Politica

di Mario Adinolfi

Se questa è giustizia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I dirigenti di Forza Nuova, brutti e “fascisti”, senza aver ucciso né ferito nessuno e senza essere stati processati si stanno facendo la galera vera, in carcere. Il figlio del regista di sinistra di Roma Nord che ammazza due ragazzine travolgendole da strafatto con il suo Suv, condannato per duplice omicidio stradale a otto anni in primo grado, a cinque anni e quattro mesi definitivi dopo il patteggiamento, non ha fatto un minuto di carcere. A 1 anno e 10 mesi dal giorno in cui ha ucciso Gaia e Camilla è totalmente libero. Si è fatto un po’ di domiciliari e un po’ di obbligo di dimora, che vuol dire stare a casa dalle 22 alle 7. Una volta i carabinieri non l’hanno trovato (“stava dormendo”), un’altra volta i vicini hanno protestato per il volume della musica, nella dimora obbligata si faceva festa. Il figlio del regista di sinistra di Roma Nord ha avuto come avvocato pagato dal ricco papà il principe numero uno, l’arcinoto avvocato dei potenti, che ha fatto il suo dovere. Deve essere per questo che il suo prossimo film, cinepanettone natalizio, si intitola Supereroi. Sa come funzionano i superpoteri: basta avere i soldi e essere dalla parte giusta. Così quando dai una paginata di intervista per presentare il film i giornalisti, che della tua cricca fanno parte, di tuo figlio manco ti chiedono conto, non una domanda, neanche un accenno. Coi superpoteri non solo non gli hai fatto fare un giorno di galera, ma farai dimenticare che abbia mai ucciso Gaia e Camilla. Pamela, 39enne lavoratrice e madre di famiglia che avete visto con la testa spaccata da una manganellata, non ha ucciso nessuno, non ha ferito nessuno, non è stata processata e da due settimane si sta facendo il carcere. Quello che il figlio di papà con l’avvocato dei Supereroi condannato per duplice omicidio non ha visto neanche da lontano. E ora ditemi se questa è giustizia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/10/2021
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Gli errori-orrori della Fedeli

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Leggi tutto

Politica

Avvenire prende un abbaglio sul M5S

Farebbe sorridere la svolta con cui il ddl sul fine vita proprio da ieri rischia di uscire dalla Camera grazie ai voti grillini: farebbe sorridere per il tempismo con cui parrebbe coronare le improvvide dichiarazioni del direttore del quotidiano della Cei, Marco Tarquinio, che mentre ospitava Grillo in prima pagina andava a cantare le lodi di Di Maio sul Corsera di ieri. In realtà c’è poco da sorridere.

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Storie

Per la bella Addormentata (e per il Principe)

Desta doloroso stupore – per l’inconsistenza della nostra temperie culturale – il consenso virale raggrumatosi attorno al tweet di tale Sarah Hall che invitava a bandire la lettura de La bella addormentata in quanto gravemente diseducativa, con quel bacio non consensuale che dischiude la fiaba al lieto fine. È già molto triste che degli occidentali non sappiano cogliere gli archetipi del genere fiabesco, ma che li si ascolti è anche peggio

Leggi tutto

Storie

Non siate complici di quest’omicidio

Grossomodo tra una settimana potrebbero essere proditoriamente e unilateralmente sottratti alimentazione e idratazione a Vincent Lambert, il 42enne francese che da dieci anni vive in stato di ipo-relazionalità. 25 medici specialistici hanno certificato il suo straordinario attaccamento alla vita, mentre l’ospedale di Reims lo tiene in terapia palliativa e ora vuole ucciderlo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano