Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il calendario del Papa di novembre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

​Un mese di Novembre ricco di impegni per Papa Francesco. Dalla commemorazione dei defunti al Cimitero Militare francese alla Messa per la Giornata Mondiale della Gioventù diocesana a San Pietro, sono numerosi gli appuntamenti presieduti dal Papa in programma in questo mese di novembre. Il calendario è stato reso noto dall’Ufficio Celebrazioni Liturgiche Pontificie e pubblicato dalla Sala Stampa della Santa Sede.

Si inizia martedì 2 novembre, commemorazione di tutti i fedeli defunti, Papa Francesco si recherà nel Cimitero Militare Francese a Roma per celebrare la Messa alle 11.

Giovedì 4 novembre, alle 11, Francesco presiederà invece la Messa in suffragio dei cardinali e dei vescovi scomparsi nel corso dell’anno, all’Altare della Cattedra nella Basilica di San Pietro. Il giorno dopo, venerdì 5 novembre, si recherà nella sede dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a Roma per celebrare alle 10.30 il sessantesimo anniversario dell’inaugurazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Il 14 del mese, Papa Francesco presiederà la celebrazione per la V Giornata mondiale dei Poveri sul tema: “I poveri li avete sempre con voi” (Mc 14,7), alle 10, nella Basilica vaticana. ”.

Ultimo appuntamento per il mese di novembre è la Messa, domenica 21, Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’universo, ancora a San Pietro, alle 10, della XXXVI Giornata mondiale della Gioventù che sarà celebrata in tutte le diocesi del mondo. Il tema di questa edizione è “Alzati! Ti costituisco testimone di quel che hai visto!” (At 26,16).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/10/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Società

Libano - Scuole cristiane, il Patriarca esonera le famiglie dal pagamento

Il Patriarca siro cattolico Ignace Youssef III Younan, ha dato disposizione di esentare dal pagamento delle rette scolastiche per l’anno 2021-2022, le famiglie degli studenti siro-cattolici che frequentano le scuole collegate al Patriarcato.

Leggi tutto

Chiesa

Collegio San Pietro restauri e nuove intitolazioni

Prendersi cura degli studenti e dare loro ogni supporto necessario a livello materiale, culturale, spirituale

Leggi tutto

Chiesa

Svelate al pubblico le carte private di Giovanni Paolo I

Convegno di studi su Giovanni Paolo I che si svolge sulla base delle carte d’archivio ed è interamente dedicato al suo Magistero.

Leggi tutto

Chiesa

La forza della parola dei vescovi toscani

La Conferenza episcopale della Toscana ha appena pubblicato La forza della parola. Lettera su comunicazione e formazione a 50 anni dalla morte di don Lorenzo Milani” (EDB, Bologna 2018, pp. 88, € 4,50) è un importante appello a non dimenticare il lascito del sacerdote fiorentino nell’ambito del percorso educativo. Qui il ricorso alla parola e alla ricchezza del linguaggio costituiscono appunto alcuni dei principali strumenti che rendono possibile l’espressione della cultura e della comunicazione umana.

Leggi tutto

Chiesa

L’arcivescovo Gallagher all’Onu: i diritti umani sono sempre inalienabili

Gallacher - Il segretario del Vaticano per i Rapporti con gli Stati, l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, ha invitato le Nazioni Unite a “riscoprire il fondamento dei diritti umani, al fine di attuarli in modo autentico”, mentre il mondo continua a prendere misure per combattere l’emergenza sanitaria in corso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano