Storie

di Roberto Signori

Cina - Jiangsu: raid della polizia contro scuole cristiane

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La polizia del Jiangsu ha compiuto una serie di arresti legati alle attività di due istituzioni scolastiche cristiane. A riportalo è ChinaAid, che sottolinea il crescente e “coordinato” giro di vite del governo contro i programmi educativi cristiani.

Nei giorni scorsi a Suzhou le Forze dell’ordine hanno arrestato cinque rappresentanti dell’Abeka Accademy, compreso il direttore della filiale cinese Wang Jian. Affiliata al Pensacola Christian College negli Usa, l’accademia offre corsi scolastici casalinghi in tutto il mondo.

I testi forniti dall’Abeka Accademy si basano sugli insegnamenti della Bibbia. Secondo ChinaAid, le autorità locali la ritengono una violazione dell’art. 24 della Costituzione cinese. Il fatto che il programma dell’accademia sia molto popolare fra i cristiani cinesi avrebbe portato all’intervento della polizia.

Il giorno dopo il raid contro l’Abeka Accademy, le Forze dell’ordine hanno fatto irruzione in una scuola cristiana di Zhenjiang. Gli agenti hanno preso in custodia 10 bambini, tre insegnanti e tre genitori. Le autorità hanno rilasciato subito gli studenti; al 14 ottobre non si hanno notizie degli altri fermati.

Un’azione dello stesso tipo si è avuta lo scorso mese ad Harbin (Heilongjiang). La polizia ha arrestato tutto lo staff e diversi studenti dell’Istituto superiore Maizi, una scuola musicale cristiana. Fra gli arrestati vi è anche il preside della struttura.

Dalla scorsa primavera le autorità hanno imposto limiti alle scuole private che offrono corsi post-scolastici: un business da 102 miliardi di euro nel 2019, dato in crescita a 131 miliardi nel 2025.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/10/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Verso il Sinodo dei giovani

A Roma si preparano gruppi di lavoro e schemi, mentre in Svizzera sono i giovani stessi che si preparano in vista del sinodo, nel quale vorranno evidentemente dire la loro. Non manca (né mancherà) chi si prepara a chiedere le solite “aperture”, mentre all’ombra del Cupolone qualcuno auspica che gli stessi argomenti di discussione siano un po’ meno “calati dall’alto”…

Leggi tutto

Chiesa

In Italia una fede “dubbiosa”

Presentata l’indagine sociologica “L’incerta fede” commissionata dalla Conferenza episcopale italiana a 25 anni da “La religiosità in Italia”. A Messa solo il 22 per cento (nel 1995 era il 31), ma tiene la preghiera personale. Scende il numero di chi crede ad una vita oltre la morte, dal 41 al 28 per cento

Leggi tutto

Politica

Paesi Bassi: una guida al dialogo tra cristiani e musulmani

“Fede e professione: una guida al dialogo tra cristiani e musulmani”. Iniziativa interreligiosa fra cattolici e islam nei Paesi Bassi

Leggi tutto

Chiesa

Corea del Sud: lavorare insieme per la riconciliazione

Chiesa cattolica e governo coreano intendono operare insieme per la pace, la riconciliazione e la riunificazione della penisola coreana

Leggi tutto

Società

Erbil: Maria, 20 anni, uccisa dai parenti per la conversione al cristianesimo

La giovane aveva decine di migliaia di follower sui social, dove promuoveva battaglie a favore dei diritti e delle libertà. Appena 12enne era stata costretta dalla famiglia musulmana a sposare un uomo da cui si era separata quattro anni più tardi.

Leggi tutto

Storie

MYANMAR - giunta militare attacca un villaggio cristiano

Sono almeno 20 le case bruciate in questi giorni a Chan Thar, oltre 500 le scorte di riso andate perse e parecchi gli sfollati.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano