Società

di Giuseppe Udinov

Vaccino contro il Covid: ecco come richiedere il risarcimento danni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Codacons ha deciso di far partire la prima azione di risarcimento per danni permanenti da vaccinazione anti-Covid. L’associazione dei consumatori si dice “fortemente favorevole” al proseguimento della compagna vaccinale, ribadendo la sua convinzione riguardo all’importanza del vaccino “quale unica reale possibilità a disposizione al fine di tutelare la salute collettiva”. Allo stesso tempo, però, intende tutelare i cittadini che riportino danni permanenti e comprovati dopo aver ricevuto la somministrazione dei vaccini Covid autorizzati in Italia.

L’associazione dei consumatori si dice “fortemente favorevole” al proseguimento della compagna vaccinale, ribadendo la sua convinzione riguardo all’importanza del vaccino “quale unica reale possibilità a disposizione al fine di tutelare la salute collettiva”. Allo stesso tempo, però, intende tutelare i cittadini che riportino danni permanenti e comprovati dopo aver ricevuto la somministrazione dei vaccini Covid autorizzati in Italia.

L’azione risarcitoria, la prima in assoluto, è partita dopo la segnalazione da parte di un cittadino romano di 46 anni che, poco dopo la somministrazione del vaccino Johnson & Johnson presso una farmacia, è stato colpito da ictus. Ricoverato d’urgenza in ospedale, tuttora il paziente risulta in terapia per il recupero.

L’uomo si è sottoposto a vaccino Janssen il 6 agosto scorso. A distanza di poche ore, ha iniziato ad accusare i primi malori, tra cui dolore al braccio e una paresi sul lato sinistro del viso in prossimità della bocca, che gli impediva di parlare correttamente. Poi è svenuto. All’arrivo dei soccorsi, il braccio e tutta la parte sinistra del corpo erano totalmente paralizzati e privi di sensibilità.

Al pronto soccorso è stato diagnosticato un “ictus cerebrale ischemico a carico dell’emisfero destro” ed è stata effettuata una trombolisi per via endovenosa. Successivamente, il paziente è stato trasferito in una clinica per la riabilitazione neuromotoria, dove tuttora è ricoverato, ancora con difficoltà deambulatorie, motorie, sensitive e del linguaggio.

Nella perizia medica condotta per conto del Codacons, cui il paziente ha chiesto assistenza legale, si legge che “appare evidente come la circostanza della procedura vaccinale possa avere rappresentato il ‘primum movens’ di un episodio tromboembolico.

Un fattore scatenante, dunque, come peraltro già evidenziato nella letteratura scientifica, in un soggetto sano, di 46 anni, privo di importanti ed evidenti fattori di rischio: soggetto non fumatore, non bevitore, non uso a sostanze stupefacenti, non diabetico, non iperteso, non in sovrappeso (peso kg 70, altezza cm 174), non con predisposizioni genetiche, né familiarità per malattie tromboemboliche o per alterazioni del sistema emocoagulativo.

Dunque, dalla documentazione medica risulta confermata l’ipotesi secondo la quale il vaccino ha potuto determinare, anche in termini di concausa, l’inizio di una trombosi.
L’azione legale di Codacons ora si muove verso una formale richiesta di indennizzo, ai sensi della legge 210/92, che riconosce un risarcimento ai cittadini vittime di danni da vaccinazione.

La legge prevede infatti che “chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge”.

Con sentenza n. 268 del 2017 la Corte Costituzionale ha anche confermato l’orientamento espresso in precedenza, ribadendo la possibilità di estendere la richiesta di indennizzo non solo nel caso di vaccini obbligatori ma anche quelli “fortemente raccomandati” mediante specifiche campagne informative svolte da autorità sanitarie e mirate alla tutela della salute, non solo individuale, ma anche collettiva.

In caso di rifiuto a riconoscere l’indennizzo previsto dalla normativa, scatterà una formale causa in tribunale contro il Ministero della salute per far ottenere al cittadino danneggiato dal vaccino il risarcimento cui ha diritto.

Il punto è – sostiene il Codacons – che laddove, a causa della somministrazione del vaccino Covid, si siano riscontrate conseguenze negative e permanenti per l’integrità psico-fisica è necessario che lo Stato tuteli e ristori adeguatamente il cittadino per il danno subito mediante gli strumenti consentiti dalla legge.
Per questo l’associazione mette a disposizione un modulo di pre-adesione (lo trovate qui) con il quale chi si è sottoposto alla vaccinazione riportando danni permanenti, lievi o gravi, può segnalarlo, allegando adeguata documentazione sanitaria o accertamento medico-legale, che verranno valutati dai sanitari e legali incaricati.

Risarcimento danni da vaccino Covid: il modulo online

La pre-adesione non comporta l’obbligo né il diritto di aderire all’eventuale richiesta. Per pre-aderire gratuitamente, senza impegno, all’iniziativa ed essere aggiornati dal Codacons riguardo gli sviluppi della vicenda potete accedere qui: http://www.termilcons.net/index.php?pagina=page_publicForm&idForm=873&css=1&access=ok e sarete ricontattati dai legali dell’associazione laddove dalla segnalazione ricevuta emergano i presupposti per la richiesta di indennizzo.

Qui invece trovate il modulo per segnalare all’AIFA eventuali reazioni avverse al vaccino Covid.( https://www.aifa.gov.it/moduli-segnalazione-reazioni-avverse).

Le segnalazioni riguardano come ovvio soprattutto Pfizer, essendo il più somministrato, e solo in minor misura AstraZeneca e Moderna, mentre il Johnson & Johnson risulta meno utilizzato. L’andamento delle segnalazioni e i relativi tassi sono sostanzialmente stabili nel tempo, con una lieve flessione attesa nel periodo estivo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2021
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Chiesa

CEI: al via il Consiglio permanente

Bassetti sottolina come una “grave inquietudine la prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente. Autorevoli giuristi hanno messo in evidenza serie problematiche di compatibilità costituzionale nel quesito per il quale sono state raccolte le firme e nelle conseguenze che un’eventuale abrogazione determinerebbe nell’ordinamento”. “E’ necessario ribadire che non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire, ma il prevalere di una concezione antropologica e nichilista in cui non trovano più spazio né la speranza né le relazioni interpersonali. C’è una contraddizione stridente tra la mobilitazione solidale, che ha visto un Paese intero attivarsi contro un virus portatore di morte, e un’iniziativa che, a prescindere dalle intenzioni dei singoli firmatari della richiesta referendaria, propone una soluzione che rappresenta una sconfitta dell’umano”, confida il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

Politica

Curiosità sul G20

Vaccini, clima e salute al centro dell’agenda del capi di Stato. In programma oggi il meeting congiunto dei ministri delle Finanze e della Salute per fare il punto sui vaccini e sulla situazione pandemica.

Leggi tutto

Politica

Murro, Popolo della Famiglia: la legge di bilancio necessita il confronto

Murro, Popolo della Famiglia: ” nuova legge di bilancio. Opportuno sarebbe un confronto con le parti sociali”. Formazione e posti di lavoro sono alla base di tutto. Così Rosario Murro Popolo della Famiglia in una breve intervista.

Leggi tutto

Politica

Virus, vaccino e libertà

Eccovi un interessante osservazione di Mario Adinolfi sulla situazione della gestione pandemica in Italia.

Leggi tutto

Storie

Docente no Green pass, “ecco perchè non mi vaccino”

Quanto ai rischi per la salute, Pigozzi ha le idee chiare. “So quello che rischio - dice -, ma anche chi si vaccina sta rischiando”. Quanto alla sua vita quotidiana, ormai è limitata al minimo indispensabile. “L’Italia è il Paese con più restrizioni possibili - spiega -, io posso solo fare la spesa, prendere l’auto e al massimo un caffè al bar da asporto. Ma chi paga il prezzo sociale più alto - conclude - sono i giovani”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano