Politica

di Tommaso Ciccotti

Ddl Zan: scintille nella riunione dei capigruppo di maggioranza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nessuna decisione è stata presa sul provvedimento che riguarda il DDL Zan che andrà in aula oggi.

No al dialogo sul ddl Zan se la Lega non toglie dal tavolo la minaccia della ‘tagliola’. Il confronto politico sul disegno di legge che punta a contrastare la discriminazione o la violenza per sesso, genere o disabilità si blocca ancora una volta. Andrea Ostellari ha chiesto ai presidenti dei Gruppi di riunirsi attorno a un tavolo “per verificare se c’è davvero spazio per una mediazione responsabile”. Un incontro, ha spiegato il parlamentare della Lega, “per migliorare il testo del ddl sull’omofobia”. Una richiesta che il Partito democratico, con la capogruppo Simona Malpezzi, ha definito “contraddittoria”, perché la Lega non ha smentito l’intenzione di presentare, nell’Aula del Senato, la richiesta di annullare l’esame del provvedimento.

E’ l’articolo 96 del Regolamento di Palazzo Madama che consente a “un senatore per ciascun Gruppo” di “avanzare la proposta che non si passi” all’esame di un disegno di legge “prima che abbia inizio l’esame degli articoli”. La votazione della proposta - è scritto al comma 2 dell’articolo - “ha la precedenza su quella degli ordini del giorno”. Se il voto della ‘tagliola’ dovesse passare, per il primo firmatario del Ddl, il dem Alessandro Zan, “la legge sarebbe morta”. “Il testo approvato alla Camera - ha aggiunto - ha subito tantissime mediazioni. La mediazione è il sale della democrazia. Se superiamo il voto, avviamo il dialogo. Non voglio nemmeno prefigurare che passi la tagliola - ha concluso - sarebbe una sconfitta per il Paese”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/10/2021
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Febbraio 1945: Bosnia Erzegovina: i 30 martiri di Široki Brijeg

Durante la dominazione turca della Bosnia-Erzegovina, dodici francescani originari dell’Erzegovina e provenienti da Kresevo in Bosnia, decisero di costruire un monastero nella loro terra d’origine, come segno della fede, e scelsero la località di Široki Brijeg. Si sistemarono in questo piccolo villaggio e, dopo aver comprato un caro prezzo un grande appezzamento di terreno, iniziarono a costruire la chiesa dedicandola alla Madonna Assunta in Cielo. Subito iniziarono anche i lavori per edificare il monastero e successivamente un edificio da adibire a seminario.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi ed il reddito di maternità per aumentare le nascite

Il reddito di maternità darebbe alle donne la possibilità di scegliere tra “lavoro interno alla famiglia retribuito ed esterno non retribuito. La donna madre va considerata come una lavoratrice. In base al nostro disegno di legge - spiega Mario Adinolfi - una madre potrebbe guadagnare 1000 euro al mese a figlio per i primi otto anni

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: ‘Il green pass sia abolito’

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, chiudendo la manifestazione “Basta apartheid” in piazza Ugo La Malfa a Roma, ha chiesto che “il green pass sia abolito subito, come è accaduto per tutti i cittadini europei”. Adinolfi davanti ai sostenitori radunati di fronte al Circo Massimo ha chiesto di “pacificare l’Italia dopo due anni di divisione e dolore” per essere capaci di essere “costruttori di pace nel mondo, in un mondo che ha bisogno di un’Italia che non contribuisca a costruire muri”.

Leggi tutto

Politica

La Coalizione civica popolare di Riolo Terme

Ecco il commento al voto di Riolo Terme di Mirko de Carli

Leggi tutto

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Politica

Per un recupero radicale della nostra identità

I temi che il libro affronta sono tanti, e tutti rilevanti per chi ha ancora a cuore le sorti del mondo: aborto, eutanasia, ideologia gender, legalizzazione delle droghe leggere (ma anche pesanti), pedofilia, prostituzione e altro ancora. L’ultimo libro del direttore di questo giornale ha sorpreso gli osservatori

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano