Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Gli scritti giovannei chiave per il discernimento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Viviamo un drammatico bisogno di scoprire le vie di un più autentico discernimento a tutto campo.

Il vangelo di Giovanni e gli altri scritti neotestamentari che si fanno in vario modo risalire a lui ci introducono profondamente nel discernere concreto, divino e umano, di Gesù e in quello in lui dei suoi discepoli. Una scuola di graduale consapevolezza del cuore nella luce a misura, serena, come una colomba, dello Spirito. Il discernere del discepolo amato da Gesù, ossia che si lasciava amare, portare, da Gesù reclinando il capo sul petto del Signore.

Un discernimento sempre più semplice ed equilibrato, che impara a non lasciarsi confondere dai διαλογιςμοι ossia dal ragionare astratto, calcolante, dalle vuote chiacchiere, venendo invece portati nei criteri della fede, di una fede incarnata. Un discernimento che cerca con commovente sincerità di permettere a Cristo di condurlo oltre i propri schemi, le proprie, anche ecclesiali, ristrettezze di cuore, verso il discernere divino e umano del Gesù dei vangeli.

Il palesamento della pastorale del Figlio dell’uomo, che accompagna ognuno sul suo personalissimo, ben al di là degli schemi, cammino verso la pienezza spirituale e umana. Il manifestarsi di Gesù, sulla base dei riferimenti fondamentali da lui donati, nel corso della storia, dunque in un profondo, sinodale, cammino e con l’aiuto di ogni uomo.

Un percorso così ricco e a misura che rimanda ancor più chiaramente, sulla concreta scia degli altri vangeli, ad una meditazione personale e comunitaria dal vivo, nelle situazioni specifiche, piccolini, con l’aiuto di Maria, portati dal cuore di Gesù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/10/2021
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Politica

Le nuove parole d’ordine della Francia

Onestà, rettitudine e coraggio sembrano essere le nuove direttrici della Repubblica francese. Questo almeno stando al discorso di inizio legislatura tenuto dal presidente del consiglio Édouard Philippe: un Paese fondato sulla classicità romana, molto più che sul giacobinismo. Copertine che non cambiano la sostanza, a ben vedere: o la fondazione di una res publica si regge sullo scavo di un’etica condivisa oppure chi è più forte vince. E basta

Leggi tutto

Politica

Su Gerusalemme tutti contro Trump e Putin

Gerusalemme, uno strappo inutilmente pericoloso.  Neppure un solo Paese, a parte Israele, sembra appoggiare Trump nella sua mossa unilaterale. Sarà la scelta giusta?

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano