Storie

di Alvaro Ringressi

Maschio e femmina li creò

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ciascun uomo, cerca un senso alla sua vita, cerca un faro che lo illumini. L’uomo cerca di conoscere e dominare il mondo intorno a sé e, sembra avere successo, ma… veramente lo conosce, lo domina? La terra ci sembra ragionevolmente piatta, poi ci accorgiamo che è una sfera; il sole le gira intorno… anzi no, gira intorno al sole… la mela è attratta dalla terra… ma guardando meglio anche la terra è attratta dalla mela. Ci sembra sempre di avere tutto più chiaro ma poi una nuova osservazione ribalta ciò che oggi ci appare certezza evidente. Alla fine una cosa è evidente: non abbiamo fatto noi l’universo! Ne siamo gli osservatori, gli usufruttuari.. ma…. ma non i padroni e… se un giorno il sole sorgesse ad ovest… non dovremmo meravigliarci più di tanto. Allora cerca che ti cerco, prima o poi si fa “l’Incontro”, l’Incontro con Dio e se ci è stato presentato bene, se entriamo in consonanza con Lui, se ci convertiamo, tutto ci torna: DIO CI RIVELA LA VERITA’ parlando al nostro cuore direttamente e attraverso le sacre scritture “Luce ai nostri passi”. Dio è Amore, noi siamo stati creati dall’Amore, per Amore, per amare ed all’Amore siamo destinati. L’Amore ci è stato mostrato da Gesù, Dio con noi, con la Sua Vita e la Sua Morte e la Sua Resurrezione. E’ Dio il Creatore che fa e disfà con una libertà assoluta di bene. Allora Dio plasmò l’uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l’uomo divenne un essere vivente Ecco noi siamo fatti di “materia” (polvere) prodotta da Dio ed in cui Dio soffia il Suo stesso Spirito. Siamo creature di Dio, in cui è il soffio che è lo Spirito che è da Dio e che è progettualità, azione d’amore vita di Dio, che è anche nostra natura: “ siamo fatti così”, aspiriamo a Dio in ogni istante ed a tutto ciò che è in Lui e da Lui. Tradire questo progetto di Dio e nostro è tradire Dio e noi, la nostra stessa vita. Noi siamo pianta: se ci comportiamo da pietra, moriamo, entriamo in contraddizione con noi stessi oltre che con Dio. Siccome siamo da Dio, siamo liberi e possiamo scegliere di non essere strada di Dio…. in quel caso è come se con una pistola che spara un raggio disintegratore, ci sparassimo addosso. Uniti a Lui conosciamo ed uniti a Lui siamo chiamati ad operare. Questo progetto ci è stato trasmesso fin dalle origini Dio creò l’uomo a Sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Dio li benedisse e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente, che striscia sulla terra».....Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno .... Ora tutti e due erano nudi, l’uomo e sua moglie, ma non ne provavano vergogna. Questo dono meraviglioso della vita, che è vita eterna, noi abbiamo il compito di donarla ad altri uomini… i nostri figli. Essere padri e madri donandoci l’uno all’altra e viceversa, anche fisicamente come maschi e femmine, perché questo è stato messo nel cuore dell’uomo, questa è “gioia” per il suo cuore ed è “condizione basilare per un buon frutto”: affinché sia chiaro che nessuno basta a sé stesso, affinché sia chiaro che è nel donarsi… in tutti i sensi, che sta il vero amore da cui scaturisce e matura la vita. Poi qualcosa andò storto, invece di accettare di essere ad “immagine di Dio” l’uomo cercò di essere “come Dio”: quello che noi chiamiamo peccato originale. ...«Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». .....Alla donna disse: ...... con dolore partorirai figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà». .........all’uomo… Con il sudore del tuo volto mangerai il pane; finché tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere tornerai!» Ma la mission rimane: noi siamo fatti di questa mission, così esistiamo, non possiamo essere diversi. L’obiettivo è amare con Dio, essere padre o madre, maschio o femmina, procreare dei figli, accrescere il coro degli uomini che loderanno Dio e gioiranno in eterno. Ma adesso tutto incontra difficoltà, diviene faticoso, si scontra con la “nostra” pigrizia, il “nostro” egoismo, il “nostro” interesse e… i nostri limiti e patologie fisiche genetiche, anch’esse frutto della decadenza legata al peccato. Ce ne sono di tutti i tipi, nessun organo o funzione ne è esclusa .... nemmeno quella sessuale. Ce ne sono di tutti i tipi: iperfunzionamenti, ipofunzionamenti e disfunzionamenti. Vi è mai capitato qualche maschio, magari con aspetto anche molto virile, che però ha un timbro di voce femminile? Probabilmente è dovuto a geni che trasmettono un carattere di tipo femminile in un soggetto per il resto con caratteri maschili. Molto c’è da approfondire. Ad esempio è opinione comune che femmine e maschi abbiano un modo differente di vedere la realtà e di affrontarla: si dice che gli uomini siano più razionali, le donne più intuitive ed altro. La cosa più logica è pensare che il supporto fisico di queste caratteristiche sia rappresentato da differenti dimensioni e connessioni di alcune vie e nuclei cerebrali…. anche in questo ci potrebbe essere dell’ereditarietà. Ma non c’è solo questo. Ci sono i problemi legati all’affettività, all’educazione. Se, soprattutto nella prima infanzia o in altri periodi della vita in cui ci siamo ancora pienamente identificati sessualmente, si cede a condizionamenti che spingono verso legami affettivi intensi con persone del proprio stesso sesso, si può generare una psiche tendenzialmente omosessuale. E allora? Lo spirito che ci è stato dato e di cui siamo costituiti, non è fatto per essere sottomesso alla nostra fisicità o alle nostre paure: continua a voler realizzare la mission, combattendo contro i limiti legati alla fisicità ed alla sua caducità. Non bisogna mentirsi e prendersi in giro. La strada è stretta, sassosa ed in salita. C’è da soffrire e combattere sia per correggere le derive psico-affettive con l’aiuto della psicoterapia, sia per correggere eventuali problemi fisici con gli strumenti che la medicina ci offre: c’è da favorire la ricerca in questo campo. C’è anche spesso, nella fase attuale delle conoscenze scientifiche, da accettare di non avere rapporti sessuali non orientati al progetto che ci costituisce. Questa è la croce da portare per chi ha problemi nella sfera sessuale. Eppure è la strada per la serenità e la gioia, anche se nel dolore. Dio non ci chiede un dono a tutti i costi, non ci chiede un dono che non possiamo dare. Iddio Padre perfetto, è rispettoso dei nostri limiti, ci ama così come siamo e vuole che anche noi ci accettiamo senza mentirci, restando nella gioia perché vera gioia è conoscerLo ed amarLo, raggiungerLo. Accettare i nostri limiti è altrettanto importante che mettere a frutto i nostri talenti. Io faccio il medico e per curare bene il malato utilizzo il mio sapere, ma anche la coscienza dei miei limiti: “Questo problema dobbiamo sottoporlo al Dr… che è più preparato di me in questo campo”. Se io avessi fatto finta di sapere tutto (è una tentazione presente nei medici), molte persone sarebbero state curate male. Mettendo a frutto i talenti obbediamo ad un input creazionale che Dio ci ha messo dentro, ma accettando i nostri limiti, comproviamo che la nostra gioia non nasce dalle nostre opere, non dalle nostre glorie, ma dell’Amore del Padre verso di noi, dall’essere Sue creature, dall’essere destinate alla vita eterna con Lui; è dire a Dio, si io sono imperfetto ma sono ugualmente nella gioia perché Tu ci sei, mi ami e mi hai destinato ad una gioia eterna. Questo tipo d’amore è assolutamente puro e forse superiore all’altro: Dio cerca da noi anche quest’amore verso di Lui e di servizio al prossimo. I limiti biologici tra “maschio” e “femmina” non sono così netti, né l’apparenza esterna è tutto. Se una persona non è completamente adeguata nella carne o nella psiche per essere maschio o femmina, per questa sua specifica natura, non è nel peccato e non deve certo esser giudicata o peggio condannata. Al contrario deve essere rispettata, aiutata, compresa ed amata. Ma ciascuno deve combattere per realizzare in pienezza la femmina o il maschio che è in lui rispettando la sacra finalità della sessualità. Non rendiamo facile con una legge umana, trasgredire un comando di Dio. Impegniamoci al bene, sicuri che non stiamo calpestando dei diritti, ma annunciando ciò che Dio vuole da ciascuno, stiamo facendo un servizio e ci stiamo operando in favore della felicità e della vita….. ! Anche Gesù, mite ed umile di cuore, gridava! Ricordiamoci comunque delle Sue Parole: “Non pensate che Io sia venuto per abolire la Legge o i Profeti: Io sono venuto per dare compimento” “la Verità vi renderà liberi” “neanch’Io ti condanno. Vai e non peccare più” “ non sette volte ma settantasette volte sette dovrai perdonare a tuo fratello”,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/11/2021
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Politica

Reddito di maternità: ecco tutto quello che c’è da sapere

Il Popolo della Famiglia avvia con la bollinatura della proposta di legge di iniziativa popolare un iter politico che lo porta ad affermarsi quale forza extraparlamentare ma realmente territoriale. Il termometro mediatico si è acceso sulla germinale riforma del lavoro, e di coseguenza su quella fiscale da questa implicata, che vi si trova in nuce. La meta è raccogliere almeno 50mila firme in 6 mesi.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità. Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano