Media

di Tommaso Ciccotti

Libro: Don Amorth continua

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un libro, dato recentemente alle stampe dalle Edizioni San Paolo, aiuta a delineare un ritratto dettagliato di padre Gabriele Amorth, il sacerdote paolino modenese da tutti ricordato come il più famoso esorcista dei nostri tempi, scomparso il 16 settembre 2016.

“Don Amorth continua. La biografia ufficiale” è il titolo del volume a firma del giornalista Domenico Agasso, vaticanista de La Stampa, che in 240 pagine ripercorre i 91 anni di vita di padre Gabriele, 62 dei quali come sacerdote, 30 da esorcista. E proprio la ricostruzione di quei 61 anni prima che diventasse il decano di tutti gli esorcisti d’Italia e del mondo rappresenta la principale novità del libro, che rivela un background finora inedito di Gabriele Amorth, uomo dai mille volti - partigiano, politico, giornalista, scrittore, sacerdote – che ha vissuto in prima linea una parte della storia d’Italia, prima e dopo la guerra. Una vecchia Italia che si trovava a dover costruire dalle macerie belliche un’imma­gine democratica che non perdesse i valori più profondi del cristianesimo. Amorth - del quale poco si conosce dell’infanzia e dell’adolescenza - ha vissuto con intensità questa stagione; formatosi in gioventù nell’ambiente dell’antifascismo democristiano, lavorò a fianco di importanti personaggi dell’epoca: Dossetti, La Pira, Fanfani, Lazzati, dai quali ricevette stima e rispetto.

Ai richiami della politica, verso la quale mostrava una certa stoffa, il giovane Gabriele antepose la vocazione religiosa, maturata grazie a “una fede respirata in casa ogni giorno” con “la frequentazione della parrocchia con la mamma”, “la santità dei genitori” (il papà Mario, avvocato, è stato tra i fondatori nel 1919 del Partito Popolare di don Luigi Sturzo”) e “la bontà dei fratelli”. Ricevette l’ordinazione – il “pretonzolato”, come ironizzava la famiglia – nel 1954.

Da allora sono tanti gli eventi che hanno scandito la vita di don Amorth: il libro li ripercorre e li racconta con dovizia di particolari, avvalendosi di documenti e delle testimonianze di chi il sacerdote l’ha conosciuto da vicino, come Elisabetta Fezzi, giornalista e scrittrice, a lungo sua collaboratrice. Si parla quindi, tra le altre cose, del legame con don Giacomo Alberione, fondatore delle Edizioni Paoline, suo superiore ma, al contempo, amico; si ricorda il famoso pellegrinaggio mariano per l’Italia della Madonna, del quale fu tra gli organizzatori, e si fa cenno allo sguardo che Amorth diede al fenomeno Medjugorje, che descrisse tra i primi su Madre di Dio.

Il sacerdote riesce però a portare all’attenzione pubblica il tema degli esorcismi: scrive libri e articoli, parla in tv, interviene a conferenze, spiega come riconoscere i casi di possessione, mette in guardia anche da alcuni personaggi del rock veicolo di messaggi satanici

Ampio spazio nel libro è naturalmente occupato dalla “carriera” di padre Amorth come esorcista, emblema di una categoria che qualcuno reputa ancora oggi troppo esigua. Il prete modenese approda in questo mondo negli anni ’80, già sessantenne, e da quel momento comincia e mai smette una lotta lunga, snervante, sfiancante contro il “nemico dell’uomo”. “Don Amorth va in battaglia più volte al giorno – spiega Agasso – affrontando anche dieci-dodici esorcismi in ventiquattr’ore. Tutti i giorni, anche di domenica. Anche a Natale”. Ritmi altissimi, senza pause, che mettono a repentaglio la sua stessa salute , e non solo fisica.

Scrive l’autore Domenico Agasso: “Tanti gli debbono gratitudine e salvezza. Preti, vescovi e Papi non possono disperdere il suo esempio e la sua lezione, ma piuttosto farne tesoro”. Tanto più in questi tempi di secolarizzazione e perdita di senso del sacro, di isolamento e distanziamenti. “Passata la pandemia, il Demonio non passa”, si legge nelle ultime pagine del libro. “Ci vogliono sempre soldati di Dio pronti alla lotta. Gente coraggiosa e inesausta, perché la lotta continua, e continuerà finché non resterà un solo uomo sulla terra.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/11/2021
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Laos: misure del governo a protezione dei cristiani vessati e maltrattati nel Paese

In Laos il governo di Vientiane ha adottato provvedimenti per proteggere i cristiani dalle continue discriminazioni subite

Leggi tutto

Società

I turisti cristiani in Israele: “Ci sentiamo discriminati”

Un portavoce delle chiese cristiane in Terra Santa ha accusato Israele di discriminare i turisti cristiani durante il periodo delle festività natalizie. Israele smentisce seccamente.

Leggi tutto

Storie

Pakistan: cristiano ucciso da un gruppo di musulmani

Il 25enne Pervez Masih è stato attaccato dopo una controversia nata nel suo negozio di videogiochi.. United Christian Council: “In Pakistan le forze dell’ordine sono impotenti e insicure”.

Leggi tutto

Storie

Sagaing: la giunta militare attacca un villaggio cristiano

Sono almeno 20 le case bruciate in questi giorni a Chan Thar, oltre 500 le scorte di riso andate perse e parecchi gli sfollati. I soldati hanno fatto irruzione e dato fuoco alle abitazioni “senza alcuna ragione”.

Leggi tutto

Storie

Myanmar: basta violenze

Sono incisive le parole di monsignor Marco Tin Win, al rispetto della dignità umana e della proprietà privata dinanzi all’intensificarsi degli attacchi della giunta militare ai villaggi cattolici della regione centrale di Sagaing

Leggi tutto

Chiesa

Mali: liberata suor Narvaez, rapita 4 anni fa

Gioia per il rilascio della religiosa, francescana colombiana, in Mali, dopo anni di prigionia, molti dei quali trascorsi assieme al missionario padre Gigi Maccalli. La suora è in buone condizioni fisiche ed è arrivata in Italia per incontrare Papa Francesco.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano