Storie

di Roberto Signori

Il Tempo e le verità sul covid

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

​Interessante articolo de il Tempo a firma Franco Bechis sul caos covid

Chi ha davvero diffuso notizie false sui decessi Covid 19? Tutti hanno accusato Il Tempo di avere distorto i dati contenuti nell’ultimo rapporto dell’Istituto superiore di Sanità guidato da Silvio Brusaferro. In quel documento è riportata l’analisi di poco meno di 8 mila cartelle cliniche dei deceduti da inizio pandemia, e in questa si identifica il gruppo di deceduti privi di qualsiasi altra patologia: erano sani e sono morti di Covid. Rappresentano il 2,9% delle cartelle complessive.

A Il Tempo si contesta di avere considerato quel campione come significativo (accade così nei sondaggi) della realtà complessiva. Ma è stato l’Istituto superiore di sanità per bocca del suo stesso presidente a ripetere in ogni conferenza stampa fin dall’inizio della pandemia che quelle cartelle cliniche erano sì un campione parziale, ma rappresentativo di tutta la realtà dell’infezione. Quindi se sbagliata è quella comparazione fra il campione è la realtà, l’errore è dell’Iss, non del Tempo. Se è fake news, va attribuita ai vertici della sanità italiana, non a chi la riporta. In ogni conferenza stampa come dimostriamo nelle immagini dell’epoca veniva per altro sottolineato che chi moriva se ne andava anche con il coronavirus, e non per colpa del coronavirus.

Non sto a discutere la sciocchezza di questa affermazione, ma è quel che hanno e ripetuto per mesi la protezione civile e l’Istituto superiore di sanità nella prima fase del virus. Se dicevano il falso su direttiva del governo che voleva così tranquillizzare gli italiani, è colpa grave e sarebbe tempo di discuterne profondamente. Però diventa grottesco oggi sostenere l’esatto opposto perché l’esigenza delle politiche governative è cambiata e invece di tranquillizzare oggi è meglio spaventare gli italiani per spingere anche i più riottosi a vaccinarsi. Che lo faccia una autorità politica è comprensibile, e di tutte le contraddizioni poi ne porta naturalmente conseguenza. Ma mettere in prima fila presunti scienziati per nascondersi dietro loro è veramente vigliacco. E dimostra allo stesso tempo la qualità della nostra dirigenza scientifica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/10/2021
2201/2022
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Asia meridionale: in crescita i problemi per gli studenti

La chiusura delle scuole in Asia meridionale a causa della pandemia da COVID-19 ha interrotto, l’apprendimento di 434 milioni di bambini. Secondo la ricerca dell’UNICEF, una parte considerevole degli studenti e dei loro genitori ha riferito che gli studenti hanno imparato molto meno rispetto ai livelli pre-pandemia. In India, l’80% dei bambini tra i 14 e i 18 anni ha riportato livelli di apprendimento inferiori rispetto a quando andava fisicamente a scuola. Allo stesso modo, nello Sri Lanka, il 69% dei genitori di bambini della scuola primaria ha riferito che i loro figli stavano imparando “meno” o “molto meno”. Le ragazze, i bambini provenienti dalle famiglie più svantaggiate e i bambini con disabilità hanno affrontato le sfide maggiori nell’apprendimento a distanza.

Leggi tutto

Società

L’Italia è il paese europeo meno attrattivo per lo shopping tax free

L’Italia è il Paese europeo meno attrattivo per lo shopping rivolto ai turisti internazionali.

Leggi tutto

Politica

APPELLO APERTO A GIUDICI E MAGISTRATI DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Appello ai giudici contro i soprusi del governo Draghi

Leggi tutto

Società

PERIFERIE ESISTENZIALI: LA LOTTA TRA I GUARDIANI DELLE TENEBRE E I PORTATORI DI LUCE.

Nelle periferie esistenziali montane è in atto un evidente scontro tra i guardiani delle tenebre (spesso anche locali) e i portatori di luce. Un aspro conflitto tra chi vuole chiudere, accorpare, cancellare e annichilire le nostra realtà e chi viceversa lotta con tutto se stesso per mantenerle in vita, chiedendo a gran voce trattamenti equi e servizi essenziali

Leggi tutto

Società

La terza dose di vaccini anti Covid non convince gli italiani

Guendalina Graffigna, psicologa dell’Università Cattolica di Cremona ha parlato della sfiducia degli italiani verso la terza dose di vaccino, ritenuta ora necessaria dagli esperti: “Troppe volte siamo stati disillusi”

Leggi tutto

Società

C’è chi “OSA” per il rispetto della Costituzione

Alla Bocca della Verità si sono dati appuntamento uomini e donne appartenenti ai vari corpi di sicurezza dello Stato. La manifestazione è stata organizzata dall’O.S.A.-Operatori Sicurezza Associati. L’associazione conta ad oggi 2.357 iscritti alla luce del sole, appartenenti alla Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Penitenziaria, Esercito Italiano, Aeronautica Militare, Marina Militare, Corpo Forestale, Polizia Locale. La loro parola d’ordine è: “difendere i valori, i dettami ed i principi della Costituzione della Repubblica Italiana

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano