Società

di Fabio Annovazzi

L’INSOPPORTABILE PIAGNISTEO DEI PANCIAPIENA E I LORO SUBDOLI INTENTI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

C’era da aspettarselo. E’ cominciata la manfrina piagnucolosa dei pancia piena dopo l’esito negativo della votazione sul DDL Zan al Senato. Hanno perso in maniera roboante e ora accampano scuse patetiche, accusando il parlamento di essere scollato da quello che pensa realmente il paese. Io non so dove vivano questi, forse su Nettuno, ma ricordo loro sommessamente che le problematiche attuali di larga fetta della popolazione italiana sono ben altre. Ma sono parole al vento le mie, sono oramai talmente accecati che non se ne rendono conto. Girano in queste ore con la bava alla bocca e gli occhi spiritati, aizzano folle di ragazzini grondando una perniciosa rabbia isterica. Probabilmente gli duole parecchio il fatto di non essere riusciti a schiaffarci nelle patrie galere, dopo la votazione alla camera lo davano quasi per scontato pregustando una succulenta vittoria, ma il boccone gli è andato decisamente di traverso. Anche un certo mondo cattolico, a loro similare, versa articoli lacrimosi e rammarico per la solenne bocciatura e per una mediazione sul ddl a loro dire mancata. Non sto qui ad elencare ancora gli articoli ed i contenuti di una legge clamorosamente liberticida e vigliacca, arrivata persino al punto di strumentalizzare le persone disabili pur di ottenere il placet dalla maggioranza. Quello che mi preme mettere in evidenza è che da ora in avanti sarà una battaglia quotidiana continua, da parte di lorsignori, per dimostrare che i senatori si sono sbagliati e l’Italia è un paese omofobo che necessita di queste normative per garantire appieno i “nuovi diritti”. A dar retta al piagnisteo di questi cialtroni e dei loro fanatici fans sembra di vivere nell’epoca delle grandi dittature dove una parte della popolazione era appositamente perseguitata e discriminata. Basterebbe una risata per seppellirli se non fosse che la vera dittatura (del pensiero unico, ma non solo) la vogliono proprio instaurare loro. Hanno in mano praticamente tutta l’informazione, la stragrande maggioranza dei mass media, eppure parlano di diritti negati. Quali? Fatemi l’elenco per favore se ci riuscite. Attori, comici, cantanti, soubrette, influencer sono quasi tutti dalla loro parte e ciò nonostante si lamentano pure di non avere spazi sufficienti. Siamo al ridicolo, se non oltre. Questa banda dei pancia piena continua a mettere alla berlina la famiglia naturale da anni e pretende pure una legislazione apposita per farci tacere. Nazisti che vengono a impartire lezioni di democrazia. Pfui, direbbe il buon Paperino. In questi ore tutte le prime donne dell’artiglieria massonica della nota lobby si sono messe a cannoneggiare furiosamente. Così facendo smascherano spudoratamente le loro presunte buone intenzioni, mostrando la vera faccia e i subdoli intenti. Il promotore delle legge fascistissima, come novello Gandhi, va a fare lezioni e proselitismo ad ignari studenti nelle scuole. A che titolo non si sa di preciso, non è dato sapersi e non puoi dire nulla se no ti azzannano furiosamente esponendoti al pubblico ludibrio. Quell’altra presunta comica, che pensa di essere simpatica – profumata - attraente ma nella realtà appena apre bocca emana un lezzo putrido e disgustoso da cui ritrarsi, si è messa a pontificare sui canali RAI (a nostre spese dunque) su come e cosa dovrebbero fare gli italiani per avere finalmente questi benedetti nuovi diritti. Già si vocifera di un possibile referendum con tanto di raccolta firme. Ho preso la briga di leggere e ascoltare tutto quello che questi campioni di “democraticità” dicono e scrivono. Una cosa mi ha fatto inferocire parecchio, più delle loro patetiche manfrine. Strumentalizzano i ragazzi, chiedendo un insensata ed OBBLIGATORIA educazione sessuale nelle scuole di ogni fascia, persino ai bambini dell’asilo. La cosa mi fa trasalire ma non mi lascia per nulla di stucco. Lo sapevo già da tempo che questo è il loro obbiettivo vero nel mirino da tempo, al di là della retorica ridicola con cui ciarlano, lo sdoganare l’omogenitorialità, trasformando i loro inconsulti desideri in diritti. Orchi meschini e null’altro. E allora non si può tacere, dobbiamo salvare l’innocenza ribellandoci a queste pretese assurde, ed è vitale gridarlo ancora più forte: giù le mani dai bambini! Stanno per giunta irretendo i nostri ragazzi più grandicelli con una melodia a senso unico su note che profumano d’inferno, solo se siamo vigliacchi non combattiamo per il loro vero bene. Questa battaglia, specie per un credente, non solo è necessaria ma è assolutamente doverosa. Ma anche chi non ha la grazia della fede se apre gli occhi non può non avere perplessità in ambito. Basta solo un po’ lume di ragione per sbugiardare menzogne vestite malamente da un buonismo che calza davvero male. Cercano in ogni modo di aprire le cosiddette finestre di Overton per fare passare come normali idee raccapriccianti. Tra le tante idiozie circolanti mi capita di leggere falsità mostruose sul web che vanno smascherate velocemente, prima che una bugia ripetuta cento volte diventi una mezza verità. Porto un esempio concreto. Tanti sbadati, diciamo così, asseriscono che piuttosto che vedere un bambino languire in un orfanotrofio, perché abbandonato o affetto da grave malattia, vada bene qualsiasi genitore, anche single, e qualsiasi tipo di “famiglia”. Falso, clamorosamente falso, ed è ora di finirla con queste castronerie che non stanno in piedi. Chi non vive in un mondo irreale, e va quel tantino oltre la propaganda dei pro gender, sa benissimo che per ogni bambino da adottare ci sono a disposizione ben cinque coppie di papà e mamma pronte a fare carte false pur di amarlo e prenderlo sotto il proprio tetto. E allora, di che parlano? Rimarchiamolo questo quando la propaganda si fa insistente e a senso unico, sbandierando storie inesistenti o inventate di sana pianta. E specifichiamo che se qualcuna di queste coppie si scoraggia e getta la spugna è solo per lungaggini burocratiche spesso insensate e per chi meschinamente cerca anche di lucrare danaro sull’enorme disagio di questi piccoli. Tirando le somme dunque è inutile camuffare il male per renderlo appetibile, non diverrà mai un bene, neanche sotto abiti di lusso. Specie se sotto quel travestimento si nasconde un qualcosa di ignobile, un voler esaudire desideri sulla pelle di qualcuno di semplice ed indifeso come lo sono i fanciulli. La vita non è un bene di consumo, un uomo non si vende e non si compra cari schiavisti 4.0. Per cui lo grido ancora più forte se mai ce ne fosse bisogno: giù la mani dai bambini! Abbiamo vinto una battaglia ma, metaforicamente, la guerra prosegue e occorre affilare le armi senza tentennamenti. Comunque, non praevalebunt!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/11/2021
2005/2022
San Bernardino da Siena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: aiutiamo le famiglie

Con un messaggio inviato agli Stati Generali della natalità, giunti alla seconda edizione, Francesco ricorda che è miope non vedere il problema della denatalità e che bisogna fare attenzione alla “povertà generativa”.

Leggi tutto

Società

La famiglia nel nord Europa

Stando alle statistiche citate, sembra dunque che ciò da cui devono essere in primo luogo protetti i bambini siano i loro genitori. Per meglio distruggere la famiglia bisogna far passare il messaggio che sempre più spesso i genitori sono inadeguati, che i bambini devono innanzi tutto vivere in uno “spazio nel quale sviluppano la loro personalità e vi trovano protezione” e che questo “spazio” corrisponde sempre meno alla famiglia naturale. A tal fine è stato sufficiente introdurre il discorso sull’omosessualità e sul “diritto” degli omosessuali ad avere dei figli. Poiché gli omosessuali non sono in grado di procreare (ci stanno lavorando, ma per ora, né due uomini né due donne sono in grado di dare inizio ad una nuova vita), proteggere questo loro presunto diritto significa necessariamente passare per la negazione dell’importanza di tutto quanto fino ad oggi era parso indiscutibile: l’amore di papà e mamma, ma anche il valore della gestazione, dell’allattamento e di ciò che rappresentano i genitori (di diverso sesso), ugualmente importanti, ma fondamentalmente diversi, proprio perché diverse sono le necessità del bambino. Usando gli omosessuali – il verbo “usare” non è stato scelto a caso - in questa maniera è molto più facile mettere a tacere qualsiasi discorso discostante, perché si accuserà di omofobia chiunque la pensi diversamente. Addirittura molti omosessuali, favorevoli alla famiglia naturale, vengono pesantemente tacciati di omofobia e messi a tacere.

Leggi tutto

Società

Scozia e matrimoni gay

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.

Leggi tutto

Società

L’antisemitismo vive in Europa?

La scomparsa del senso religioso nella maggioranza della popolazione, poi, ha fatto eclissare anche il rispetto per il sacro: resta solo il disprezzo per realtà che non si comprendono e che si interpretano con categorie secolari e logiche di profitto e potere, che le sono fondamentalmente estranee, ma che sono le uniche conosciute dal mondo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano