Storie

di Roberto Signori

Cina - Jiangsu: raid della polizia contro scuole cristiane

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La polizia del Jiangsu ha compiuto una serie di arresti legati alle attività di due istituzioni scolastiche cristiane. A riportalo è ChinaAid, che sottolinea il crescente e “coordinato” giro di vite del governo contro i programmi educativi cristiani.

Nei giorni scorsi a Suzhou le Forze dell’ordine hanno arrestato cinque rappresentanti dell’Abeka Accademy, compreso il direttore della filiale cinese Wang Jian. Affiliata al Pensacola Christian College negli Usa, l’accademia offre corsi scolastici casalinghi in tutto il mondo.

I testi forniti dall’Abeka Accademy si basano sugli insegnamenti della Bibbia. Secondo ChinaAid, le autorità locali la ritengono una violazione dell’art. 24 della Costituzione cinese. Il fatto che il programma dell’accademia sia molto popolare fra i cristiani cinesi avrebbe portato all’intervento della polizia.

Il giorno dopo il raid contro l’Abeka Accademy, le Forze dell’ordine hanno fatto irruzione in una scuola cristiana di Zhenjiang. Gli agenti hanno preso in custodia 10 bambini, tre insegnanti e tre genitori. Le autorità hanno rilasciato subito gli studenti; al 14 ottobre non si hanno notizie degli altri fermati.

Un’azione dello stesso tipo si è avuta lo scorso mese ad Harbin (Heilongjiang). La polizia ha arrestato tutto lo staff e diversi studenti dell’Istituto superiore Maizi, una scuola musicale cristiana. Fra gli arrestati vi è anche il preside della struttura.

Dalla scorsa primavera le autorità hanno imposto limiti alle scuole private che offrono corsi post-scolastici: un business da 102 miliardi di euro nel 2019, dato in crescita a 131 miliardi nel 2025.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/10/2021
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La Chiesa ortodossa rumena è profamily

«La Chiesa ortodossa romena considera con preoccupazione le misure relative alla possibile formalizzazione, ventilata in queste ore, concernente il “partenariato civile”». Sono parole di una nota rilasciata dall’ufficio stampa del Patriarcato rumeno.
«I tentativi di ridefinire la famiglia naturale e tradizionale sembrano parte di un programma ideologico», prosegue.

Leggi tutto

Politica

Si al voto dei 18enni in Senato

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha promulgato a legge la riforma costituzionale che permetterà di votare in Senato dai 18 anni.

Leggi tutto

Chiesa

La comunità cattolica ucraina di Bergamo compie 20 anni

Domenica 19 dicembre festeggiano il 20° di costituzione della loro comunità nella nostra diocesi, avvenuta ufficialmente il 15 novembre 2001 con una Divina Liturgia (che è la loro Messa) nella chiesa parrocchiale di San Tomaso de’ Calvi. Attualmente sono seguiti da padre Vasyl Harchuk, che dipende dall’esarcato apostolico in Italia, che a sede a Roma, guidato attualmente dal vescovo esarca Dionisij Ljachovič, che fa riferimento da Svjatoslav Ševčuk, arcivescovo maggiore di Kiev-Halyc. Questo il programma di domenica nella chiesa di Santo Spirito: alle 12 Divina Liturgia (interviene il coto Trio di seminaristi).

Leggi tutto

Storie

Myanmar: L’esercito scaglia bombe sui profughi cristiani

La comunità cattolica si è radunata nella boscaglia per celebrare un semplice e sobrio rito funebre, nella commozione generale, mentre il sacerdote cattolico don Jacob Khun ha pronunciato brevi parole di commemorazione delle vittime, invitando alla speranza e alla preghiera.

Leggi tutto

Storie

Malawi aiuti ed istruzione per i bambini in difficoltà

Nel Paese i minori costituiscono quasi metà della popolazione e la maggior parte di loro è spesso privata dei diritti essenziali: cibo, acqua, salute, istruzione. “L’istruzione primaria dai 6 anni ai 14 anni è obbligatoria, ma solo la metà degli studenti conclude questo ciclo di studi

Leggi tutto

Politica

Camera dei Deputati: no al presidenzialismo

La Camera ha affossato la riforma sul presidenzialismo. Sono, infatti, passati gli emendamenti sopressivi del M5S con 236 voti a favore, 204 contrari e 19 astensioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano