Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa - Messa dei defunti nel Cimitero militare francese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Papa Francesco, riferisce la Prefettura della Casa Pontificia, si recherà martedì 2 novembre, commemorazione di tutti i fedeli defunti, nel Cimitero Militare Francese a Roma. Lì, nel Parco di Monte Mario su via della Camilluccia, celebrerà la Messa alle ore 11. Nel 2017, il Papa si era recato al Cimitero Americano di Nettuno, luogo simbolo della Seconda guerra mondiale, per presiedere la Messa sempre il 2 novembre.

Lo scorso anno, il Pontefice aveva celebrato nella chiesa del Pontificio collegio teutonico di Santa Maria in Camposanto, in Vaticano. Poi si era recato a pregare nelle Grotte vaticane, davanti alle tombe dei Pontefici defunti.

Quella del 2 novembre è una delle diverse celebrazioni previste nel mese. Nei giorni scorsi, l’Ufficio Celebrazioni Liturgiche Pontificie aveva reso noto gli appuntamenti del Papa. Giovedì 4, alle ore 11, Francesco presiederà la Messa in suffragio dei cardinali e dei vescovi scomparsi nel corso dell’anno, all’Altare della Cattedra nella Basilica di San Pietro.

Il giorno dopo, venerdì 5 novembre, il Papa si recherà nella sede dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a Roma per celebrare alle 10.30 la Messa nel sessantesimo anniversario dell’inaugurazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Il 14, la Messa nella Basilica vaticana alle ore 10.00 in occasione della V Giornata mondiale dei Poveri sul tema: “I poveri li avete sempre con voi” (Mc 14,7).

Via dei Casali di Santo Spirito, traversa di via della Camilluccia, è una piccola strada senza uscita che termina su un terrapieno da cui si domina l’area del Foro Italico. Il luogo, estremamente silenzioso, ospita il Cimitero Militare Francese (inaugurato l’11 novembre 1947). I soldati sepolti sulla collina di Monte Mario (quasi duemila), periti durante la campagna militare del 1943-1944, sono soprattutto di origine marocchina, tunisina e algerina. L’11 novembre di ogni anno si svolge nel cimitero una cerimonia commemorativa. Nell’ottobre 1943, Hitler cercò di rallentare l’avanzata degli Alleati attraverso la Linea Gustav, uno sbarramento difensivo che andava dal Tirreno (foce del Garigliano) all’Adriatico (città di Ortona). All’interno della Linea Gustav c’era la celebre Abbazia di Montecassino, scelta per la sua posizione dominante sulla via Casilina (SS6). La V Armata americana (generale Clark), alla quale erano state aggregate truppe britanniche, francesi, polacche e italiane, impiegò sette mesi per piegare la resistenza nazista. Come tutti sappiamo, gli Alleati entrarono a Roma il 4 giugno 1944. Purtroppo, episodi di pura malvagità si verificarono in entrambi gli schieramenti. Nel campo alleato si ricordano le cosiddette “marocchinate”, perpetrate proprio dalle truppe francesi nell’area interessata dai combattimenti. La vicenda fu raccontata anche nel libro la Ciociara (Alberto Moravia, 1957) e nel film omonimo (Vittorio De Sica, 1960).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/10/2021
2505/2022
San Gregorio VII

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Chiesa

Benedetta Bianchi Porro verso la beatificazione

Ricevendo il cardinal Becciu, quindi, il Papa ha autorizzato per primo il Decreto sulle virtù eroiche e sulla conferma del culto da tempo immemorabile, ottenendo quindi la beatificazione equipollente, di Michał Gjedrojć, noto anche come Mykolas Giedraitis. Nato a Giedrojcie, oggi in Lituania, intorno al 1420, fu di salute gracile fin dall’infanzia. Dato che i genitori quasi lo trascuravano, passava il suo tempo in solitudine. Questo lo condusse a domandare di entrare tra i Canonici Regolari della Penitenza dei Beati Martiri, un ordine ormai estinto ma improntato alla Regola di sant’Agostino. Si trasferì quindi a Cracovia e studiò presso l’Università Jagellonica. La chiesa del monastero del suo ordine divenne quasi la sua seconda casa, tante erano le ore che vi trascorreva in preghiera con le braccia spalancate in forma di croce. Moltissimi venivano da lui a chiedere consigli e a raccomandargli le proprie intenzioni.

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Rosaria Radaelli

L’ostetrica Rosaria Radaelli ci parla della sua professione.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

Chiesa

CEI: al via il Consiglio permanente

Bassetti sottolina come una “grave inquietudine la prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente. Autorevoli giuristi hanno messo in evidenza serie problematiche di compatibilità costituzionale nel quesito per il quale sono state raccolte le firme e nelle conseguenze che un’eventuale abrogazione determinerebbe nell’ordinamento”. “E’ necessario ribadire che non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire, ma il prevalere di una concezione antropologica e nichilista in cui non trovano più spazio né la speranza né le relazioni interpersonali. C’è una contraddizione stridente tra la mobilitazione solidale, che ha visto un Paese intero attivarsi contro un virus portatore di morte, e un’iniziativa che, a prescindere dalle intenzioni dei singoli firmatari della richiesta referendaria, propone una soluzione che rappresenta una sconfitta dell’umano”, confida il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

Chiesa

Cei: meno seminaristi

I dati di un rapporto della Conferenza episcopale italiana svelano che in soli dieci anni la flessione vocazionale ha toccato quota 28%: in cinquant’anni i seminaristi sono più che dimezzati.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano