Politica

di Mirko De Carli

DOPO L’OMOFOBIA TOCCA ALLA DROGA LIBERA E ALL’EUTANASIA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Possiamo vincere le battaglie sulle questioni essenziali che sono alla base del nostro impegno civile: quanto accaduto durante il voto sul ddl Zan al Senato della Repubblica dimostra che le minoranze ben organizzate e convinte sul piano valoriale possono sconfiggere maggioranze ideologiche e supponenti. Soprattutto un passaggio di questo lungo braccio di ferro contro un testo di legge sbagliato e divisivo ha mostrato come si può continuare a vincere: una Chiesa unita e pienamente in campo. Ora tutti sono fortemente consapevoli che non si avrà più spazio per questioni come l’omotransfobia nell’agenda parlamentare dei prossimi mesi, per la gioia del governo Draghi che mai si sarebbe “impiccato” su temi che non appartengono alla sua storia personale e politica e per i partiti, oramai sempre più deboli e lacerati, che sanno molto bene quanto i consensi si possano conquistare su questioni che riguardano la vita quotidiana delle famiglie e non le paranoie arcobaleno di una lobby in cerca continua di un “posto al sole” nei palazzi del potere.

La rappresentazione plastica di come siamo chiamati a fronteggiare le prossime sfide all’ordine del giorno ci è stata offerta da Mario Adinolfi nel disvelare l’imbroglio del referendum radicale sull’eutanasia che pone un quesito “mistificato” teso a depenalizzare il reato di suicido assistito in Italia: un manipolo di donne e uomini hanno mandato letteralmente in tilt i promotori del referendum, prendendosi tutta l’attenzione delle telecamere presenti nell’affermare la semplice e pura verità dei fatti (riguardate la clip e osservate la risata isterica di alcuni dei compagni di viaggio di Marco Cappato). Anche qui la trafila delle “cose da fare” sarà la medesima (a meno che non si riesca, e qualche buona chances pare ancora esserci, a far saltare il quesito referendario prima della sua approvazione definizione in Cassazione): mettere pressione alla tranquillità olimpica dei nostri avversari, argomentare sul piano giuridico e non ideologico la nostra contrarietà, incoraggiare la Chiesa a ribadire con forza una posizione chiara, ferma e pubblica come avvenuto nel caso dell’omofobia e trovare la giusta strategia (come successo nella circostanza del referendum sulla fecondazione assistita) per vincere sul campo.

Ricordo con viva passione la mobilitazione che in tanti, capitati da Scienza e Vita, portammo in tutte le piazze d’Italia guidati da una posizione illuminata definita e ragionata dalla Conferenza Episcopale Italiana di allora presieduta dal Card. Ruini. Serve quella tenacia, serve quell‘organizzazione e serve quella mobilitazione: l’affossamento del ddl Zan dimostra che è possibile vincere anche contro eutanasia e droga libera.

L’Italia del nuovo miracolo economica ha bisogno di un’impennata demografica e non di una generazione di giovani, la nostra futura classe dirigente, annebbiata dalle droghe o di perdere un intero patrimonio di cultura e tradizioni per il solo bisogno di ridurre i costi del sistema sanitario con lo sterminio dei deboli e degli anziani per mano di familiari e medici “manipolati” dal pensiero della falsa libertà di scelta (le vite si salvano, non si accompagnano alla morte fatto l’accanimento terapeutico che condanniamo con forza).

Non è tempo del così detto “riposo del guerriero”: prende il via una nuova stagione di impegno e mobilitazione che richiede il protagonismo vivo e pugnace del Popolo della Famiglia. Un augurio e un auspicio a ognuno di noi: sempre in lotta.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/11/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

E la prof è subito “omofoba”

Negli ultimi giorni manganellatura mediatica su una docente di un liceo milanese e su un sacerdote della provincia di Como, colpevoli di aver parlato contro l’ideologia gender e il “matrimonio” gay

Leggi tutto

Storie

Silvana De Mari al contrattacco

Silvana De Mari contrattacca. “Non aspettavo altro, ci sono cascati in pieno e adesso vediamo come va a finire” – ci dice al telefono. Di cosa stiamo parlando? Della fatwa che le lobby Lgtb hanno lanciato contro di lei nei giorni scorsi. L’accusa? Omofobia. “Gay Lex” - una rete di legali e attivisti per la tutela dei diritti delle persone lesbiche, gay, bisex e trans – ha infatti chiesto la sua testa al presidente dell’Ordine dei medici. Una rete – guarda un po’ che strano – capitanata dal ‘compagno’ di Sergio Lo Giudice, parlamentare del Pd. Sì, Lo Giudice, colui che si è comprato un bambino con la pratica dell’utero in affitto, colui che sta dietro a tutte le manovre in Parlamento per demolire la famiglia ed arrivare equiparare le unioni civili al matrimonio.

Leggi tutto

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

Società

Perchè aggrediscono il PDF

Noi siamo fatti oggetto di violenza continua, dai profili social imbavagliati agli spettacolini come quelli di Novara, dagli insulti sanguinosi alle quotidiane vere minacce, perché non ci siamo rassegnati ad un generico e sterile borbottio, ma l’abbiamo trasformato in azione sociale e politica. Questo proprio non ce lo perdonano. E poiché a Novara come la sera dopo a Torino come quella precedente a Terni, l’OCOM tour fa segnare solo sale piene e sold out, allora hanno alzato il livello di intimidazion

Leggi tutto

Storie

Il futuro di Vincent

Nel silenzio e nell’apparente disinteresse dei media ieri appena una dozzina di persone ha partecipato all’udienza.

Leggi tutto

Politica

A Camaldoli per il bene comune

A Camaldoli per il bene comune e per la festa de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano