Società

di Mario Adinolfi

FUNZIONA SOLO IL MORALISMO DEI SENZA DIO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Partito comunista cinese, ateo e materialista, ha avviato una campagna di moralizzazione del Paese che parte dalla repressione degli “eccessi delle star”, invitando i cittadini a segnalarle. Ieri pizzicato un pianista di fama mondiale mentre andava con una prostituta. Se penso a tutte le “star” italiane che ho conosciuto, per le quali andare a prostitute era il peccato minore, caratterizzate dalla doppia faccia dei vizi privati mentre si declamavano pubbliche virtù, mi viene da sorridere perché sono tutte ex comuniste o nostalgiche del comunismo e danno a me del “bigotto moralista”. A me, che quando si parla di peccati penso ai miei. Servirebbe loro un breve soggiorno presso le logiche e le azioni del Partito comunista cinese, ateo e materialista. Anche presso il Partito comunista cubano, osannando Fidel e il Che, potrebbero svolgere un master di specializzazione sul moralismo magari sugli atti omosessuali. Si sono comunque evoluti rispetto agli anni in cui il mitico Che Guevara li puniva con fucilazioni e campi di “rieducazione” incentrati sui lavori forzati per farli “diventare veri uomini”. Come si possa costruire moralismo dall’ateismo resta per me un mistero. Perché non posso andare con un uomo o a prostitute se Dio non esiste? Questo cortocircuito che fa dei regimi atei quelli che riescono a imporre una stringente morale anche dei comportamenti sessuali andrebbe indagata. Il povero pianista cinese è stato rovinato non dal governo di Pechino, ma dalle decine di segnalazioni di cittadini più moralisti del moralismo di Stato, che non sopportano gli “eccessi delle star”. C’è qualcosa da imparare? La Cina ha scelto anche politiche stringenti contro l’aborto, per sconfiggere la denatalità: quale ricetta speciale sta rendendo più pragmaticamente lucido un regime totalitario comunista, ateo e materialista, rispetto alla sensibilità europea ed occidentale dove la radice cristiana non riesce più a incidere e chi ci prova viene tacciato di “bigotto moralista”? Almeno chiamateci “comunisti”…

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/10/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le menzogne del ministro

Valeria Fedeli mente sul proprio titolo di studio, niente male per un neoministro all’Istruzione. Dichiara di essere “laureata in Scienze Sociali”, in realtà ha solo ottenuto il diploma alla Scuola per Assistenti sociali Unsas di Milano. Complimenti ministro, bel passo d’inizio. Complimenti Paolo Gentiloni: a dirigere scuola e università in Italia mettiamo non solo una che non è laureata, ma una che spaccia per “laurea in Scienze Sociali” un semplice diploma della scuola per assistenti sociali. La spacciatrice di menzogne sul gender evidentemente è abituata a dire bugie. Il problema non è neanche che non è laureata, è che mente spudoratamente. Per un atto del genere in qualsiasi paese del mondo dovrebbe dimettersi seduta stante o essere costretta a farlo.

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Storie

Per la bella Addormentata (e per il Principe)

Desta doloroso stupore – per l’inconsistenza della nostra temperie culturale – il consenso virale raggrumatosi attorno al tweet di tale Sarah Hall che invitava a bandire la lettura de La bella addormentata in quanto gravemente diseducativa, con quel bacio non consensuale che dischiude la fiaba al lieto fine. È già molto triste che degli occidentali non sappiano cogliere gli archetipi del genere fiabesco, ma che li si ascolti è anche peggio

Leggi tutto

Politica

PDF: la discontinuità del voto

Il 4 marzo novità e discontinuità vuol dire votare Popolo della Famiglia, ogni voto a questo progetto costituisce una risposta ai violenti di tutti i colori, un sostegno ai più deboli, un investimento sul futuro possibile di un movimento di ispirazione cristiana legato alla difesa dei principi non negoziabili, alla cultura della vita e alla tutela della famiglia naturale. Centinaia di migliaia di cattolici e persone di buona volontà che volessero attestarsi su questa posizione innovativa di discontinuità aprirebbero davvero una pagina entusiasmante

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano