{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Sul filo del rasoio

Storie

di Paolo Nardon

Sul filo del rasoio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La senti… sai che sta arrivando, nel profondo sei certo che sia lì dietro l’angolo; non la vedi ancora però, da un momento all’altro, farà la sua comparsa. La pioggia si preannuncia molto chiaramente; l’atmosfera, le gelide folate di vento e il buio sono inconfondibili. La terra arida e la natura tutta l’aspettano, quasi la invocano all’unisono. Allo stesso modo le lacrime fanno irruzione negli occhi, sono come un tamburo percosso con violenza inaudita a passo di marcia. Prima lo senti come un eco lontano che inesorabilmente si avvicina e poi diventa un martello pneumatico che ti trapana fino al più profondo dell’Anima. Non puoi bloccarlo, rallentarlo o evitarlo, puoi solo fargli spazio; devi solo scansarti e farlo sfogare. Gradualmente, ma costantemente, perdi il controllo delle tue emozioni e ti lasci andare. Ti rendi conto che sei arrivato a fine corsa, tutte le difese e le barriere edificate sono state abbattute e crollate. La gola e le narici sono improvvisamente in fiamme, un irrefrenabile singulto sale come un missile interstellare pronto ad esplodere dentro e fuori di te. Da una parte sei scioccato e dall’altra aspetti la detonazione come una liberazione. Da troppo tempo sei andato avanti senza guardarti dietro e dentro. Hai proceduto come uno schiacciasassi frantumando qualsiasi cosa ti si presentasse di fronte. La forza e la potenza, però, impercettibilmente andavano scemando e tu non te ne accorgevi o, forse, facevi finta di non vederlo. Ad ondate sempre più devastanti l’emozione procede e travolge tutto il tuo mondo. È come scendere a precipizio sull’otto volante delle giostre in piazza, il cuore sembra che ti stia per esplodere nel petto, però tu stavi aspettando proprio quell’istante. L’Anima anelava quello tsunami per tornare a essere veramente libera; voleva distruggere tutto per ricostruire dalle fondamenta. Pensi alle persone care che ci hanno preceduto in Cielo. Sei sicuro che in quel momento sono veramente con te, in quella stanza buia prima di prendere sonno o in quella macchina che sfreccia in una notte buia e nebbiosa con la radio a tutto volume viaggiando verso nessun luogo. Senti, profondamente, che stanno tifando per te e che sono al tuo fianco, più di quando potevi vederli o parlargli. Passato il fortunale, a terra rimangono pozzanghere nelle quali il sole si riflette creando incredibili giochi di luce che ti fanno ricordare da dove sei venuto. Guardandoli una scossa acuta ti attraversa il cuore ma immediatamente svanisce. Sai che rimanendo lì tornerai al punto di partenza e sprofonderai di nuovo. Hai impresso a fuoco, dentro di te, che non puoi rimanere fermo aspettando che i tuoi sogni divengano magicamente realtà. Se non riprendi il tuo cammino rischi di rimanere nuovamente impantanato. Prendi tutto il coraggio che hai dentro di te e vai alla battaglia con la tua vita, sapendo perfettamente che sarà dura ma anche una grandissima figata; non puoi dichiararti sconfitto senza combattere. Se non ci fosse il rischio di perdere non avrebbe senso andare in guerra. Sei abituato a viaggiare sul filo del rasoio… e a volte oltre. Questo, però, ti fa sentire vivo. I graffi e le cicatrici che hai te lo ricordano molto concretamente. Gli ematomi, le ferite e le fratture fanno male ma sono parte integrante del gioco… sono la vita. Senza di loro non conosceresti i tuoi limiti e penseresti di essere invincibile… di essere il dio della tua vita. L’adrenalina del “rischio” ti fa andare avanti ad oltranza, mettendo in gioco tutto te stesso. Non vuoi vivere con rimpianti che, periodicamente, verranno a bussare alla tua porta. A quel punto te ne fotti un po’ e preferisci i rimorsi. Saprai, oltre ogni dubbio, che te la sei giocata al massimo delle tue possibilità. Come un trapezista che volteggia nel vuoto senza rete, sei consapevole che se cadi ti farai male; però non siamo qui per vivere a metà. Siamo chiamati a vivere in pienezza esponendoci anche a salutari fallimenti. Come in tutte le cose della vita, il rischio zero non esiste; se ce ne rendiamo conto vivremo più liberi e nella Pace. Il filo del rasoio è quel “luogo” in cui non hai certezze e sicurezze… anzi. È il luogo in cui non hai il controllo totale delle situazioni perché non dipendono solo da te. È il momento della scelta in cui devi affidarti ad un Altro che sai che non ti fregherà mai. È Colui che tutto sa e che tutto può; Egli interviene oltre lo spazio e il tempo facendo bene tutte le cose, nonostante i nostri difetti e peccati. Aver fatto esperienza che il Signore scrive dritto sulle righe storte dona una Pace vera e la certezza che la Speranza, nonostante le difficoltà e le sofferenze, non deve mai venire meno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/11/2021
2105/2022
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Kiko canta “La sofferenza degli innocenti”

Il fondatore del “Cammino” non ha mai lasciato la sua vocazione di artista: ha dedicato una sinfonia alla Shoàh

Leggi tutto

Società

Aborto no-limits: la ricetta newyorkese fa discutere

E nella discussione Open, il giornale di Mentana, taccia di “bufalari” i colleghi che fanno informazione. Il problema principale di fronte a certi azzardi è l’assenza di cognizione alcuna sia dell’impianto giuridico del common law angloamericano in generale e statunitense in particolare, sia della realtà clinica ginecologica che il RHA va a normare. In questi goffi tentativi si parte per categorie precostituite, quelle relative alla propria comprensione della legge 194/1978 (anch’essa in realtà malintesa) mettendo in scena la più classica petizione di principio: la tesi secondo cui la legge newyorkese sarebbe sovrapponibile alla legge italiana era già contenuta nell’ipotesi comparativa iniziale e non poteva che viziarne il debole tracciato argomentativo. La realtà è che la divaricazione non potrebbe essere più pronunciata.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Chiesa

Vescovi spagnoli: accompagnare i sofferenti, non ucciderli

In un documento, l’arcidiocesi di Siviglia ribadisce l’importanza di tutelare sempre la vita, in opposizione a chi promuove l’eutanasia e il suicidio assistito

Leggi tutto

Storie

Pakistan - La comunità cattolica non dimentica i disabili

Nelle ultime settimane, la Caritas ha fornito 37 sedie a rotelle a 26 cristiani e 11 musulmani con disabilità, distribuendo anche aiuti alimentari. Inoltre le persone con disabilità vengono istruite sulle azioni precauzionali da adottare in circostanze come disastri naturali e salvaguardare la loro vita in caso di qualsiasi situazione di emergenza.

Leggi tutto

Chiesa

Si è spento il cardinale Barragán

E’ morto stamattina a Roma, all’età di 89 anni, il porporato messicano, presidente emerito dell’allora Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari, oggi integrato del Dicastero per lo sviluppo Umano Integrale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano