Storie

di Roberto Signori

Il Tempo e le verità sul covid

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

​Interessante articolo de il Tempo a firma Franco Bechis sul caos covid

Chi ha davvero diffuso notizie false sui decessi Covid 19? Tutti hanno accusato Il Tempo di avere distorto i dati contenuti nell’ultimo rapporto dell’Istituto superiore di Sanità guidato da Silvio Brusaferro. In quel documento è riportata l’analisi di poco meno di 8 mila cartelle cliniche dei deceduti da inizio pandemia, e in questa si identifica il gruppo di deceduti privi di qualsiasi altra patologia: erano sani e sono morti di Covid. Rappresentano il 2,9% delle cartelle complessive.

A Il Tempo si contesta di avere considerato quel campione come significativo (accade così nei sondaggi) della realtà complessiva. Ma è stato l’Istituto superiore di sanità per bocca del suo stesso presidente a ripetere in ogni conferenza stampa fin dall’inizio della pandemia che quelle cartelle cliniche erano sì un campione parziale, ma rappresentativo di tutta la realtà dell’infezione. Quindi se sbagliata è quella comparazione fra il campione è la realtà, l’errore è dell’Iss, non del Tempo. Se è fake news, va attribuita ai vertici della sanità italiana, non a chi la riporta. In ogni conferenza stampa come dimostriamo nelle immagini dell’epoca veniva per altro sottolineato che chi moriva se ne andava anche con il coronavirus, e non per colpa del coronavirus.

Non sto a discutere la sciocchezza di questa affermazione, ma è quel che hanno e ripetuto per mesi la protezione civile e l’Istituto superiore di sanità nella prima fase del virus. Se dicevano il falso su direttiva del governo che voleva così tranquillizzare gli italiani, è colpa grave e sarebbe tempo di discuterne profondamente. Però diventa grottesco oggi sostenere l’esatto opposto perché l’esigenza delle politiche governative è cambiata e invece di tranquillizzare oggi è meglio spaventare gli italiani per spingere anche i più riottosi a vaccinarsi. Che lo faccia una autorità politica è comprensibile, e di tutte le contraddizioni poi ne porta naturalmente conseguenza. Ma mettere in prima fila presunti scienziati per nascondersi dietro loro è veramente vigliacco. E dimostra allo stesso tempo la qualità della nostra dirigenza scientifica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/10/2021
1808/2022
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Asia meridionale: in crescita i problemi per gli studenti

La chiusura delle scuole in Asia meridionale a causa della pandemia da COVID-19 ha interrotto, l’apprendimento di 434 milioni di bambini. Secondo la ricerca dell’UNICEF, una parte considerevole degli studenti e dei loro genitori ha riferito che gli studenti hanno imparato molto meno rispetto ai livelli pre-pandemia. In India, l’80% dei bambini tra i 14 e i 18 anni ha riportato livelli di apprendimento inferiori rispetto a quando andava fisicamente a scuola. Allo stesso modo, nello Sri Lanka, il 69% dei genitori di bambini della scuola primaria ha riferito che i loro figli stavano imparando “meno” o “molto meno”. Le ragazze, i bambini provenienti dalle famiglie più svantaggiate e i bambini con disabilità hanno affrontato le sfide maggiori nell’apprendimento a distanza.

Leggi tutto

Società

L’Italia è il paese europeo meno attrattivo per lo shopping tax free

L’Italia è il Paese europeo meno attrattivo per lo shopping rivolto ai turisti internazionali.

Leggi tutto

Politica

APPELLO APERTO A GIUDICI E MAGISTRATI DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Appello ai giudici contro i soprusi del governo Draghi

Leggi tutto

Società

Italiano disubbidiente, ti scrivo

L’obbligo vaccinale e delle pesanti restrizioni che subiscono i cittadini dissenzienti.

Leggi tutto

Storie

Napoli, 12enne aggredito da un coetaneo

Il medico si è detto «estremamente preoccupato» da una serie di fenomeni «aggressivi post covid», sostiene. «Non passa giorno senza che ci vengano segnalati episodi di violenza tra e verso ragazzini spesso anche con meno di 10 anni. Una violenza senza precedenti», fa sapere il consigliere regionale di Europa verde Francesco Emilio Borrelli.

Leggi tutto

Società

PERIFERIE ESISTENZIALI: LA LOTTA TRA I GUARDIANI DELLE TENEBRE E I PORTATORI DI LUCE.

Nelle periferie esistenziali montane è in atto un evidente scontro tra i guardiani delle tenebre (spesso anche locali) e i portatori di luce. Un aspro conflitto tra chi vuole chiudere, accorpare, cancellare e annichilire le nostra realtà e chi viceversa lotta con tutto se stesso per mantenerle in vita, chiedendo a gran voce trattamenti equi e servizi essenziali

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano