Politica

di Mario Adinolfi

Se questa è giustizia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I dirigenti di Forza Nuova, brutti e “fascisti”, senza aver ucciso né ferito nessuno e senza essere stati processati si stanno facendo la galera vera, in carcere. Il figlio del regista di sinistra di Roma Nord che ammazza due ragazzine travolgendole da strafatto con il suo Suv, condannato per duplice omicidio stradale a otto anni in primo grado, a cinque anni e quattro mesi definitivi dopo il patteggiamento, non ha fatto un minuto di carcere. A 1 anno e 10 mesi dal giorno in cui ha ucciso Gaia e Camilla è totalmente libero. Si è fatto un po’ di domiciliari e un po’ di obbligo di dimora, che vuol dire stare a casa dalle 22 alle 7. Una volta i carabinieri non l’hanno trovato (“stava dormendo”), un’altra volta i vicini hanno protestato per il volume della musica, nella dimora obbligata si faceva festa. Il figlio del regista di sinistra di Roma Nord ha avuto come avvocato pagato dal ricco papà il principe numero uno, l’arcinoto avvocato dei potenti, che ha fatto il suo dovere. Deve essere per questo che il suo prossimo film, cinepanettone natalizio, si intitola Supereroi. Sa come funzionano i superpoteri: basta avere i soldi e essere dalla parte giusta. Così quando dai una paginata di intervista per presentare il film i giornalisti, che della tua cricca fanno parte, di tuo figlio manco ti chiedono conto, non una domanda, neanche un accenno. Coi superpoteri non solo non gli hai fatto fare un giorno di galera, ma farai dimenticare che abbia mai ucciso Gaia e Camilla. Pamela, 39enne lavoratrice e madre di famiglia che avete visto con la testa spaccata da una manganellata, non ha ucciso nessuno, non ha ferito nessuno, non è stata processata e da due settimane si sta facendo il carcere. Quello che il figlio di papà con l’avvocato dei Supereroi condannato per duplice omicidio non ha visto neanche da lontano. E ora ditemi se questa è giustizia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/10/2021
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Violentata con il figlio da due rapinatori

Roma: una città nella quale la sicurezza è sempre più una vera illusione

Leggi tutto

Politica

Le forzature tipiche dei prepotenti

Patrocinio al Pride, duro attacco di Adinolfi a Tesei: «I tuoi impegni come carta da water»

Leggi tutto

Storie

La truffa della finta unione gay

Il crimine politico commesso da Renzi e Alfano è avere ceduto ai lobbisti Cirinnà e Lo Giudice che, per ragioni oscillanti tra gli interessi diretti e l’ideologia, hanno scritto una legge incostituzionale in cui peraltro il diritto alla reversibilità è previsto solo per la coppia omosessuale, mentre in una coppia eterosessuale che pure usa la stessa legge per ufficializzare la propria unione, al superstite non spetta nulla. Dunque il batterista jazz di Schio si godrà una bella pensione ringraziando per sempre Monica Cirinnà avendo recitato l’essere omosessuale, mentre una povera donna in una coppia di fatto eterosessuale che perde improvvisamente il compagno con cui magari ha generato tre o quattro figli si ritrova con il nulla e con il diritto negato all’accesso alla pensione di reversibilità. Vi pare una legge giusta questa, una legge che tutela le truffe compiute da para-omosessuali (in tutto 7.513 coppie) e ignora un milione di persone unite in coppia di fatto che allevano più di settecentomila figli minori?

Leggi tutto

Società

Se arrivano a volerci in galera

La violenza di chi l’ha denunciata è sotto gli occhi di tutti, la clamorosa dimensione della discriminazione di cui è fatto oggetto chi non la pensa come il coro dominante sul tema dei “nuovi diritti” dovrebbe far saltare in piedi l’Italia intera a difesa di Silvana De Mari. Invece in piedi insieme a lei ci siamo noi e pochi altri amici. Non un opinionista di un importante quotidiano, non una trasmissione televisiva che gridi allo scandalo, alla lesione importante di un fondamentale diritto alla libertà di opinione, non un collega giornalista che rivendichi persino per noi la libertà di stampa e l’articolo 21 della Costituzione. No, quell’articolo è invocato solo se l’opinione è quella “giusta”, cioè quella dominante.
In un’Italia così sarà motivo d’orgoglio essere radiati dagli Ordini e mandati in carcere. Quando poi il fascismo finì, fu chi subì quei provvedimenti a poter dire: io ho resistito.

Leggi tutto

Storie

La lezione di un piccolo borgo

Il modello politico del Popolo della Famiglia si consolida e, dopo le arrembanti esperienze delle amministrative 2016, si è confermato maturato a quelle del 2017. Mirko De Carli ha sfiorato la soglia del 15% a Riolo Terme: questo e altri risultati elettorali dimostrano che là dove il PdF non sia irretito da inadeguatezza di mezzi comunicativi, ovvero dove lo si riesca a vedere, il popolo lo premia.

Leggi tutto

Storie

L’allenatore e il produttore tra la gogna e il banco

Guai in vista per i due abusatori, ma c’è chi si chiede se l’ipocrisia non grondi anche da altre parti. Si continuano a tutelare insufficientemente i minori

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano