Chiesa

di Giuseppe Bruno

Silenzio assordante. Ma perché?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ difficile rispondere che non sia così, cioè che non si tratti di un “silenzio assordante” quello del Papa con l’abortista Biden riguardo appunto all’aborto. Non una parola nei comunicati ufficiali, né un minimo accenno - ma questo forse è più comprensibile - alla pesante situazione che si è creata negli USA tra lui e i vescovi conservatori, che non vorrebbero concedergli la Comunione. Sorrisi e cordialità molto maggiori di quelle concesse a Trump, e piena sintonia nei comunicati ufficiali su lotta alla povertà, pace, clima, immigrazione, covid. Pure, io credo, una logica ci sia in tutto ciò. Si tratta del “piatto della bilancia”. Evidentemente per Papa Francesco le cose buone che può fare con la “benedizione” di Biden sono più di quelle cattive che questi può fare da solo. Si dirà, ma un cristiano, Cristo, non dovrebbe fare sconti quando si tratta di annunciare la verità. Ma io penso che per lui sia sufficiente aver ribadito a chiare lettere più volte, e anche non a caso molto recentemente, che l’aborto è un omicidio e che la vita va rispettata dal concepimento alla fine naturale. Così come è sempre stato inequivocabile nella sua condanna dell’ideologia gender e di tutti gli annessi e connessi che sarebbero passati anche in Italia se fosse passato il ddl Zan. Ma si dirà questo atteggiamento machiavellico, sarà alquanto “gesuitico”, ma non coerentemente cristiano. Non so. Indubbiamente alcuni gesuiti in passato e molto più nel presente hanno forse esagerato nel trovare il compromesso col mondo. Ma non credo sia il caso di Papa Francesco. Io vedo una linea coerente nel suo modo di agire che non è compromesso, ma estremo, direi eroico, tentativo di dialogo col mondo di oggi. Intanto la scissione pratica operata da lui tra magistero e dottrina, che per alcuni apre la porta a compromessi sempre più al ribasso, non fa una piega nella coerenza del discorso, in generale, e in questo caso in particolare. Perché dovrei accogliere divorziati, persone che hanno abortito, omosessuali e in generale “peccatori” che ovviamente - questo i media tendono in tutti i modi a non farlo sentire – hanno deciso di accettare la “volontà di Dio”, quindi di considerarsi tali (“peccatori”) e di cambiare vita, per riportarli, con cura, a “fare la volontà di Dio” ( Amoris Laetitia) e non il “Presidente” di tutti costoro? Si dirà: perché lui non si è mostrato pentito, anzi ne ha fatto argomento di propaganda politica. Ma dichiararsi cattolico ed essere andato dal Papa dimostra che egli riconosce l’autorità di Francesco e Francesco su queste cose si è pubblicamente espresso in modo chiaro. A questo punto se ci fosse coerenza in Biden dovrebbe cambiare lui, ma si sa, chi si porta il fardello di milioni di peccatori non può non essere “schiacciato” da questo peso e liberarsene è molto più pesante di quanto può esserlo per il singolo; e i “Becket”, si sa, sono pochi come tutti i martiri. Certo, in molti crediamo, che un Giovanni Paolo II o uno stesso Benedetto XVI non avrebbero taciuto, ma questa è un’altra storia che la storia reale però non ci ha dato il tempo di poter verificare. Quale linea sarà quella vincente? Ai posteri l’ardua sentenza. Intanto Lui è il Papa e certo vede meglio di noi. E poi raggiungere gli altri obiettivi su cui sono allineati è un sogno fondamentale dell’uomo d’oggi. Magari venisse fuori un mondo così, come dicono di sognarlo molti - non tutti decisamente - “Grandi della Terra”. In fondo si tratterebbe del mondo di “Immagine” (J. Lennon), un modo che forse sogniamo tutti dalla nostra gioventù. Ma ci sarà ancora posto per l’unicità del Cristianesimo in quel mondo? Poco importa. L’importante è che ci sia la pace universale, la giustizia sociale, la fratellanza, la solidarietà, la tolleranza. Anche degli intolleranti? Anche dei non allineati? No questo no. Questo sembrerebbe proprio di no. I “no pass” vanno fermati e tacitati a tutti i costi, anche criminalizzandoli ( per ora), come tutti coloro che dissentono non tanto dai valori del “Grande Sogno”, quanto, addirittura, dai mezzi per realizzarlo. E qui un po’ “casca l’asino”. Papa Francesco se la può permettere questa libertà di parlare quando vuole e come vuole perché ha una sua missione che non è quella degli altri. Ma noi altri che crediamo in Dio e nella libertà possiamo permettercelo ancora questo silenzio sempre più assordante sui veri, grandi valori che reggono l’Umanità ? Ma a realizzare quei valori ci pensa il “Grande Sogno”! Ma anche Hitler, Stalin, specie quest’ultimo, poi, che veniva fuori dal “Sol dell’Avvenire” dicevano di voler realizzare un “Grande Sogno”. Perché sono tragicamente falliti i loro sogni, perché non si sono realizzati quei valori? Perché non si realizzeranno mai i più bei grandi valori enunciati, solo enunciati, ancora una volta dai “Grandi della terra”? Perché non si basano sui veri grandi valori che possono riassumersi in due: il rispetto totale di ogni persona e della sua trascendente libertà. Perché nessun valore, anche quello più alto, imposto, finisce per trasformarsi in un tragico disvalore. Così è sempre stato e sempre sarà e nulla può giustificare, neanche un’emergenza sanitaria mondiale, che questi due valori siano calpestati. E ce lo dice la vera educazione che non è l’indottrinamento che, purtroppo, sempre più si afferma nella nostra scuola, ma soprattutto ce lo dice per chi crede, Dio, che ha preferito morire in Croce Lui pur di rispettare la “divina” libertà della sua creatura.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/11/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco, la Chiesa, il potere e la coscienza

Rinnovate polemiche sulle dichiarazioni di Papa Francesco di ritorno dal Messico. Titoli divisi tra “Non mi immischio” e “Trump non è cristiano”, ma quando il problema non è di buona o cattiva fede è proprio il concetto di “coscienza” a risultare pressoché alieno, malamente rimpiazzato com’è da “privacy”. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il “sacramento della coscienza”, i continui rinvii del Pontefice tracciano un Leitmotiv del magistero

Leggi tutto

Chiesa

No alla comunione dei divorziorisposati

Parlando ai vescovi cileni in visita ad limina il pontefice ha risposto ad alcune loro domande su sinodo e aborto. Chiarando più punti.

Leggi tutto

Politica

La Francia dopo gli Stati Generali della bioetica

Si è conclusa col mese di aprile una lunga fase di aggiornamento sui progressi delle tecniche mediche e di dibattito (oltre 280 eventi in tutto) sui possibili ritocchi all’ordinamento giuridico.

Leggi tutto

Storie

Lambert, e la sentenza dei medici

Si è pronunciato il team di medici indipendenti convocati dal tribunale amministrativo di Chalons-en-Champagne: Vincent Lambert non è migliorato, negli ultimi quattro anni, e anzi è lievemente peggiorato; tuttavia ciò di cui ha bisogno non configura accanimento terapeutico. Un pronunciamento salomonico che rimanda la palla al giudice. L’udienza è aggiornata per il 19 dicembre.

Leggi tutto

Società

PERIFERIE ESISTENZIALI: LA LOTTA TRA I GUARDIANI DELLE TENEBRE E I PORTATORI DI LUCE.

Nelle periferie esistenziali montane è in atto un evidente scontro tra i guardiani delle tenebre (spesso anche locali) e i portatori di luce. Un aspro conflitto tra chi vuole chiudere, accorpare, cancellare e annichilire le nostra realtà e chi viceversa lotta con tutto se stesso per mantenerle in vita, chiedendo a gran voce trattamenti equi e servizi essenziali

Leggi tutto

Storie

Deputato Usa sospeso da Twitter, ha dato del “lui” a Rachel Levine

Il tweet del deputato è stato prontamente cancellato da Twitter, che ha oscurato l’account di Banks; quest’ultimo ha reagito sul proprio account personale, affermando che il suo account ufficiale è stato sospeso “per aver espresso un fatto”. “Non intendo fare alcun passo indietro”, ha aggiunto fieramente il deputato conservatore

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano