Politica

di Marie- Christine J,

Cop26:a Glasgow regna l’incertezza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La 26 a conferenza delle Nazione Unite sul clima, la Cop26 si sta svolgendo dal 31 ottobre scorso al 12 novembre a Glasgow. È un incontro cruciale nella lotta contro il cambiamento climatico. Oltre 100 leader mondiali hanno partecipato alla Cop 26 e certi impegni sono già stati presi in questa prima settimana di negoziati: la riduzione delle deforestazioni e delle emissioni globali di metano (di almeno il 30 per cento rispetto ai livelli del 2020) entro il 2030, l’ attivazione di un fondo da 100 miliardi di dollari annui per aiutare i Paesi poveri nella decarbonizzazione.I tecnici rimasti continueranno il lavoro fino al 12 novembre. Una quarantina di paesi si sono già impegnati ad eliminare il consumo di carbone tra cui il Canada, il Cile, la Polonia, l’Ucraina. Tuttavia gli Stati Uniti, l’India e la Cina non hanno ancora aderito a tale proposito. Ricordiamo che il carbone è considerato uno dei principali fattori di riscaldamento climatico e che il 70 % delle emissioni di gas ad effetto serra è provocato dal CO2 dovuto essenzialmente alla combustione di risorse fossili (come il petrolio, il carbone, il gas naturale…)

I paesi presenti alla Cop 26 hanno certo ribadito la loro intenzione di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Tuttavia c’è una spaccatura innegabile tra, da una parte i paesi favorevoli all’eliminazione progressiva delle fonti fossili e dall’altra parte chi vorrebbe limitare il taglio dei gas serra (come per esempio la Cina). Peraltro l’assenza del presidente cinese Xi Jinping (intervenuto solo in videoconferenza) e del suo omologo russo Vladimir Putin, non è passata inosservata. Tante sono le problematiche rimaste da affrontare come per esempio l’innalzamento del mare e lo scioglimento dei ghiacciai, il deterioramento della barriera corallina. Uno studio pubblicato questo 4 novembre ha rivelato l’imbiancamento del 98% della Grande Barriera Corallina (in Australia): è un segno chiaro di deperimento del nostro pianeta. L’oceano è il polmone della Terra (come lo sono anche le foreste) e il regolatore della temperatura globale. Gli effetti dell’attività umana sbagliata (soprattutto industriale) e l’eccesso di calore, sono sempre più incontrollabili. I paesi industrializzati hanno una grande responsabilità a livello globale ed in modo particolare verso i paesi più poveri spesso toccati da eventi meteorologici devastanti ed irreversibili (uragani, siccità, inondazioni…). Davanti a simili scenari gli sforzi dei leader mondiali per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e le loro promesse finanziarie appaiono insufficienti: i tempi di attuazione degli obbiettivi rimangono troppo lunghi (si parla addirittura del 2030 o 2050 nel migliore dei casi), c’è anche bisogno di più trasparenza e regolamentazioni internazionali per monitorare potenziali progressi annuali (viste le divergenze tra paesi per raggiungere certi traguardi). Emergono anche scenari molto preoccupanti riguardo al nucleare. Si parla di una energia “nucleare verde” con la possibilità di costruire impianti fino al 2030. I principali fautori di tale iniziativa sono la Francia (Macron ha pure introdotto l’idea nella sua campagna presidenziale 2022) ma anche altri paesi come ad esempio la Bulgaria, la Slovenia, la Finlandia, la Croazia e così via. Anche le parole della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen in una conferenza stampa a Bruxelles sposavano questo progetto: “servono più rinnovabili ed energia pulita. Le rinnovabili sono libere da emissioni di anidride carbonica e sono prodotte nell’Ue. Accanto a queste abbiamo bisogno di una fonte stabile, il nucleare, e durante la transizione del gas naturale”;. In altre parole, per risparmiare sulle energie fossili si pensa di utilizzare il nucleare per la transizione ecologica.

A fine novembre, su richiesta di diversi governi europei, la Commissione europea deciderà se è opportuno considerare il nucleare “un energia verde” e il gas naturale “un energia di transizione”. Purtroppo, in un contesto internazionale in cui i prezzi dell’energia aumentano, molti paesi opteranno certamente per questa soluzione, e anche la Von der Leyen, come detto prima, sembra già aver fatto la sua scelta: “abbiamo bisogno di una fonte stabile, il nucleare, e durante la transizione del gas naturale”..

Nei prossimi anni le nostre società consumistiche necessiteranno di maggiore energia ma sicuramente il nucleare non può e non deve essere la risposta. Non ci deve essere una irresponsabilità collettiva ma un impegno collettivo e immediato per il bene della “casa comune” di cui parla tanto Papa Francesco. Il Santo Padre in un messaggio alla Cop 26, letto dal Cardinale Pietro Parolin ammoniva: “Non c’è più tempo per aspettare; sono troppi, ormai, i volti umani sofferenti di questa crisi climatica”.

Tante voci di personaggi conosciuti ma anche di molti i cittadini del mondo si sono elevate questi giorni per ribadire che: “Non c’è più tempo”. Come è scritto nel Talmud: “Chi salva una vita salva il mondo intero”. L’umanità di oggi e domani guarda e ricorderà quello che sarà fatto o no…perché oggi più che mai la vita non ha prezzo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/11/2021
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Storie

Santità, ma che Casina combinano al Pio IV?

È di questi giorni la notizia – rilanciata sia da Corrispondenza Romana che da La Nuova Bussola quotidiana – della partecipazione di Paul R. Ehrlich in un workshop che si terrà alla Casina Pio IV, dal titolo “Come salvare il mondo naturale da cui dipendiamo”, dal 27 Febbraio al 1 Marzo. Giustamente i sostenitori della vita nascente si sono subito messi in allarme. Ehrlich – per chi non lo sapesse – è autore, tra le altre pubblicazioni, di quel best seller intitolato The Population Bomb che, pur non essendosi rivelato un testo esattamente profetico, lo ha accreditato come esperto di fama mondiale su clima, ambiente, etc. Da allora il prof. non ha perso il vizio di essere profeta (?) di sventure perché – come si può leggere in un’intervista che ha concesso nell’Aprile dell’anno scorso allo svizzero Neue Zürcher Zeitung – prevede per la nostra civiltà il collasso in tempi brevissimi, massimo alcuni decenni. Come? La fantasia non gli manca: potrebbe avvenire a causa di una siccità, un’epidemia, una guerra atomica o, persino, un diluvio (?).

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Chiesa

Frate Emiliano Antenucci parla di silenzio con Papa Francesco

Dopo i suoi tanti scritti sull’argomento, dopo aver incontrato Papa Francesco, dopo aver raccomandato la devozione alla Madonna del Silenzio, aggiunge queste parole: «In una società malata di rumori, parole, apparenza e alle volte di persone che hanno pubbliche virtù e vizi privati, la cura e il cammino da fare con urgenza è il silenzio, scoperta di una Presenza».

Leggi tutto

Chiesa

Viaggio Apostolico in Slovacchia: Visita privata al “Centro Betlemme”

Papa Francesco ha poi visitato il Centro Betlemme delle Suore di Madre Teresa che accoglie famiglie e persone in difficoltà: possiamo vedere o non vedere Dio, ma Lui ci accompagna nel cammino della vita

Leggi tutto

Società

IL PECCATO ORIGINALE DEI NUOVI DOGMI DELL’ECOLOGISMO CORRETTO

Dietro i pur nobili intenti di alcuni ragazzini in perenne protesta per la salvezza del pianeta vi è una chiara e ben oleata macchina neo maltusiana che vuole eliminare più vita umana possibile dalla faccia della terra. I fallaci dogmi dell’ecologismo attuale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano