ha tranquillizzato Luxuria sul festival che drena migliaia di euro a favore della nota lobby, poi è andato al FUORI di Mario Mieli e infine persino all’Arcigay a rassicurarli sull’utero in affitto e la registrazione anagrafica al Comune dei figli privati di un padre o di una madre. Così si perde e si perde male. Peccato, Damilano sarebbe stato un ottimo sindaco di Torino. Ma se sei un papà di cinque figli magari dilla una parolina per la natalità e contro l’aborto. Altro che “i diritti non si toccano”. Quelli sono falsi diritti che vanno abbattuti, puntando sui veri e negati diritti sociali: al lavoro, alla casa, a nascere, alla vita, alla sanità, all’assistenza, allo studio in una scuola veramente libera, al fisco equo con il quoziente familiare, alla maternità con relativo reddito per la donna che lavora in famiglia, alla cura (palliativa, se serve) anche quando si è inguaribili, alla solidarietà, all’impresa libera e familiare, alla libertà religiosa, al matrimonio solido e non al divorzio lampo. Se alle sinistre sempre più simili al partito radicale di massa profetizzato da Augusto Del Noce sapremo opporre il campo vasto dei diritti sociali e dei valori nazionali, allora un’alternativa di governo del Paese sarà possibile. Se si vuole solo essere la copia sbiadita con qualche no episodico alla piattaforma di tristi novità proposte dalle sinistre, le sconfitte dell’ottobre 2021 saranno destinate a ripetersi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Se il PDF trova la sponda della Chiesa

Questo è semplicemente avere chiara una verità che abbiamo ricevuto e che a nostra volta dobbiamo trasmettere, una verità che non possiamo tacere, una verità che sola basta a salvarci e che ci fa autenticamente liberi.

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Società

Corinaldo e le tre mele avvelenate

La distruzione, come in una gotica fiaba di Biancaneve, è veicolata da tre mele avvelenate che rappresentano tre dipendenze. Il brutto è che sono dipendenze diffusissime. Il bello è che si possono combattere, come tutte le dipendenze. Le tre mele avvelenate sono: l’alcool, la droga, la bulimia di denaro. Parto da quest’ultima: si è diffuso nel mondo musicale legato proprio a rap e trap questo metodo del cosiddetto dj set. Il dj set non è un concerto vero e proprio, il cosiddetto artista si fa vedere in tre o anche quattro location differenti nella stessa sera, “canta” due o al massimo tre pezzi, i più noti, si fa pagare un cachet stellare, sempre a cinque cifre. ....

Leggi tutto

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Chiesa

Il miracolo di ogni vocazione

A volte si sente dire che il matrimonio ha una base naturale sulla quale si innesta la fede cristiana. Si può trattare talora di visioni variamente distorte e anche poco specificate. L’unione di coppia terrena può essere più facilmente soggetta alla precarietà dei rapporti umani. Certo si spera che nessuna legge sia mai a danno, per esempio, dei bambini.

Leggi tutto

Politica

Quirinale. I cattolici tifano Cartabia ed Adinolfi

Per la corsa al Quirinale i cattolici tifano Cartabia, secondo Berlusconi, terza Casellati. Segue Adinolfi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano