Storie

di Raffaele Dicembrino

Il saluto a Luigi Amicone

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Luigino Amicone ha lasciato improvvisamente familiari, amici, colleghi ed anche i suoi appassionati lettori. Oggi l’ultimo saluto. Il ricordo di Massimo Camisasca vescovo di Reggio Emilia sul Corriere.

Luigi Amicone fu uno di quei giovani che nel tempo del liceo erano stati affascinati dalle proposte della sinistra extraparlamentare. Un incontro cambiò la sua vita.

Nella realtà dei primi gruppi di Comunione e Liberazione, che stava allora rinascendo dalle ceneri del ’68, trovò la risposta che cercava la sua inguaribile sete di vita. Luigino era un animo semplice e profondo assieme. Appassionato fino a diventare intransigente, e limpido, di quella limpidezza che appariva nei suoi occhi, che rimasero quelli di un bambino anche nella maturità e nella vecchiaia incipiente.

Nel 1976 si trovò a far parte di quel piccolo gruppo di giovani intorno a don Giussani che fece di loro la punta avanzata di un rinnovamento di Comunione e Liberazione. La scoperta della fede aprì per Luigi una responsabilità sociale. Chiuso Il Sabato, fondò Tempi. Ha parlato in questi venticinque anni di temi trascurati da tutti e con un’ottica assolutamente originale e misconosciuta: educazione, libertà religiosa, cristiani perseguitati, un’Europa burocratica e radicale, lontana dai popoli che la costituiscono.

Ha colpito con durezza e verità le correnti che sono ritenute ovvie in questo tempo di postmodernità: la relativizzazione della sessualità, il minimalismo nella letteratura, il nichilismo nella vita quotidiana.

Ha parlato di Chiesa sempre con grande rispetto e con laica libertà.

Da un certo punto di vista Amicone è stato un sognatore, ma di questi sogni abbiamo bisogno per allargare gli orizzonti talvolta ristretti della nostra vita quotidiana.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/10/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Chiesa

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Così Giovanni Paolo II, beatificandolo a Notre Dame, nel 1997, definiva il santo cui è stato assegnato uno dei posti più in ombra del calendario cattolico, la casella odierna, riempita dalla Vergine.

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Newman fra i beati che volano verso gli altari

L’anglicano tornato a Roma è senza dubbio quello il cui nome spicca, nel decreto firmato ieri mattina da Papa Francesco fra le mani del prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi – Angelo Becciu –. Insieme con la sua, però, progrediscono anche le cause di altri due beati, mentre sono tre i venerabili, prossimi beati, delle cui virtù è stata riconosciuta l’eroicità.

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano