Società

di Roberto Signori

Ecuador: vescovi preoccupati per l’aumento della violenza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“L’aumento dell’insicurezza e della violenza, il dolore e la preoccupazione vissute per le morti sanguinose nelle carceri e nella vie delle nostre città hanno addolorato l’intero Ecuador”. Si legge così nel comunicato del Consiglio della Presidenza della Conferenza episcopale ecuadoriana (Cee), diffuso dai vescovi il 22 ottobre scorso, al termine della loro 150.ma Assemblea Plenaria. I presuli, rivolgendosi a tutti gli ecuadoriani di buona volontà, si sono detti “preoccupati per la situazione nel Paese”, colpito da una grave ondata di violenza legata al traffico della droga nelle ultime settimane ad opera di gruppi criminali. “Non è accettabile che i diversi attori sociali e politici ipotechino il futuro del Paese per perseguire i propri interessi”, hanno denunciato i vescovi, perché così facendo, “stanno spezzando la speranza che è riaffiorata nel cuore della nostra gente, dopo aver sofferto gli effetti disastrosi della pandemia, grazie a un piano di vaccinazione che ha avuto il sostegno di tutti i settori della società”.

I leader della Chiesa dell’Ecuador, di fronte a tali episodi di violenza, hanno invitato “tutte le forze politiche a credere che la soluzione dei problemi della popolazione stia nel dialogo, nel rifiuto della violenza, nella difesa delle istituzioni, nella centralità della persona e dei suoi diritti e doveri”, ribadendo il loro appello “a pensare, parlare e agire in senso democratico”. “Preghiamo e invitiamo tutti a pregare – si legge nel messaggio - affinché la fraternità, la democrazia e la solidarietà, ereditate da chi ci ha preceduto, continuino a far parte dei nostri valori comuni” e – conclude - “ci impegniamo, come Chiesa cattolica, a sostenere ogni iniziativa che, nel ricostruire il tessuto sociale, favorisca un Ecuador di pace, giustizia e uguaglianza per tutti”.

Nel frattempo Ii presidente ecuadoriano Guillermo Lasso ha dichiarato lo stato di emergenza nel Paese ed ha disposto la mobilitazione della polizia e dell’esercito in strada.

“Con decorrenza istantanea - ha detto il presidente in un messaggio in diretta tv - le forze armate e la polizia si faranno sentire con la forza nelle strade perché abbiamo decretato lo stato di emergenza sul territorio nazionale”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La Francia ed il nuovo presidente alla ricerca del voto cattolico

Marine Le Pen potrebbe vincere già al primo turno. Contro di lei Fillon o Juppé. Socialisti smarriti

La Francia e l’approssimarsi delle elezioni saranno il prossimo banco di prova per una destra che continua a crescere, per un centro che cerca di tenere e per una sinistra sempre più allo sbando ma che cerca in tutti i modi di rimanere in piedi.
Il primo colpo di scena, al di là delle Alpi si è già avuto. Nikolas Sarkozy è già fuori dalla competizione non avendo superato l’ostacolo delle primarie.
Alla vigilia del voto in pochi avrebbero creduto a tale evento ma, l’accaduto è l’ennesima riprova del fatto che i cittadini hanno bisogno di vedere volti nuovi, meno politici e sempre più leader in grado di risollevare un andazzo generale sempre più proiettato verso lo sbando.
Chi vi scrive in passato ha avuto simpatie per Sarkozy: un francese di discendenza ungherese, un personaggio alla Napoleone che ha commesso però alcuni errori che hanno devastato la sua carriera politica. Uno su tutti? La decisione di deporre ed eliminare Gheddafi dalla Libia con tutto quello che ancora oggi ne consegue…. e chi vota non dimentica e questo lo sa bene anche Renzi in italia.

 


 

 

 


Digita un messaggio…

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi tutto

Chiesa

ETIOPIA - La Chiesa “soffre e condivide ansie e dolori dell’umanità”

La lettera, pervenuta all’Agenzia Fides, è indirizzata a “tutto il clero cattolico, religiosi e religiose, credenti laici e persone di buona volontà” e giunge a al termine di un anno segnato dall’escalation militare che ha visto fronteggiarsi l’esercito regolare e i ribelli del TPLF (Fronte popolare di liberazione del Tigray) senza esclusione di colpi.

Leggi tutto

Storie

Vescovi: preghiere e solidarietà per il Brasile

In Brasile è salito a quasi 100 morti, di cui 8 bambini, e 34 dispersi il bilancio delle vittime delle piogge torrenziali che hanno colpito Petropolis, località turistica sulle colline a Nord di Rio de Janeiro. I vescovi si uniscono in preghiera ed esprimono vicinanza alle popolazioni colpite

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa del Niger ha bisogno di un sostegno efficace

“Testimoniare il nostro carisma missionario nella diocesi di Niamey con lo studio di lingue e culture locali, facilitare il dialogo islamo-cristiano, prendersi cura dei più poveri e praticare una spiritualità attenta a questi obiettivi rappresentano lo stile pastorale tipico della Società per le Missioni Africane (SMA)”, scrive padre Rafael Casamayor, SMA, a seguito delle recenti assemblee provinciali di Benin-Niger.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa riceve i nuovi vescovi

Udienza riservata di Papa Francesco nel Palazzo Apostolico con circa 200 presuli ordinati nell’ultimo anno che hanno partecipato al secondo turno del corso all’Ateneo Regina Apostolorum organizzato dai Dicasteri per i Vescovi e per le Chiese Orientali

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano