Chiesa

di Giampaolo Centofanti

L’aiuto divino e umano di Gesù

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In questo tempo difficile vi è tanto bisogno del cuore divino e umano di Gesù.

Talora ci può venire trasmesso il vivere la Parola come una regola astratta. Siamo orientati a “fare i bravi” e non a lasciare maturare in noi la grazia, portati da essa. Ci confrontiamo dunque in vario modo meccanicamente con regole astratte invece di scoprirci condotti verso il nostro cuore semplice nella Luce serena. Dunque una vita per certi aspetti cerebrale, artefatta, invece di cercare semplicemente di essere noi stessi aperti al bene che gradualmente cresce in noi se lo accogliamo. Formati talora da un moralismo, da un salvarci da noi stessi, con le nostre inesistenti forze invece che alla fede nella grazia.

Ci può venire insegnata la Parola come un concetto da comprendere con la mente e applicare con una volontà astratta. Un pacchetto di dottrine da mettere in pratica. Ma noi siamo creati, esistiamo, in Gesù e lui, se cerchiamo di accoglierlo, come un seme cresce gradualmente in noi secondo gli adeguati, ben al di là degli schemi, tempi della nostra personalissima vita.

Entriamo in contatto col semplice noi stessi, con Dio, con gli altri, nello Spirito di Gesù. Ossia cercando la sintonia col cammino, con la vita reale, di ciascuno e non per astrazioni. Vicini al mistero di ciascuno. Accogliendo, lasciandoci lavorare, dal seme della grazia di ciascuno. Il sacerdote che dice ad un altro cosa deve fare, rischia di mettersi al posto di Dio. Anche lo psicologo, sia pure cristiano, può finire per proporre indicazioni tecniche. Solo Dio apre il cuore integrale, spirituale e umano, di ciascuno nei tempi e nei modi adeguati, con un amore infinito, liberando da chiusure, paure, schemi.

Nasce un rinnovato formatore spirituale e umano, non vivisezioni, giustapposizioni, di spiritualità astratta e psicologia tecnica. Una persona che ascoltando tutta la vita di chi gli si confida cerca con lui i possibili criteri, le possibili tappe, vie, della crescita lasciando che sia la persona in questione a tentare sempre più la sintesi a misura per lei in colloquio con Dio (con la Luce nel suo cuore se non credente).

Le frammentazioni e le giustapposizioni chiudono in angusti ragionamenti, ostacolano la sintonia del cuore con sé stessi, con Dio, con gli altri. Orientano le guide a prendere decisioni astratte, basate su logiche esteriori. Si conosce la storia di grandi santi di secoli passati che hanno sperimentato difficoltà psicologiche superate nella maturazione in Gesù. Chissà quanti ostacoli avrebbero potuto incontrare con certi scientismi odierni, venendo messi in un angolo magari nonostante l’evidente fruttificare a tutto campo della loro vita. La fede nella risurrezione in Cristo sostituita da astrazioni culturali.

Racconto una storia inventata ma basata su tante vite concrete. Un signore di una cinquantina di anni prende a venirmi a parlare ogni tanto perché sente di poter comunicare, confrontarsi, serenamente, senza schemi astratti. Tradisce con molte donne sua moglie, è opportunista, superficiale, in tante cose eppure si intuisce che nel profondo avverte il bisogno di trovare il bandolo della matassa della sua vita. Proprio per star bene con sé stesso prima di tutto, perché avverte fragilità, incertezza, solitudine, cinismo…

Accompagno il suo cammino per come riesco a misura, per esempio liberandolo da tanti moralismi respirati, che hanno corroborato il suo fuggire dalle vere ferite della sua esistenza. Anche aiutandolo, altro esempio, verso aperture di cuore a lui realmente possibili e non astratte. Le ferite nascono da un amore non arrivato o arrivato con rigidità, cupezze, distorsioni varie, quando si comincia a percepire l’amore meraviglioso di Dio la persona può rinascere.

Dopo alcuni mesi si aprono le cateratte del cielo e si manifesta in lui una fede profonda. Spesso Dio viene gradualmente ma invece nel suo caso lo ha lavorato a lungo ai fianchi quasi nascostamente e poi rivelandosi con una grande grazia.

Così ordinariamente non è facile cambiare rapidamente vita ma lui in pochissimo tempo cessa completamente di tradire la moglie. Qui parlo solo della sua vita di coppia, per abbreviare. Dopo qualche mese questo scioglimento di tante chiusure del cuore lo fa scoprire innamorato di sua moglie più del primo giorno di fidanzamento. Trascorre altro tempo e mi confida di aver imparato a porre attenzione anche a lei nell’unione intima mentre prima usava tutte, anche la consorte.

Un giorno però viene piangendo perché nella sua vita non è cambiato nulla. Infatti ha avuto un rapporto “non canonico” con sua moglie. Gli chiedo se quando è tornato a Dio con tanta gioia ha seguito il manuale delle giovani marmotte di come si fa il bravo. Se ha applicato il manuale quando si è reinnamorato della moglie e quando ha imparato a stare attento a lei.

Mi risponde che queste cose le ha maturate naturalmente nel cuore. Ecco, gli dico, se quando si unisce alla moglie deve usare il manuale di come si fa il bravo sarà un rapporto complicato. Invece come con il cuore aperto la grazia è maturata in lui naturalmente così continuerà questa crescita serena, naturale, se cerca di lasciarsi portare. Anche così quest’uomo prende a sperimentare sempre più la fiducia gioiosa e pacifica del venire di un Dio di amore e di vita.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/10/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Se Repubblica vuole l’esilio di Dio

Due pagine vengono dedicate dal quotidiano diretto da Ezio Mauro a una teorizzazione contro i cattolici e contro Dio che ha il merito di far leggere con chiarezza che progetto viene perseguito

Leggi tutto

Chiesa

Pubblicate le Annotazioni di Kiko

Ha avuto un seguito ideale “Il Kerigma. Nelle baracche coi poveri”, col quale Francisco Argüello, meglio noto come Kiko, si mostrava avviato all’età dei
bilanci complessivi e delle memorie: Cantagalli ha da poco dato alle stampe “Annotazioni”. In questo volume, composto di 506 frammenti «da sorseggiare
con calma», si trova “il giornale dell’anima” del fondatore del Cammino Neocatecumenale. E di tanto in tanto, sullo sfondo, compaiono fatti noti e ignoti
dalla tua santità sopra il mio essere peccatore. – scrive nel 1998 – Il tuo amore appare sopra di me e mi distrugge, mi annienta , mi crocifigge. Signore, abbi pietà di me!»
(n.300). Spesso, come molti mistici, tra i quali mi viene in mente la stessa Madre Teresa di Calcutta, le parole di Kiko mostrano il tormento della “notte oscura”, del sentirsi come abbandonati ed infinitamente lontani dall’Amato, uno spasimo che si trasforma a volte in poesia «C’è un amore che fa dolere il cuore, c’è un dolore che è pieno d’amore…È l’assenza. (…) Siamo nel deserto abbracciati a Te, Signore e in Te a tutti fino all’infinito. Assenza di Dio» (n.353). Rincorre quest’uomo che molto, moltissimo ha realizzato, in un paradosso tutto cristiano, la “santa umiltà di Cristo”. Che non è finta modestia, un atteggiarsi ipocrita, ma è essenzialmente obbedienza alla Volontà di Dio, accettazione delle ingiustizie e delle calunnie perché «Tutto ciò in cui c’è Dio è umile» (n.5) e perché «Sali a Dio scendendo i gradini dell’umiltà» (n.9), fino a contemplare in essa la bellezza di Dio «Perché la bellezza è umile? Che mistero! Perché l’umiltà è bellissima? Ti ho visto Signore. Sì, Tu eri in quella donna abbandonata nel corridoio di un ospedale. Ti vidi nella strada buttato tra cartoni e spazzatura. Oh, santa umiltà di Cristo, chi ti potrà trovare! Ti trovai e mi toccasti il cuore, e non fui più lo stesso (…).» (n.473).
E veramente la vita di questo pittore di succe s s o , destinato alla gloria del mondo, ad una carriera da artista, è stata rivoluzionata in modo sorprendente dall’incontro con Cristo, trasformandosi in zelo per l’evangelizzazione e per l’annuncio dell’amore di Dio all’umanità sofferente «Benedetto sia il tuo nome, Signore. Benedette la tua tenerezza e misericordia. [Il Signore] viene ad incendiare la terra. Il mio spirito arde, brucia in Te, Dio mio. Geme il mio cuore vedendo ovunque il tuo nome vilipeso e l’uomo sfruttato, colpito, ingannato in una società che vuole crocefiggerti di nuovo. Superstizione, magia,
idolatria. Si assassina il pudore nei giovani. Aborto, omosessualità, sesso libero. Tutto ciò che è santo viene insultato e presentato

Leggi tutto

Chiesa

Il caso Ladaria e gli errori di certa stampa

Per chi sappia come funzionano le trafile nella Curia Romana, la nomina di Luís Ladaria a prefetto dell’ex Sant’Uffizio è tutto fuorché una sorpresa: anche i giornalisti che avevano per tempo confezionato il pezzo con cui “impallinarlo” lo sapevano bene. In ogni critica però è presente un’autobiografia, e il tempismo con cui si stracciano certe vesti dice bene lo stile dell’“informazione”.

Leggi tutto

Politica

La Costituzione USA non tutela l’aborto

In West Virginia ed Alabama le votazioni collaterali alle Midterm Elections approvano emendamenti alle costituzioni statali per disconoscere il diritto all’aborto e impedire il finanziamento dalla fiscalità pubblica. Nel Senato cresce la presenza pro-life.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano