Politica

di Raffaele Dicembrino

Green pass: lo stato di emergenza scade il 31 dicembre: in arrivo la proroga

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo stato d’emergenza e il Green pass scadono il 31 dicembre 2021, ma, vista la situazione dei contagi in risalita, non è escluso che il governo scelga di prorogarli fino al 2022. Per quanto riguarda la misura straordinaria di emergenza la prima ipotesi parla di un rinnovo fino a marzo, mentre per il Green pass l’intenzione dovrebbe essere quella di tenerlo fino alla prossima estate.

Con i dati in risalita in tutta Italia, quindi, il ministro Speranza non ha escluso né una proroga dello stato di emergenza né del Green pass. Sul certificato verde, il ministro ha sottolineato che «ci consente di tenere aperti tutti i luoghi della socializzazione, della cultura, i ristoranti, le scuole e le università: in un quadro epidemiologico diverso, faremo naturalmente tutte le valutazioni necessarie». Per lo stato d’emergenza, l’ipotesi è di una proroga fino a marzo 2022. In realtà, tecnicamente l’attuale stato di emergenza può essere prorogato solo fino al 31 gennaio del 2022: però il governo, se lo riterrà opportuno, potrà procedere per via parlamentare a emanare un provvedimento che preveda un nuovo stato di emergenza (passo che sarebbe bene poco democratico).

Quando è in corso lo stato d’emergenza possono essere autorizzate misure eccezionali e interventi speciali con ordinanze in deroga alle disposizioni di legge (rispettando i principi generali dell’ordinamento giuridico). Per rispondere più velocemente, le procedure di approvazione di leggi e decreti sono snellite. Il governo può usare i Dpcm, decreti che non devono ricevere approvazione parlamentare. È poi in funzione la «cabina di regia», a cui partecipano i governatori: le Regioni, infatti, possono emanare ordinanze, ma devono presentare le linee guida al governo.

Se non dovesse essere prorogato dopo il 31 dicembre 2021, quindi, ci sarebbero diversi cambiamenti. Prima di tutto, non esisterebbero più alcuni organismi creati per affrontare la pandemia, come il commissario straordinario e il Comitato tecnico scientifico. Riguardo allo smart working, i lavoratori dovrebbero negoziare accordi individuali con le aziende. Lo stato d’emergenza, infatti, ha permesso l’adozione dello smart working semplificato, cioè senza la necessità dell’accordo individuale tra azienda e lavoratore e in deroga ad accordi sindacali. Quando la proroga scadrà, le norme che regolano il lavoro lontano dagli uffici dovranno essere riviste.

Anche il Green pass, obbligatorio anche per accedere ai luoghi di lavoro pubblici e privati, ha per ora la stessa data di scadenza dello stato d’emergenza: il 31 dicembre 2021. Il governo, però, secondo alcune fonti, sta pensando di separare le due strade. L’ipotesi per ilgreen pass è quella di un decreto a parte che ne proroghi gli effetti fino all’estate del 2022.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/11/2021
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Politica

Lamorgese in aula: scontri a Roma, qualcosa non ha funzionato

«Nell’immediatezza dei fatti ho chiesto al capo della polizia una dettagliata ricostruzione delle evidenti delle criticità che, occorre riconoscerlo, hanno contrassegnato la gestione dell’ordine pubblico di quelle ore. E’ palese che non si sia riusciti a contenere tutti i propositi criminali da cui era mossa la parte violenta dei manifestanti, specie quella istigata da elementi più politicizzati» Sono le parole della Lamorgese

Leggi tutto

Politica

Covid: nuove regole nelle scuole

Al via in tutta Italia le nuove regole la gestione dei positivi al Covid-19 a scuola, con l’obiettivo di mantenere il più possibile le lezioni in presenza.

Leggi tutto

Chiesa

Montenegro: i vescovi cattolici respingono la richiesta di green pass

I vescovi cattolici del Montenegro non accettano le nuove misure contro il Covid-19, in vigore dal 1° dicembre, che prevedono che l’entrata nelle chiese potrà essere effettuata solo con il green pass.

Leggi tutto

Politica

Il Senato ammette e documenta: i vaccini sono sieri sperimentali rischiosi

Dunque il governo con l’atto di sindacato ispettivo n 1-00388 della legislatura 18, afferma che i “vaccini Anticovid” che sono stati messi in commercio sono SPERIMENTALI, con dati molto limitati sulla sicurezza a breve termine o non disponibili.

Leggi tutto

Storie

Inps risparmia più di un miliardo grazie alla pandemia

Il triste bilancio 2021 della pandemia: saranno 11,9 i miliardi risparmiati nel decennio a causa delle morti causate dalla pandemia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano