Politica

di Giuseppe Udinov

Cacciari sbotta contro la Gruber

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Ma perché mi invita, se mi fa una domanda e poi vuole parlare lei? Si risponda lei, allora: io sono tranquillissimo, non ho mica bisogno di venire a La7». Scintille ieri sera tra il filosofo Massimo Cacciari e Lilli Gruber nel corso della trasmissione ‘Otto e Mezzo.

Ospite del programma sul tema dei vaccini Covid, Cacciari spiega: «Ricevo decine di messaggi da parte di scienziati, che mi dicono ‘siccome sei l’unico che fanno parlare in televisione su questi temi, vai e cerca di spiegare qualcosa. Ma non è il mio mestiere». «Io, come sa, non invito i no vax nella mia trasmissione..», ribatte la Gruber«. E Cacciari si inalbera: »Ma cosa c’entrano i no vax? Sto parlando di immunologi, vuole i nomi e i cognomi? Vuole che le spieghi cosa dice il professore emerito dell’Università di Nottingham sui rischi del vaccinare i bambini?«, incalza.

Botta e risposta ad alto grado di adrenalina che hanno animato il web, tanto da far diventare #Cacciari trend topic su Twitter già da ieri sera. Gli internauti si dividono fra i tifosi del professore veneziano e chi ne critica le posizioni. »Bravo Cacciari. Cerchiamo di riaccendere il lumicino della ragione in chi l’ha spento«, twitta un utente. »Sei tutti noi!- gli fa eco un altro- Grazie per le tue parole di verità ed il tuo coraggio«. »Non si può non dare ragione a Cacciari dalla Gruber! Cacciari è l’unica persona di sinistra che onestamente potrei vedere come Presidente della Repubblica: filosofo, libero senza essere vassallo di qualcuno/qualcosa, estremamente terzo e imparziale, colto e molto umile per giunta«, aggiunge un altro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/11/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il dramma di uno showbiz divenuto amorale cronico

A forza di non fare moralismo siamo diventati amorali, indifferenti, forse persino incapaci di distinguere il bene dal male. La vicenda di Fausto Brizzi, che appare la vittima sacrificale designata a fare da capro espiatoio al traballante armadio del cinemino italiota, pieno di scheletri, faccia riflettere.

Leggi tutto

Storie

Vaccino Moderna:  “Lieve incremento di miocarditi”

«Un piccolo incremento nei casi di miocarditi è stato visto» dopo la somministrazione del vaccino anti-Covid di Moderna, rispetto a quello di Pfizer/BioNTech, «nei maschi da 12 a 29 anni».

Leggi tutto

Politica

PERCHÉ DICIAMO NO A DRAGHI

Errori su errori e distrazioni continue che hanno fatto sì che Draghi passasse da leader di una maggioranza di “salute pubblica” a capo di un esecutivo che produce divisioni e odio sociale tra i cittadini. Questa escalation “verso il basso” ci ha portato ad una presa di posizione coerente rispetto a quello che abbiamo dichiarato da tempo: da sempre contrari all’obbligo vaccinale e portati a giudicare i governi non per le persone che li guidano ma per i provvedimenti che adottano. Per questo, come abbiamo guardato con favore all’inizio dell’esperienza Draghi, ora ci poniamo in ferie e robusta opposizione e riteniamo inopportuna una sua candidatura al Quirinale.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi (PDF), “Presidente Draghi, via subito il Green Pass

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), in un video da Praga si rivolge direttamente al premier Mario Draghi: “Signor presidente del Consiglio, so bene che siamo tutti angosciati dai fatti bellici che sono in primo piano, ma sono qui a ricordarle la necessità di abolire subito l’infame green pass che sta togliendo lo stipendio a cinquecentomila italiani e è una pietra al collo della nostra economia.

Leggi tutto

Media

Giornale dei cattolici o degli apparati?

Comprendere il cammino di ciascuno, imparare da tutti. Si potrebbe osservare più profondamente che a suo modo ogni cosa è grazia e chiudendosi in schemi si viviseziona lo Spirito che pure talora si vorrebbe tanto difendere. Comunque aperture importanti.

Leggi tutto

Politica

Le bugie di Speranza

L’avvicinarsi delle elezioni politiche ha spinto Roberto Speranza a tornare in uno studio televisivo dopo due anni e mezzo, per portare avanti la campagna elettorale contro il centrodestra e cercare di gettare discredito sugli avversari.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano