Storie

di

Un cerotto anti Covid che potrà sostituire l’iniezione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si procede in direzione di un possibile vaccino che non dipenderà più da ago e siringa, bensì da un cerotto cutaneo “anti Covid”, anche se c’è da dire che l’effettiva funzione non è ancora dietro l’angolo, poiché è stato testato solo sui topi.

A renderlo di dominio pubblico è stato l’articolo pubblicato da Science Advances: “Protezione completa con un vaccino spike SARS-CoV-2 somministrato con cerotto cutaneo monodose”.

Tra i vari gruppi di ricerca che stanno studiando nuovi metodi di inoculazione del vaccino, ne spicca uno australiano che ha testato il cerotto con HexaPro, più resistente ed economico rispetto ai vaccini tradizionali:

«Il vaccino cerotto cutaneo viene somministrato con il clic di un minuscolo dispositivo rotondo sulla parte superiore del braccio. È più piccolo di un’unghia, in plastica solida, e misura solo 7 millimetri per 7. Su di esso, migliaia di microproiezioni rivestite di vaccino che vengono applicate sulla pelle per alcuni secondi per fornirlo alle cellule immunitarie sotto la superficie».
Innanzitutto, al contrario di un – pur minuscolo – ago, i cerotti non prelevano sangue né attivano le terminazioni nervose e il dolore. Ma soprattutto, avrebbe numerosi vantaggi logistici: velocizzerà il trasporto e la conservazione a basse temperature, soprattutto dove l’accesso all’elettricità è difficile. Inoltre, rispetto ad una classica somministrazione con ago, produce risposte immunitarie migliori e più veloci.

.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/11/2021
2105/2022
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Forze dell’ordine tra vaccinazioni e tessera verde

Covid, norme confusionarie, Conestà (Mosap): «Si faccia chiarezza, A cosa serve obbligo vaccinale se a chi è a contatto con positivo non si applica quarantena?»

Leggi tutto

Società

Amnesty: più conflitti e meno diritti nel mondo

Il Rapporto 2021-2022 di Amnesty International, pubblicato in Italia da Infinito Edizioni, contiene un’introduzione della segretaria generale Agnès Callamard, cinque panoramiche regionali e schede su 154 Stati e territori. Tra i temi principali la pandemia di Covid-19, il razzismo, la lotta alle disuguaglianze e la cura del Creato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

Società

Rallenta la campagna vaccinale

Questa settimana, secondo gli ultimi dati del Governo, si sono registrati poco meno di 2 milioni di somministrazioni in più rispetto ai sette giorni precedenti. Molte meno di quelle segnalate nelle 3 settimane precedenti.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco agli ambasciatori: vaccini per tutti

In occasione della presentazione delle Lettere credenziali degli ambasciatori di Moldova, Kyrgyzstan, Namibia, Lesotho, Lussemburgo, Ciad e Guinea-Bissau, Papa Francesco si sofferma sulla pandemia e sui diritti uguali per tutti

Leggi tutto

Storie

La pandemia della disuguaglianza

Dall’inizio dell’emergenza Covid-19, ogni 26 ore un nuovo miliardario si è unito ad una élite composta da oltre 2.600 super-ricchi le cui fortune sono aumentate di ben 5 mila miliardi di dollari, in termini reali, tra marzo 2020 e novembre 2021. Il surplus patrimoniale del solo Jeff Bezos nei primi 21 mesi della pandemia (+81,5 miliardi di dollari) equivale al costo completo stimato della vaccinazione (due dosi e booster) per l’intera popolazione mondiale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano