Storie

di Giuseppe Udinov

Salute: un europeo su 7 soffre di acufene

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Circa 65 milioni di cittadini europei, una persona su sette, soffrono di acufene, questo numero “aumenterà in modo significativo nel prossimo decennio”. Solo in Italia ne soffrono più di 6 milioni di persone. Lo dice una ricerca dell’Istituto Mario Negri, pubblicata su Lancet Regional Health Europe.

L’acufene è la percezione di un rumore, solitamente un ronzio, un fischio, un fruscio o un sibilo, avvertito nelle orecchie o nella testa, in assenza di uno stimolo acustico esterno. Nella sua forma più grave può influire fortemente sulla salute emotiva e sul benessere sociale delle persone. Lo studio, condotto dagli epidemiologi dell’Istituto, Silvano Gallus e Alessandra Lugo, in collaborazione con esperti dell’Università britannica di Nottingham, dell’Università di Ratisbona in Germania e dell’Università-Watt in Malesia, è il primo ad esaminare in modo rigoroso la prevalenza dell’acufene su un campione rappresentativo della popolazione adulta di 12 Stati membri dell’Ue, pari all’80% della popolazione dell’Unione più l’Inghilterra.

Con questa ricerca, tra il 2017 e il 2018, sono stati reclutati oltre 11mila adulti in Bulgaria, Inghilterra, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Polonia, Portogallo, Romania e Spagna, ponendo loro una serie di domande relative all’acufene.

“Il 14% degli europei adulti ha riportato di aver sofferto di acufene per almeno 5 minuti durante gli ultimi 12 mesi - spiega Silvano Gallus, autore di riferimento dell’articolo -. Un acufene di grave entità è stato riscontrato nell’1,2% dei partecipanti. Questo vuol dire che solo in Italia più di 6 milioni di italiani soffrono di acufene, di cui più di 400mila in maniera severa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/11/2021
2809/2022
S. Venceslao

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

L’Unicef e l’importanza dell’istruzione

Con un convegno a Roma, si è concluso, dopo più di un anno, il progetto di contrasto alla povertà educativa ‘Lost in Education’,

Leggi tutto

Politica

Le regole del Mite per risparmiare sul gas

Zakarova: “gli italiani soffriranno”

Leggi tutto

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

Società

A proposito della dichiarazione di Parigi

Sulle colonne di questo giornale ci pregiammo di pubblicare la “dichiarazione di Parigi”, che il 13 ottobre scorso un gruppo di luminari europei (grandi assenti gli italiani) ha firmato: in essa – il titolo recitava “Un’Europa in cui possiamo credere” – i massimi intellettuali del vecchio continente muovevano acutissime critiche all’establishment tecnocratico. A distanza di un buon mese, vogliamo tornare su quella pagina e rileggerla con occhio attento e critico.

Leggi tutto

Politica

INSEGNAMO AI GIOVANI CHE LA POLITICA E’ LA PIU’ ALTA FORMA DI CARITA’.

La politica non deve essere una caccia al poteree d alle poltrone, ma una forma di carità.

Leggi tutto

Storie

Capitale italiana della Cultura 2024: le candidate

Sono 23 le città che hanno presentato il dossier di candidatura a Capitale italiana della cultura per l’anno 2024.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano