{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} NON SARÀ FACILE, NON SARÀ BREVE

Società

di Mario Adinolfi

NON SARÀ FACILE, NON SARÀ BREVE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Zachary Willmore è stato eletto in un liceo del Missouri “reginetta della scuola”, nell’onda di ribaltamento della verità che si è abbattuta sugli Stati Uniti. D’altronde già nel 2015 la rivista Glamour nominava Bruce Jenner, decatleta medaglia d’oro olimpica con tre mogli e sei figli improvvisamente scopertosi donna, come “donna dell’anno” nella versione in cui si fa chiamare Caitlyn. Ora, il mondo Lgbt accusa violentemente chi protesta contro queste carnevalate pensandoci sessuofobici e ovviamente “bigotti” e “medievali”. Intendono dire che agiamo perché mossi da ancestrali paure proprie dei non acculturati, legati a principi religiosi che per loro sono solo superstiziose dicerie. Alessandro Zan ha usato l’aggettivo “trogloditi” (va molto di moda nella comunità Lgbt) nei confronti dei suoi colleghi parlamentari che hanno spazzato via la sua sporca legge, indegna di una democrazia, che voleva aprire la strada all’approvazione di tutta la piattaforma Lgbt (matrimonio omosessuale, utero in affitto, adozioni gay) mettendo gli oppositori non solo nel mirino dei media loro fiancheggiatori come “omofobi”, ma anche sotto la spada di Damocle della galera. Chi si è opposto e ha applaudito per aver vinto una battaglia di liberazione dal calcagno dell’oppressore, si è beccato del troglodita da Zan. Questo è il rispetto che costoro hanno delle regole della democrazia.

Noi non siamo trogloditi, non siamo omofobi, non abbiamo problemi con la sessualità, non parliamo perché mossi da principi religiosi. Noi, molto semplicemente, ci opponiamo a una visione del mondo che vuole trasformare il falso in vero. Se poi vuole farlo con la prepotenza, la discriminazione dell’oppositore, addirittura con il carcere, allora è troppo chiaro che ci opponiamo anche perché le libertà democratiche non possono essere conculcate da una lobby colorata.

Zachary non è la reginetta del liceo, è ingiusto che tolga questa gioia a una ragazza recitando una parte che è falsa, non è vera. Bruce non può essere “donna dell’anno” perché non è una donna e non lo dicono i cattolici, lo dicono le femministe, anche quelle più estreme e “di sinistra”: la parola “donna” deve essere restituita al suo senso proprio e oggettivo, non offuscata da impropri elementi ideologici bagnati nelle acque torbide della soggettività. Nessuno è quel che crede di essere, tutti siamo quel che effettivamente siamo e questa lezione di verità è cruciale per la formazione delle nuove generazioni. Altrimenti finisce come a XFactor, dove fanno mesi di spot dicendo che “le categorie sono abbattute” e alla prima puntata i giudici (3 maschi su 4) che hanno fatto il pistolotto sul ddl Zan hanno selezionato 12 partecipanti per complessive 26 persone (le band sono da 4 o 5 componenti) in cui le ragazze sono solo 2. Gli omosessuali decisamente di più. Donne, attente, la retorica Lgbt alla fine fotte voi.

Stanno provando a costruire una società profondamente ingiusta e neanche si rendono conto di quanto le donne finiranno per pagare al loro delirio di onnipotenza. Vogliono farsi Dio decidendo ciò che è vero e pescandolo da ciò che è falso: questa deriva ideologica, priva di basi nella realtà, può generare solo disastri.

Loro credono di essere maggioranza, perché vivono chiusi nel loro micromondo. Non hanno capito che in Italia le loro pericolose cialtronate non passano perché il popolo quello vero, quello a cui non vendi che un decatleta con tre mogli e sei figli sia in realtà una donna, li respinge. Toccherà combattere e farlo in mezzo alle loro minacce. Toccherà continuare a spiegare i loro imbrogli, i trucchi che piazzano dentro le loro false leggi “per i diritti”; toccherà resistere ai loro insulti e non farsi mai intimidire, mai cedere alla loro prosopopea che vuole costruire subalternità. Ma, se si combatte, si vince. Masticano amaro quando devono riconoscere la nostra vittoria, urlano e strepitano, ma noi dobbiamo semplicemente spiegare loro le nostre ragioni. Una sinistra che si faccia schiacciare sulle necessità della lobby Lgbt, mentre in Italia va addirittura in crisi l’articolo 1 della Costituzione che ci vuole Repubblica democratica “fondata sul lavoro”, mentre le famiglie devono avere a che fare con il pieno per l’automobile che ormai costa 100 euro e le bollette raddoppiate, è una sinistra che ha perso l’anima e la ragione stessa della sua esistenza.

Con pazienza dobbiamo spiegare, con determinazione combattere. Poi serve intelligenza per organizzare un fronte unitario del dissenso popolare in tutta Europa, se è vero che è l’Ue l’ispiratrice di queste politiche. Non sarà facile e non sarà breve, sarà la battaglia della nostra vita per salvare ciò che è vero. Ma alla fine vinceremo noi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/11/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Sturzo e l’occasione storica

C’è un’occasione storica oggi per chi crede che davvero “historia est magistra vitae” (e io da laureato in Storia ci credo). Davanti ai ceffi urlanti, che si dicono di tutto e sono pronti a fare di tutto per contendersi un potere che poi gestiscono in maniera analogamente disastrosa, perché privi di un orizzonte valoriale alto che li faccia agire diversamente, davvero c’è un grande spazio per il neopopolarismo delle parole pacate, refrattario agli slogan semplificatori e piuttosto affascinato dalla complessità. Soluzioni concrete a problemi concreti, individuazione delle emergenze vere e intervento diretto a risolverle, risolutezza nell’azione e pacatezza nella mobilitazione, possono essere chiavi di un ritorno a Sturzo che anche oggi può essere decisivo. I liberi e i forti si muovano, partendo da una dimensione cristianamente ispirata, che impedisca prima di tutto ulteriori danni al territorio della cultura della vita e della famiglia, che va presidiato perché solo da questo l’Italia può ripartire. Lo sapeva Sturzo e lo sappiamo noi. I 220mila del Popolo della Famiglia che il 20 gennaio invieranno i loro delegati che si ritroveranno a Roma per celebrare non il passato di un primo secolo di popolarismo, ma l’aprirsi al futuro di un secondo secolo in cui un rinnovato appello ai liberi e forti è necessario, saranno i primi protagonisti di questa rivoluzione possibile. Di un cambiamento vero, discontinuo rispetto al presente e totalmente dissimile rispetto ai modelli di gestione attuale del potere.

Leggi tutto

Politica

PDF: Lucianella Presta sul Green Pass

Ecco l’osservazione di Lucianella Presta sul Green Pass di qualche ora fa….

Leggi tutto

Società

Taslima Nasreen: ‘La maternità surrogata esiste perché ci sono donne povere’

La scrittrice bengalese sui social network prende posizione contro l’utero in affitto due giorni dopo l’annuncio della star di Bollywood Priyanka Chopra di aver avuto un figlio con il suo compagno grazie alla “gestazione per altri”

Leggi tutto

Società

La povertà alimentare in Italia

L’articolo pubblicato su Social Indicators Research fa parte di una serie di studi sulla povertà che alcuni degli statistici dell’Università di Pisa portano avanti da diversi anni, facendosi promotori e membri dal 2015 del Centro Interuniversitario di Ricerca e Servizi sulla Statistica Avanzata per lo Sviluppo Equo e Sostenibile – Camilo Dagum.

Leggi tutto

Società

COSTA D’AVORIO - Il ruolo della famiglia

La parrocchia di Saint Jean-Paul II di Adzopé ha ospitato nei giorni scorsi la V edizione dell’Incontro della Santa Infanzia, come parte della celebrazione dell’infanzia missionaria.

Leggi tutto

Storie

Lahore, famiglia cristiana accusata dalla polizia

A Lahore, una famiglia cristiana si difende da rapina ma viene accusata dalla polizia. Nonostante i rapinatori abbiano ferito a una gamba il signor Mushtag Masih le guardie hanno preso in custodia i due figli, rilasciati solo dopo il pagamento di una cauzione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano