Politica

di Roberto Signori

La discriminazione del ddl Zan è realtà

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A pochi giorni dal voto al Senato che ha affossato il ddl Zan, passa in Aula al Senato una norma che contiene l’espressione «identità di genere». Viene inserita nel decreto Infrastrutture che vieta «sulle strade e sui veicoli qualsiasi forma di pubblicità il cui contenuto proponga messaggi sessisti o violenti o stereotipi di genere offensivi o messaggi lesivi del rispetto delle libertà individuali, dei diritti civili e politici, del credo religioso o dell’appartenenza etnica oppure discriminatori con riferimento all’orientamento sessuale, all’identità di genere o alle abilità fisiche e psichiche».

Un passaggio che ha sollevato la reazione dei movimenti pro life, tanto da far pensare che fosse una norma ad hoc inserita in risposta proprio alla vicenda del ddl Zan. «La discriminazione voluta dal ddl Zan alla fine è diventata realtà, semplicemente sotto falso nome», commenta Antonio Brandi, presidente di Pro vita&Famiglia. «Da oggi associazioni pro vita e pro famiglia come la nostra avranno sulla loro testa la scure della censura e del bavaglio sui temi quali il gender, l’ideologia Lgbt e l’identità di genere», prosegue. «Noi - chiosano dal movimento - non potremo dire che l’utero in affitto è un abominio e che due papà non possono adottare un bambino, ma ci sono aziende che in Rete, su siti italiani o social come YouTube, pubblicizzano proprio il reato dell’utero in affitto».

«È un ddl Zan mascherano o meglio alla rovescia - spiega al Giornale monsignor Antonio Suetta, vescovo di Sanremo -. Il ddl aveva come obiettivo, almeno quello dichiarato, di garantire a tutti la libertà di esprimersi secondo la propria sensibilità e le proprie decisioni, in realtà gli stessi paladini di questa forma di libertà sono coloro che vogliono impedire agli altri di discutere di alcuni aspetti. Inserire una norma che mira a impedire solo un ambito di propaganda lo trovo pericoloso e non trovo giusto imbavagliare chi ha un’opinione contraria, anzi lo trovo pericoloso».

Proteste anche dall’associazione Non si tocca la famiglia. «È davvero incredibile - dichiara la presidente Giusy D’Amico - come agiscono nel buio coloro che con l’inganno hanno predisposto che nel dl Infrastrutture entrasse qualcosa che con il tema non avesse alcun legame, se non una vera e propria forzatura ideologica».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2021
2305/2022
San Giovanni Battista de' Rossi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Benzina: ondata di rincari

Mentre il gas scarseggia e i prezzi del petrolio salgono al massimo pluriennale, e sembrano non volersi arrestare, i servizi pubblici e le aziende industriali di tutto il mondo potrebbero sostituire il gas naturale e il Gnl ad alto prezzo con il petrolio.

Leggi tutto

Politica

Saremo l’antidoto principale

Di Bibbiano si tace sempre un dato: i bimbi vennero sottratti alle famiglie utilizzando le perizie del finalmente condannato Claudio Foti di Hansel&Gretel per assegnarli tramite Federica Anghinolfi persino a coppie lesbiche di sue ex fidanzate. Donne spostate di testa che scaricavano le bambine per strada sotto la pioggia perché non volevano confermare gli “abusi” subiti in famiglia, urlando come matte (gli audio sono disponibili agli atti e fanno paura). A un papà la Anghinolfi tolse i bambini di 3 e 5 anni accusandolo di “omofobia” perché non accettava che la moglie si fosse messa con una donna: “Lei non vedrà i suoi figli finché non imparerà ad accettare le relazioni di genere”. I bimbi tornarono a casa solo dopo l’arresto della Anghinolfi, ma ormai traumatizzati per sempre.

Leggi tutto

Politica

Gb: deputata non può sedere ai Comuni con bebè

La Laburista Stella Creasy critica il regolamento di Westminster che lede i diritti di una madre e della famiglia.

Leggi tutto

Politica

Nicola Di Matteo al Popolo della Famiglia

Eredi di una grande storia, protagonisti del futuro, scrivi con il PDF la nuova politica dei valori Il mio benvenuto agli amici all’Assemblea del Popolo della Famiglia Pomezia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco scrive agli sposi

Nell’Anno della Famiglia “Amoris laetitia”, il Papa dedica ai coniugi una lettera per manifestare la sua vicinanza e il suo affetto. La vocazione al matrimonio è una chiamata a condurre una barca instabile in un mare talvolta agitato” ma dove è presente Gesù

Leggi tutto

Società

È l’aborto e non il COVID la principale causa di morte nel 2021

Riprendiamo la notizia che vi abbiano fato ieri sulla strage di bambini mediante l’aborto avvenuta anche nel 2021 ben superiore alle vittime per covid.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano