Media

di Tommaso Ciccotti

Padre Lombardi: la missione della Chiesa è comunicare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Ho sempre invitato i miei collaboratori ad assumere con decisione il motto: Comunicare per unire, comunicazione per costruire comunione». Quanti hanno avuto la fortuna di essere tra quei collaboratori, come chi scrive, ricorda bene questo principio enunciato tante volte da padre Federico Lombardi, affermato ancor più con la sua testimonianza che con le parole. Da tempo e da più parti, al gesuita che ha guidato la Radio Vaticana, la Sala stampa della Santa Sede e il Centro Televisivo Vaticano, si chiedeva di poter raccogliere i suoi interventi principali sulla comunicazione, come quello citato, in un volume. Un dono che ora padre Lombardi offre agli “addetti ai lavori”, e non solo, con la pubblicazione di Papi, Vaticano, Comunicazione (Edizioni Ancora-La Civiltà Cattolica, euro 20).

Pagina dopo pagina, Lombardi ripercorre il suo impegno trentennale nella comunicazione vaticana (preceduto da un’esperienza giornalistica di alcuni anni a «La Civiltà Cattolica») al servizio di tre Papi: Giovanni Paolo II , Benedetto XVI , Francesco. Tre straordinari comunicatori — pur nelle differenze di stile e personalità — a cui Lombardi dedica la prima parte del libro. Riflessioni approfondite sul mondo dell’informazione e sui cambiamenti nel modo di comunicare della Chiesa si alternano a racconti personali e aneddoti gustosi sul “dietro le quinte” che permettono al lettore di entrare nell’esperienza quotidiana, tra gioie e fatiche, di un comunicatore d’eccezione. Il prologo del libro ci aiuta a comprendere innanzitutto cosa rappresenti il comunicare per il gesuita oggi presidente della Fondazione Ratzinger-Benedetto XVI . Non un fatto tecnico, né tanto meno uno strumento di potere, ma una dimensione dell’umano che ha la sua sorgente nell’amore di Dio. «La missione di Gesù — scrive Lombardi — è comunicazione. La missione della Chiesa è comunicazione. La crescita dell’umanità e della pace avviene attraverso la comunicazione, da Babele a Pentecoste». Da questa convinzione derivano una serie di postulati molto concreti che hanno sostenuto (e continuano a sostenere) il lavoro di Lombardi nel campo della comunicazione ecclesiale.

Assieme all’esortazione a comunicare per unire, ricordata all’inizio (e oggi quanto mai urgente), si aggiunge l’impegno in favore di una comunicazione per la bontà, la bellezza e soprattutto per la verità. Anche se ciò può comportare un costo gravoso, come ci insegna la dolorosa vicenda degli abusi sessuali nella Chiesa. Bisogna crescere nella “cultura della trasparenza”, ribadisce Lombardi. «Essere sempre veritieri e schietti», avverte il gesuita piemontese, «riconoscendo i limiti delle nostre conoscenze». Particolarmente significativo, in tale contesto, è il capitolo che Lombardi scrive sugli «atteggiamenti e qualità del Portavoce» (assieme ad un omaggio personale de-dicato a Joaquín Navarro-Valls). Consigli pratici che possono essere utili a tutti coloro che sono chiamati, a diversi livelli, ad assumere ruoli di responsabilità nella comunicazione istituzionale. «Anzitutto — annota l’ex direttore della Sala stampa — non bisogna mai cessare di insistere sull’uso di un linguaggio chiaro, semplice e comprensibile, non troppo astratto e complicato o specialistico». Per Lombardi, si deve vedere che «il comunicatore è una persona sincera, che si mette in gioco in ciò che dice, capace di trasmettere convinzioni ed emozioni al di là di un linguaggio freddo e burocratico». Una parte consistente del volume è dedicata al servizio svolto alla Radio Vaticana (ben 26 anni a Palazzo Pio, prima come direttore dei programmi e poi come direttore generale). Nell’emittente pontificia, Federico Lombardi ha vissuto momenti entusiasmanti e momenti difficili, ma si è sempre e instancabilmente impegnato perché questa mantenesse fede alla missione per cui è nata 90 anni fa: portare la voce del Papa fino ai confini della Terra. Una finalità che, nel corso di quasi un secolo, ha richiesto uno sforzo tecnologico portato avanti dalla Compagnia di Gesù e dai suoi collaboratori dando vita ad un amalgama che ha cementato una forte identità dell’istituzione. Anche rispetto al lungo periodo trascorso alla Radio del Papa, l’ex direttore sottolinea il tema dell’unità. Quella di Radio Vaticana era e dovrà essere «una comunicazione per la comunione, come auspicava il Concilio». Dalle parole di Lombardi, rileva con acume Ferruccio De Bortoli nella prefazione, si coglie che «Radio Vaticana è rimasta un po’ la sua casa. Lì si sente avvolto da una familiarità protettiva. Descrive l’evoluzione della tecnologia con un entusiasmo non trattenuto. Lui che pure resta un nostalgico di Gutenberg».

Nostalgico di Gutenberg eppure capace di cogliere e assumere il cambiamento radicale dei linguaggi e lo sviluppo turbolento dei mezzi tecnologici. Sempre e comunque, appassionato della comunicazione, che è poi la condizione necessaria per comunicare bene. In un capitolo intitolato «Buone notizie per il mondo», Lombardi confida al lettore: «Ho sempre pensato che il mio servizio era un servizio eccezionalmente bello e privilegiato, perché ero al servizio di una comunicazione positiva, costituita in massima parte di messaggi di amore, di speranza, di solidarietà, di dignità delle persone, di crescita umana, di perdono, di pace… che cosa di più grande e bello potevo desiderare di fare?».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/11/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Storie

Un pomeriggio a tu per tu con Rita Coruzzi

Non è facile raccontare in poche parole, chi sono. Lo hai visto, mi piace parlare, rischierei di non finire più! Vedrò di sintetizzare. Potrei iniziare narrando le gioie, i dolori, i desideri realizzati, i rimpianti, i sogni. Potrei dire che sono una ragazza come tante altre della mia età, ma non è così. Racconterò la mia storia dall’inizio. Era una giornata piovosa, quella del 2 giugno del 1986, quando volli nascere a tutti i costi, anche se era ancora troppo presto per farlo. Mia madre era ricoverata da tre giorni in ospedale, dove i medici cercavano di fermare le contrazioni. Già ti ho detto, che io ho sempre fretta a fare le cose, anche per nascere ho avuto fretta, cosi alla trentaquattresima settimana, ho deciso di venire al mondo. Io ho sempre fretta di fare tutto e subito, è la mia caratteristica.

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Media

Papa Francesco: il Concilio, luce verso la fraternità

Ecco la prefazione del pontefice al volume “Fraternità Segno dei Tempi. Il magistero sociale di Papa Francesco” del cardinale Michael Czerny e di don Christian Barone, in libreria da giovedì prossimo. “La fraternità sarà più credibile - scrive il Pontefice - se iniziamo anche nella Chiesa a sentirci ‘fratelli tutti’

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano