Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Gli scritti giovannei chiave per il discernimento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Viviamo un drammatico bisogno di scoprire le vie di un più autentico discernimento a tutto campo.

Il vangelo di Giovanni e gli altri scritti neotestamentari che si fanno in vario modo risalire a lui ci introducono profondamente nel discernere concreto, divino e umano, di Gesù e in quello in lui dei suoi discepoli. Una scuola di graduale consapevolezza del cuore nella luce a misura, serena, come una colomba, dello Spirito. Il discernere del discepolo amato da Gesù, ossia che si lasciava amare, portare, da Gesù reclinando il capo sul petto del Signore.

Un discernimento sempre più semplice ed equilibrato, che impara a non lasciarsi confondere dai διαλογιςμοι ossia dal ragionare astratto, calcolante, dalle vuote chiacchiere, venendo invece portati nei criteri della fede, di una fede incarnata. Un discernimento che cerca con commovente sincerità di permettere a Cristo di condurlo oltre i propri schemi, le proprie, anche ecclesiali, ristrettezze di cuore, verso il discernere divino e umano del Gesù dei vangeli.

Il palesamento della pastorale del Figlio dell’uomo, che accompagna ognuno sul suo personalissimo, ben al di là degli schemi, cammino verso la pienezza spirituale e umana. Il manifestarsi di Gesù, sulla base dei riferimenti fondamentali da lui donati, nel corso della storia, dunque in un profondo, sinodale, cammino e con l’aiuto di ogni uomo.

Un percorso così ricco e a misura che rimanda ancor più chiaramente, sulla concreta scia degli altri vangeli, ad una meditazione personale e comunitaria dal vivo, nelle situazioni specifiche, piccolini, con l’aiuto di Maria, portati dal cuore di Gesù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/10/2021
2609/2022
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Karnataka: preghiera e digiuno contro la legge anti-conversione

La Costituzione della Repubblica dell’India, Stato federale, prevede la libertà di “professare, praticare e propagare” la religione, ma gli stati di Odisha, Uttar Pradesh, Arunachal Pradesh, Chhattisgarh, Gujarat, Jharkhand, Himachal Pradesh, Madhya Pradesh e Uttrakhand hanno promulgato leggi o regolamenti per scoraggiare o vietare le conversioni religiose. Il Karnataka è governato dal partito conservatore Bharatiya Janata, al cui interno membri e politici si dimostrano ostili alle comunità religiose minoritarie. Seguendo una ideologia diffusa nel BJP (la cosiddetta “Hindutva”), c’è chi vorrebbe trasformare l’India da Paese laico a Stato teocratico indù.

Leggi tutto

Società

Ancora attacchi alle chiese in Niger

In Niger aumentano le minacce verso le comunità cristiane nell’indifferenza generale della comunità internazionale

Leggi tutto

Chiesa

SUDAN - “Tutti possiamo contribuire a portare pace sulla terra”

Secondo un recente rapporto, le condizioni di precarietà nello Stato sono in aumento. Mons. Hiiboro evidenzia che quasi la metà dei quartieri della contea sono più svantaggiati rispetto a cinque anni fa. “Celebrando la nascita di Gesù, ci viene data rinnovata fiducia nel potere della bontà e dell’amore, e ci incoraggia a mostrare e condividere quella bontà e quell’amore tutto l’anno. Tutti possiamo contribuire a portare pace sulla terra e buona volontà a tutti.”

Leggi tutto

Chiesa

Etiopia - Felicità per il rilascio delle religiose

La liberazione arriva in un momento di possibile cambiamento di scenari nel grande Paese del Corno d’Africa, travolto da ormai 14 mesi da una terribile guerra iniziata nella regione del Tigray e tracimate in altre aree

Leggi tutto

Storie

La vita dei consacrati in America

La Vita Consacrata negli ultimi anni ha percorso cammini di “approfondimento, purificazione, comunione e missione” sottolinea il testo. “Il processo sinodale ci unisce nell’ascolto, nella comunione, nella partecipazione e nella missione, per arricchire la Chiesa con le nostre virtù e carismi, e per dare al mondo la nostra testimonianza gioiosa di donazione totale al Signore”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: il prete non è uno “scapolo” ma un buon pastore

Vicinanza a Dio, al vescovo, tra i presbiteri e al popolo sono i quattro atteggiamenti “che danno solidità alla persona” di un sacerdote, presentati da Francesco nell’intervento di apertura, in Aula Paolo VI, del Simposio “Per una teologia fondamentale del sacerdozio”, promosso dalla Congregazione dei Vescovi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano