Politica

di Mario Adinolfi

E ORA? CINQUE ATTI PER VINCERE ANCORA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Abbiamo vinto. E ora? Ora proviamo a capire perché, a fronte di uno schieramento che pareva unanime a favore di una legge, un’azione di resistenza a quella stessa legge ha finito per prevalere. Avevo anche tra i più prossimi persone che mi dicevano, mentre io ripetevo che avremmo vinto noi e che il ddl Zan era morto il giorno in cui è crollato il Conte 2, che mi sbagliavo e la legge sarebbe stata approvata. Quali erano i fattori che mi rendevano certo della vittoria, tanto da annunciarla con mesi di anticipo anche in tv (a Luxuria: “Ma ancora non l’hai capito che è finita?”) nonostante i segnali dei media mainstream fossero tutti a favore dell’approvazione del ddl Zan? Cosa abbiamo fatto per vincere? È uno schema replicabile in altre battaglie?

Ci sono cinque atti che hanno condotto alla vittoria sul ddl Zan e che sono assolutamente riproducibili in ogni battaglia pur difficile che si voglia provare a vincere anche se si parte apparentemente sconfitti. Li elenco.

1. COMPRENDERE I TERMINI GIURIDICI DELLA QUESTIONE

Il ddl Zan è stato raccontato dai media come “la legge contro l’omotransfobia”. In realtà il testo legislativo non prevedeva vere sanzioni aggiuntive per atti violenti contro gay e trans, ma era evidentemente finalizzato a conquistare tre obiettivi: avere in un testo di legge la definizione di identità di genere e di come essa fosse agevolmente modificabile; porre gli avversari della piattaforma Lgbt sotto la spada di Damocle della galera con la qualifica di omofobi istigatori di odio; entrare nelle scuole con la propaganda gender. Per ottenere questi tre obiettivi sono stati scritti gli articoli 1, 4 e 7. Chiunque leggesse con attenzione la legge di Zan se ne rendeva immediatamente conto. Molti aspiranti oppositori del ddl Zan non lo avevano mai letto. Male.

2. MODULARE UNA OPPOSIZIONE ANCHE MEDIATICA

Una volta preso atto delle falle giuridiche del provvedimento a cui opporsi occorre costruire una dimensione mediatica di tale opposizione, non ci si può limitare a qualche articolo è un po’ di convegnistica. Bisogna rappresentarsi televisivamente come interlocutori opposti alla macchina spesso devastante dei proponenti, senza il timore di essere derisi o duramente attaccati. È il prezzo da pagare per una battaglia di opposizione al mainstream e nelle fasi più acute il prezzo della derisione potrà apparire difficile da sostenere. Ma quella determinazione sarà il primo elemento attrattivo che allargherà il numero dei resistenti.

3. AMPLIARE IL FRONTE

Le battaglie contro il politicamente corretto non si possono vincere da soli. Specie se l’avversario, come nel caso del ddl Zan, ha sostenitori in tutti i centri nevralgici del potere dal Parlamento agli influencers a tutte le televisioni e ovviamente ai giornali. Bisogna costruire un fronte unico tra simili, non disperdere le energie dividendosi e poi ampliarlo questo fronte, cercando personalità influenti che (anche nella riservatezza) possano comprendere le ragioni profonde giuridiche, culturali, storiche, religiose, politiche di una battaglia.

4. ROMPERE LA COMPATTEZZA AVVERSARIA

Sul ddl Zan come su altre operazioni similari i proponenti tendono a occupare la scena mostrando una granitica compattezza. Studiando bene però gli avversari non è mai difficile riscontrare crepe e dissensi. Nel caso del ddl Zan gli oppositori più feroci militavano a sinistra, dalle femministe ai comunisti di Rizzo, dall’ex presidente di Arcigay Aurelio Mancuso a Platinette fino a tutta Arcilesbica. Quando poi il governatore del Pd della Campania, Vincenzo De Luca, peraltro di formazione comunista e platealmente ateo, alla festa dell’Unità questa estate ha attaccato ferocemente il ddl Zan è stato chiarissimo che l’esito parlamentare del provvedimento era segnato. Se lo sarebbero affondato da soli. Così è andata.

5. STRUTTURARE UN’ORGANIZZAZIONE

Racconta Lech Walesa che Solidarnosc vinse perché dopo trent’anni di impossibilità riuscì a dare un’organizzazione a chi si opponeva al regime comunista, per le ragioni più varie ma con un mastice unitario che fu la Fede. Quando l’organizzazione strutturata capì di avere un’adesione assai maggiore a quella apparente al comunismo di regime, bastò spingere e il regime crollò. Sul ddl Zan hanno raccontato fin dal giorno in cui hanno depositato la legge quasi quattro anni fa che l’Italia era con loro. Errore. Hanno confuso la loro Italia con l’Italia tutta intera. La loro Italia di attrici, cantanti, registi, alessandremussolini, selvaggelucarelli, architetti e giornalisti è l’Italia del demi monde dell’apericena in terrazzo, ma il Paese è un altro e vibra per altro, ha bisogno di altro che di leggi per falsi diritti civili mentre vengono scippati i veri diritti sociali. Organizzare la resistenza alla loro Italia, per batterli ogni volta, è compito non solo doveroso ma anche divertente.

Appuntamento alla prossima battaglia, da affrontare con questi cinque atti da mettere in scena. Si tratterà di fermare in Corte Costituzionale il referendum imbroglio sulla depenalizzazione dell’omicidio di consenziente, venduto truffaldinamente agli italiani come referendum sulla “eutanasia legale”. Entro gennaio 2022 dovremo spiegare perché il quesito è irricevibile. Vinceremo ancora.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/10/2021
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Politica

Ora estirpiamo le colonie del male

Non ci piace essere velleitari, l’Unar è istituito da legge dello Stato in recepimento di una direttiva comunitaria, non può essere chiuso. Va sterilizzata la sua funzione di stanziatore di denaro pubblico a favore della lobby lgbt. Dopo la vicenda di Francesco Spano per qualche tempo si asterrà dal farlo, ma dobbiamo tenere la vigilanza alta. E spiegare alla Boschi e a Gentiloni perché non devono più neanche lontanamente immaginare di finanziare con i quattrini delle famiglie italiane quelle associazioni con circoli dove si pratica la prostituzione e si spaccia droga, truffando lo Stato anche sul piano fiscale.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è quarto polo

Genova, Crema e gli altri comuni: sondaggi indipendenti attestano le liste del PdF a livelli impensabili fino a pochi mesi or sono

Leggi tutto

Società

Se un pediatra vendoliano un giorno

In un’importante sede istituzionale del capoluogo toscano avrà luogo, sabato 7 ottobre p.v., un convegno a senso unico e senza contraddittorio sulla nuova moda di una sinistra che ha dimenticato
il popolo, i lavoratori e i proletari, e che anzi si è rivolta alla demolizione della prole. Il pediatra vendoliano Paolo Sarti, consigliere in Regione, è l’artefice di questo spot LGBT già gravido di sciagure

Leggi tutto

Politica

Il Popolo si è ricordato

Renzi e Alfano, avete visto che il popolo si è ricordato?

Leggi tutto

Politica

Voti Lega o Meloni? Eleggi Lupi e Costa

Se vuoi veramente far sentire la tua voce in Parlamento non cadere nel solito tranello pre-elettorale. Non dare il tuo voto ai soliti noti che promettono di tutelare la famiglia, i malati, la vita, i bambini. Non credere alla storia del voto utile per i partiti che sono già affermati da anni. Se veramente vuoi cambiare questa società alal deriva hai una sola possibilità il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano