Storie

di Giuseppe Udinov

Arrestati 34 pusher con il reddito di cittadinanza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Spacciatori ma con il reddito di cittadinanza. È quanto emerso dal blitz antidroga che ha portato all’arresto di 58 persone a seguito dell’operazione antidroga dei carabinieri della compagnia “San Lorenzo” nel quartiere Sperone di Palermo.

Invece di cercare lavoro, intere famiglie erano dedite allo spaccio e all’attività illecita dove risultato coinvolti anche minorenni. Come riportato da AdnKronos, il volume d’affari stimato dagli investigatori dell’Arma dei Carabinieri è superiore ad un milione e mezzo di euro. Le accuse variano dal traffico allo spaccio di sostanze stupefacenti. Tra gli arrestati figurano persone di età compresa tra i 22 e i 48 anni.

La droga veniva venduta ovunque: non c’era angolo di quartiere che ne era rimasto al di fuori: dai palazzoni ai vicoli fra le case ma anche all’interno delle abitazioni fin nelle camere da letto dei figli piccoli dove in molti casi gli stupefacenti venivano stoccati, lavorati e venduti. L’attività era all’ordine del giorno anche molto vicino la scuola del quartiere e, per acquistare gli stupefacenti, i tossici venivano apposta anche da altre province siciliane: come si legge sul Giornale di Sicilia veniva venduto di tutto, da dalla cocaina al crack, dall’hashish alla marijuana. Negli appartamenti, tra l’altro, c’erano i “summit” per decidere prezzi e strategie, dividere i guadagni o rifornire di droga coloro i quali la dovevano vendere nelle piazze.

Eccoci dinnanzi all’ennesimo fallimento del reddito di cittadinanza. Se è vero che è servito come salvagente per alcune famiglie in difficoltà durante la pandemia, la misura era stata ideata per far trovare lavoro ai disoccupati, non certo per bivaccare allegramente tutta la vita. Con il passare del tempo, infatti, si è dimostrata sempre di più una misura assistenzialista che trova la sua ennesima dimostrazione nella cronaca odierna.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/11/2021
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Omofobia in Umbria: si fa presto a dire “legge”

Lo statuto speciale della regione italiana a più alta concentrazione di santi ha permesso il varo di tante leggi regionali, la cui inefficacia dimostra il marchio ideologico

Leggi tutto

Politica

I politici che incedono come l’infida seppia

Uno dei problemi dei cattolici è che per (de)formazione scambiano l’acquiescenza per mitezza evangelica.

Leggi tutto

Politica

La strettoia del 26 Maggio

Arrivati a settanta giorni dalla fine della campagna elettorale per le europee, appuntamento decisivo in vista del ridisegnarsi della mappa della politica italiana nella sua transizione infinita verso una qualche forma di stabilità, sarà bene per i cattolici italiani avere chiaro il quadro delle forze in campo per poter orientare con intelligenza il loro voto. Sette milioni di cattolici praticanti un anno fa, il 4 marzo, hanno premiato secondo tre studi dei flussi di consenso insolitamente concordanti, principalmente Pd e M5S, che insieme a Forza Italia e Lega (rispettivamente terza e quarta forza tra coloro che vanno a messa tutte le domeniche) hanno ottenuto complessivamente oltre l’ottanta per cento dei voti. Il Popolo della Famiglia si è fermato al 3.3% dei voti dei cattolici praticanti il 4 marzo, il resto è stato suddiviso tra Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Civica Popolare, Insieme, Italia agli Italiani con addirittura un piccolo segmento di consensi anche per +Europa, Casapound, Leu e Potere al Popolo.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Politica

MUSICA DEI “BOSS” E VAGINE FELICI, ADINOLFI (PDF): “A OSTIA LA CULTURA AVALORIALE DEL M5S E DEI LORO

Popolo della Famiglia a difesa delle chiese cristiane ortodosse, cattoliche e riformate spaventate dal silenzio generale dei partiti sui temi fondamentali: “di fronte alle famiglie e ai giovani non si tace, si grida dai tetti”.

Leggi tutto

Politica

Italia: cambia la revisione auto

Spiacevole notizia per gli automobilisti; in arrivo un aumento dei costi per la revisione dell’automobile. Prosegue l’intensa campagna scatenatasi contro i possessori di veicoli a 4 ruote.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano