Società

di Roberto Signori

Harry Potter: J.K. Rowling, accusata di transfobia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Harry Potter e la pietra filosofale è il primo capitolo della saga cinematografica tratta dall’omonimo libro firmato da J.K. Rowling. Ora, a vent’anni di distanza dall’uscita in sala, il film tornerà al cinema dal 9 al 12 dicembre 2021. La notizia del ritorno in sala del primo capitolo di Harry Potter ha riempito di entusiasmo i milioni di fan del maghetto occhialuto. Tuttavia la notizia è stata accolta anche con una ventata di odio nei confronti dell’autrice J.K. Rowling, accusata di transfobia e da tempo ormai al centro di molte proteste che puntano ora al boicottaggio del film.

Tutto è iniziato con una serie di tweet scritti da J.K. Rowling - la seconda donna più ricca del Regno Unito dopo la regina Elisabetta - a sostegno di Maya Forstater che era stata licenziata a causa della sua resistenza a una serie di proposte di legge sull’identità di genere. J.K. Rowling aveva dato il supporto alla donna asserendo che non era giusto licenziare una persona “solo per aver detto che il sesso biologico è reale”. Da allora sulla scrittrice hanno continuato a piovere accuse di transfobia e minacce. Come lei stessa ha raccontato in un tweet, J.K. Rowling ha subito anche minacce di morte da parte di alcuni attivisti.

La notizia del ritorno in sala di Harry Potter e la pietra filosofale al cinema ha di nuovo aperto le porte agli haters, che promettono il boicottaggio del film e giudicano chiunque sia rimasto “fedele” alla storia del mago dalla cicatrice a forma di saetta. Molti annunciano di non voler andare al cinema per impedire che la Rowling guadagni sul ritorno in sala e continuano a puntare il dito contro chi deciderà di andare.

Da evidenziare che sono molti coloro che difendono J.K. Rowling, scrivendo: “Colpevole di essere rimasta una voce libera. Imperdonabile diventare famosi e non adeguarsi alla narrazione dominante”. Molto vasto anche il coro degli internauti che difendono la saga tanto famosa: da una parte asserendo che bisogna sempre distinguere l’opera dal suo autore e dall’altra sottolineando l’ipocrisia di persone che attaccano la Rowling più per moda che per vero interesse,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/11/2021
2105/2022
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Un’indagine narrativa sulla violenza Burgess

Malgrado la crescente (e giustificatissima) celebrità di Quentin Tarantino, resta pur sempre Stanley Kubrick, con “Arancia Meccanica”, il vero teoreta cinematografico della violenza. Ricorrendo oggi l’anniversario della nascita di Anthony Burgess, che del capolavoro di Kubrick scrisse il romanzo ispiratore, dedichiamo una riflessione alla narrazione della violenza come fenomeno in sé, a metà tra romanzo e film, tra morbosità e scongiuro

Leggi tutto

Storie

Nigeria: rapiti tre seminaristi

Il sequestro, di cui ha dato notizia ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’, sarebbe avvenuto in seguito ad un attacco di uomini armati, nel quale sono rimasti feriti altri sei studenti.

Leggi tutto

Chiesa

Nel 2021 uccisi nel mondo 22 missionari

Fides: l’Africa è tristemente in testa ai Paesi del mondo per numero di missionari uccisi. Seguono America, Asia ed Europa. Dal 2000 al 2020, in tutto il globo, si registra l’omicidio di 536 evangelizzatori

Leggi tutto

Società

Colombia: patto per la vita

Un patto per la vita e per eliminare violenze e intolleranze nel confronto politico in Colombia desta timori

Leggi tutto

Società

Calvin Klein:  campagna pubblicitaria con trans incinto

L’azienda ha commentato così le foto pubblicate su Instagram: “Oggi, a sostegno delle donne e delle mamme di tutto il mondo, mettiamo in evidenza la realtà delle nuove famiglie”. Anche l’“uomo” transgender incinto, Roberto, ha condiviso l’immagine con i suoi followers.

Leggi tutto

Media

Il dramma di uno showbiz divenuto amorale cronico

A forza di non fare moralismo siamo diventati amorali, indifferenti, forse persino incapaci di distinguere il bene dal male. La vicenda di Fausto Brizzi, che appare la vittima sacrificale designata a fare da capro espiatoio al traballante armadio del cinemino italiota, pieno di scheletri, faccia riflettere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano