Società

di Fabio Annovazzi

L’INSOPPORTABILE PIAGNISTEO DEI PANCIAPIENA E I LORO SUBDOLI INTENTI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

C’era da aspettarselo. E’ cominciata la manfrina piagnucolosa dei pancia piena dopo l’esito negativo della votazione sul DDL Zan al Senato. Hanno perso in maniera roboante e ora accampano scuse patetiche, accusando il parlamento di essere scollato da quello che pensa realmente il paese. Io non so dove vivano questi, forse su Nettuno, ma ricordo loro sommessamente che le problematiche attuali di larga fetta della popolazione italiana sono ben altre. Ma sono parole al vento le mie, sono oramai talmente accecati che non se ne rendono conto. Girano in queste ore con la bava alla bocca e gli occhi spiritati, aizzano folle di ragazzini grondando una perniciosa rabbia isterica. Probabilmente gli duole parecchio il fatto di non essere riusciti a schiaffarci nelle patrie galere, dopo la votazione alla camera lo davano quasi per scontato pregustando una succulenta vittoria, ma il boccone gli è andato decisamente di traverso. Anche un certo mondo cattolico, a loro similare, versa articoli lacrimosi e rammarico per la solenne bocciatura e per una mediazione sul ddl a loro dire mancata. Non sto qui ad elencare ancora gli articoli ed i contenuti di una legge clamorosamente liberticida e vigliacca, arrivata persino al punto di strumentalizzare le persone disabili pur di ottenere il placet dalla maggioranza. Quello che mi preme mettere in evidenza è che da ora in avanti sarà una battaglia quotidiana continua, da parte di lorsignori, per dimostrare che i senatori si sono sbagliati e l’Italia è un paese omofobo che necessita di queste normative per garantire appieno i “nuovi diritti”. A dar retta al piagnisteo di questi cialtroni e dei loro fanatici fans sembra di vivere nell’epoca delle grandi dittature dove una parte della popolazione era appositamente perseguitata e discriminata. Basterebbe una risata per seppellirli se non fosse che la vera dittatura (del pensiero unico, ma non solo) la vogliono proprio instaurare loro. Hanno in mano praticamente tutta l’informazione, la stragrande maggioranza dei mass media, eppure parlano di diritti negati. Quali? Fatemi l’elenco per favore se ci riuscite. Attori, comici, cantanti, soubrette, influencer sono quasi tutti dalla loro parte e ciò nonostante si lamentano pure di non avere spazi sufficienti. Siamo al ridicolo, se non oltre. Questa banda dei pancia piena continua a mettere alla berlina la famiglia naturale da anni e pretende pure una legislazione apposita per farci tacere. Nazisti che vengono a impartire lezioni di democrazia. Pfui, direbbe il buon Paperino. In questi ore tutte le prime donne dell’artiglieria massonica della nota lobby si sono messe a cannoneggiare furiosamente. Così facendo smascherano spudoratamente le loro presunte buone intenzioni, mostrando la vera faccia e i subdoli intenti. Il promotore delle legge fascistissima, come novello Gandhi, va a fare lezioni e proselitismo ad ignari studenti nelle scuole. A che titolo non si sa di preciso, non è dato sapersi e non puoi dire nulla se no ti azzannano furiosamente esponendoti al pubblico ludibrio. Quell’altra presunta comica, che pensa di essere simpatica – profumata - attraente ma nella realtà appena apre bocca emana un lezzo putrido e disgustoso da cui ritrarsi, si è messa a pontificare sui canali RAI (a nostre spese dunque) su come e cosa dovrebbero fare gli italiani per avere finalmente questi benedetti nuovi diritti. Già si vocifera di un possibile referendum con tanto di raccolta firme. Ho preso la briga di leggere e ascoltare tutto quello che questi campioni di “democraticità” dicono e scrivono. Una cosa mi ha fatto inferocire parecchio, più delle loro patetiche manfrine. Strumentalizzano i ragazzi, chiedendo un insensata ed OBBLIGATORIA educazione sessuale nelle scuole di ogni fascia, persino ai bambini dell’asilo. La cosa mi fa trasalire ma non mi lascia per nulla di stucco. Lo sapevo già da tempo che questo è il loro obbiettivo vero nel mirino da tempo, al di là della retorica ridicola con cui ciarlano, lo sdoganare l’omogenitorialità, trasformando i loro inconsulti desideri in diritti. Orchi meschini e null’altro. E allora non si può tacere, dobbiamo salvare l’innocenza ribellandoci a queste pretese assurde, ed è vitale gridarlo ancora più forte: giù le mani dai bambini! Stanno per giunta irretendo i nostri ragazzi più grandicelli con una melodia a senso unico su note che profumano d’inferno, solo se siamo vigliacchi non combattiamo per il loro vero bene. Questa battaglia, specie per un credente, non solo è necessaria ma è assolutamente doverosa. Ma anche chi non ha la grazia della fede se apre gli occhi non può non avere perplessità in ambito. Basta solo un po’ lume di ragione per sbugiardare menzogne vestite malamente da un buonismo che calza davvero male. Cercano in ogni modo di aprire le cosiddette finestre di Overton per fare passare come normali idee raccapriccianti. Tra le tante idiozie circolanti mi capita di leggere falsità mostruose sul web che vanno smascherate velocemente, prima che una bugia ripetuta cento volte diventi una mezza verità. Porto un esempio concreto. Tanti sbadati, diciamo così, asseriscono che piuttosto che vedere un bambino languire in un orfanotrofio, perché abbandonato o affetto da grave malattia, vada bene qualsiasi genitore, anche single, e qualsiasi tipo di “famiglia”. Falso, clamorosamente falso, ed è ora di finirla con queste castronerie che non stanno in piedi. Chi non vive in un mondo irreale, e va quel tantino oltre la propaganda dei pro gender, sa benissimo che per ogni bambino da adottare ci sono a disposizione ben cinque coppie di papà e mamma pronte a fare carte false pur di amarlo e prenderlo sotto il proprio tetto. E allora, di che parlano? Rimarchiamolo questo quando la propaganda si fa insistente e a senso unico, sbandierando storie inesistenti o inventate di sana pianta. E specifichiamo che se qualcuna di queste coppie si scoraggia e getta la spugna è solo per lungaggini burocratiche spesso insensate e per chi meschinamente cerca anche di lucrare danaro sull’enorme disagio di questi piccoli. Tirando le somme dunque è inutile camuffare il male per renderlo appetibile, non diverrà mai un bene, neanche sotto abiti di lusso. Specie se sotto quel travestimento si nasconde un qualcosa di ignobile, un voler esaudire desideri sulla pelle di qualcuno di semplice ed indifeso come lo sono i fanciulli. La vita non è un bene di consumo, un uomo non si vende e non si compra cari schiavisti 4.0. Per cui lo grido ancora più forte se mai ce ne fosse bisogno: giù la mani dai bambini! Abbiamo vinto una battaglia ma, metaforicamente, la guerra prosegue e occorre affilare le armi senza tentennamenti. Comunque, non praevalebunt!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/11/2021
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Bravi Dolce e Gabbana

Dolce e Gabbana, i due noti stilisti omosessuali, dichiarano apertamente la loro contrarietà all’utero in affitto e la loro preferenza per la famiglia “tradizionale”

Leggi tutto

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Politica

Don Giussani e la politica

Ogni comunità cristiana, per il fatto di essere storicamente collocata in un determinato ambito civile – nel nostro caso, un Comune −, non può non avere uno sguardo sui bisogni e le urgenze più grandi che emergono in quel luogo. Per questo implicarsi con le prossime elezioni amministrative è una possibilità a portata di mano di tutti, nessuno può sentirsi escluso. Chi avrà accettato la sfida potrà giudicare se l’essersi implicato in questa circostanza, che non abbiamo deciso noi, gli è servito per verificare quello che dicevamo all’inizio, cioè se quello che abbiamo incontrato serve per affrontare tutto, perfino nel clima di sfiducia dal quale ci sentiamo circondati. Noi non possiamo essere definiti da questo clima, né possiamo lasciare che altri riempiano gli spazi di presenza che noi, per pigrizia, non riempiamo. Allora ciascuno nel proprio ambito potrà vedere se quello che ci diciamo è un fatto vivo – come è stato per quei nostri amici − o se è semplicemente un modo di dire che non c’entra con le urgenze della vita. Mi sembra che abbiamo davanti una bellissima opportunità per verificare tutti, ma proprio tutti, non solo coloro che s’impegnano direttamente in politica o che hanno deciso di candidarsi, se siamo veramente impegnati per realizzare quel ‘bene comune’ di cui parliamo sempre”.

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Società

Il CAV e l’ombra dell’aborto: il curioso caso di Bergamo

Escluso dal tavolo dei relatori di sabato il presidente FederVita Paolo Picco. La difesa del PdF locale. A Bergamo si è consumato un vergognoso assalto totalitario, in cui un gruppo di pressione ha disposto a proprio piacimento di un organo del Consiglio Comunale, con la connivenza dell’amministrazione Gori, che non si è fatta problemi ad accettare la proposta di sostituzione di Paolo Picco con l’assessore alla Coesione Sociale Maria Carolina Marchesi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano