Politica

di Maria Lucia Salvati

No all’ideologia, sì alla vita. Il PdF e la cultura della socialità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Maria Marilu Salvati, laureata in sociologia, militante del Pdf Piemonte, esponente del PdF Giovani di Torino, lancia un appello « Ci troviamo nel tempo della guerra ideologica, fatta di divisioni. Occorre una risposta che attinga alle radici della socialità e della socievolezza»

*Vax si/vax no

*Green pass sì/green pass no oppure semplicemente *green caos,

*Ddl Zan sì/Ddl Zan no

*omicidio di consenziente sì/reato di omicidio no

*Teorie gender a scuola sì/teorie gender no

*Utero in affitto sì/ utero in affitto no!

Una cosa è certa: dobbiamo essere contrari ad ogni #ideologia imposta dal sistema ovvero dal pensiero unico, dispotico, che vuole dominare la società e le menti! No war be happy.

Serve una linea comune:

 sì alla vita no alla morte ,

 sì al diritto dei bimbi ad una madre e un padre

 sì alla salute con vaccini ma quelli buoni come direbbe Montagnier

 sì alle cure Covid ben testate sul contagio e verificato con tamponi salivari gratuiti

 sì al primato educativo di genitori madre e padre e non genitore 1 e genitore 2 registrati sulle carte di identità

 sì alla sicurezza garantita dal rispetto sul lavoro

Insomma no a cio che illegittimamente e incostituzionalmente vogliono imporci. Ritroviamo la nostra natura, il senso civico, riprendiamo in mano la nostra naturalità umana! Stiamo dalla parte dei diritti, quelli veri, e lottiamo tramite il dialogo pacifico: Dio farà il resto che tu ci creda o meno, lo farà!

Il popolo si è svegliato? È ora di svegliare le coscienze dormienti!

Il #Popolo della Famiglia è contro ogni ideologia strumentale e funzionale al potere.

Pur se controvento si può cambiare rotta!

Il #PopolodellaFamiglia lotta per la difesa dei principi non negoziabili che sono sotto attacco da parte delle lobbies di potere!

Sveglia: è un nuovo giorno! Viva la vita! Ringraziamo il Signore per questo!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/10/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Confutazione e risposta a 10 obiezioni sul risultato elettorale del PdF

I nemici del Popolo della Famiglia si affrettano a dileggiarne gli ancora esigui ritorni elettorali: i fatti, però, non si fermano alle sole cifre

Leggi tutto

Politica

Renzi copia il programma del PdF

La parola definitiva sulla televendita del redivivo dittatore democratico, di ritorno dall’Isola d’Elba, l’ha detta Makkox su Gazebo. Vogliamo però soffermarci su un “dettaglio”: mentre mette in sordina Scalfarotto e Concia, Renzi inserisce “mamma” tra le “tre parole” del suo nuovo Pd. Una rincorsa in cui il Popolo della Famiglia riconosce la difficoltà di Renzi che vuole recuperare consenso.

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

Politica

Forza Orban

Orban non è un fascista e uno xenofobo, è un leader del Partito popolare europeo. Le radici del Ppe sono quelle degasperiane e sturziane, il Ppi nacque cento anni fa e fu il primo Partito popolare a essere fondato in Europa. Orban è il premier ungherese da vent’anni: i magiari lo votano perché in questi venti anni ha continuato ad avere successi clamorosi sul fronte economico, le persone in Ungheria vivono meglio grazie a Orban.

Leggi tutto

Politica

Legittima difesa: una legge inutile e dannosa

In dirittura d’arrivo il voto finale della Camera dei deputati sulla legge che cambia la legittima difesa secondo le istanze portate avanti da Matteo Salvini. Ieri sono stati votati i primi 6 articoli, con l’assenza di 35
deputati pentastellati considerati in dissenso. Dopo il voto scontato di oggi il testo tornerà al Senato per l’approvazione definitiva, prevista per il prossimo 28 marzo, se non ci saranno sorprese.

Leggi tutto

Politica

AMMINISTRATIVE: ADINOLFI (PDF), “PAR CONDICIO VIOLATA IN TV”

E ci risiamo. L’articolo 2 comma 2 del regolamento dell’Autorità Garante per la Comunicazione garantisce in queste amministrative spazi uguali nell’informazione nazionale radiofonica e televisiva tra i partiti presenti in Parlamento e quelli in grado di presentare il simbolo almeno presso “un quarto dell’elettorato chiamato al voto”. Il simbolo del Popolo della Famiglia è presente in tutta Italia ed è letteralmente azzerato dalla comunicazione radiotelevisiva, compresa quella della Rai che è servizio pubblico. Oggi ho chiesto all’Agcom un intervento urgente di ripristino della par condicio. Fabiola Cenciotti deve avere gli stessi spazi di Raggi, Gualtieri e Calenda che sono gli unici citati sempre come candidati sindaco di Roma e non è giusto, non è legale. Anche per questo il 3 e 4 ottobre sorprendili votando Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano