Politica

di Giuseppe Udinov

Cacciari sbotta contro la Gruber

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Ma perché mi invita, se mi fa una domanda e poi vuole parlare lei? Si risponda lei, allora: io sono tranquillissimo, non ho mica bisogno di venire a La7». Scintille ieri sera tra il filosofo Massimo Cacciari e Lilli Gruber nel corso della trasmissione ‘Otto e Mezzo.

Ospite del programma sul tema dei vaccini Covid, Cacciari spiega: «Ricevo decine di messaggi da parte di scienziati, che mi dicono ‘siccome sei l’unico che fanno parlare in televisione su questi temi, vai e cerca di spiegare qualcosa. Ma non è il mio mestiere». «Io, come sa, non invito i no vax nella mia trasmissione..», ribatte la Gruber«. E Cacciari si inalbera: »Ma cosa c’entrano i no vax? Sto parlando di immunologi, vuole i nomi e i cognomi? Vuole che le spieghi cosa dice il professore emerito dell’Università di Nottingham sui rischi del vaccinare i bambini?«, incalza.

Botta e risposta ad alto grado di adrenalina che hanno animato il web, tanto da far diventare #Cacciari trend topic su Twitter già da ieri sera. Gli internauti si dividono fra i tifosi del professore veneziano e chi ne critica le posizioni. »Bravo Cacciari. Cerchiamo di riaccendere il lumicino della ragione in chi l’ha spento«, twitta un utente. »Sei tutti noi!- gli fa eco un altro- Grazie per le tue parole di verità ed il tuo coraggio«. »Non si può non dare ragione a Cacciari dalla Gruber! Cacciari è l’unica persona di sinistra che onestamente potrei vedere come Presidente della Repubblica: filosofo, libero senza essere vassallo di qualcuno/qualcosa, estremamente terzo e imparziale, colto e molto umile per giunta«, aggiunge un altro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/11/2021
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

I media e le parole

I mezzi di comunicazione di massa tendono a svuotare il senso delle parole e senza senso di diventa pazzi, come quel personaggio di Dylan Dog che senza senso del linguaggio finisce suicida

Leggi tutto

Media

Da stasera su Raiuno cantiamo con Mimì

Va in onda questa sera la fiction dedicata alla figura e alla storia di Mia Martini, interpretata da un’ottima Serena Rossi. L’annuncio fatto al festival dopo l’esibizione dell’attrice/cantante. Peccato che la stessa (bella) kermesse abbia mostrato tanti indegni retrospettacoli contro alcuni cantanti.

Leggi tutto

Società

SCUOLA – NO INQUISIZIONE SULLO STATO VACCINALE DEGLI STUDENTI

Soddisfazione per l’emanazione della nota Miur sulla tutela dei dati personali riguardo lo stato vaccinale di bambini e ragazzi a scuola . *Siamo soddisfatti di quanto ottenuto* in termini di pronunciamento pubblico, prima da parte del Garante della Privacy, e subito dopo dal Miur, sulla protesta sollevata dalla nostra associazione *Non si Tocca la Famiglia.*

Leggi tutto

Storie

Gli antidepressivi contro il covid?

Il Prozac contro il covid? Nuove scoperte direbbero di si…..Uno studio americano rivela che i pazienti in terapia con antidepressivi Ssri, la classe di farmaci di cui fa parte il prozac, sembrano avere una mortalità minore in caso di contagio

Leggi tutto

Politica

Chiedo a Draghi la fine dell’emergenza

Basta file chilometriche alle farmacie, basta impaurire la popolazione, basta deprimere l’economia, basta ledere i diritti fondamentali e costituzionali delle persone, a partire dal diritto al lavoro: tuteliamo i più deboli senza costringere l’Italia ad affondare in un inutile terrore. Sia il 2022 l’anno del recupero della nostra serenità personale, familiare, collettiva.

Leggi tutto

Politica

Perché BASTA APARTHEID

Nelle politiche dell’apartheid era previsto che i figli di determinate categorie considerate pericolose non potessero mescolarsi con i figli dei dominatori, né a scuola né nelle attività sportive o ludiche. Nell’Italia del 2022 i bambini non vaccinati non possono andare a scuola con gli altri o frequentare la squadretta di calcio, di basket, di volley. In tutti gli Stati totalitari come sotto l’apartheid i cittadini non possono liberamente viaggiare all’estero. Nell’Italia del 2022 se non sei supergreenpassato non puoi andare in Questura a chiedere il rinnovo del passaporto. E se sei anziano non puoi andare in Posta a ritirare la pensione. Tutti provvedimenti che solo il governo italiano ha riservato ai suoi cittadini dicendo che è per l’emergenza pandemica, emergenza pandemica che riguarda tutto il mondo dove però si va in direzione totalmente opposta. Per questo sabato 5 marzo saremo in piazza per dire che adesso basta apartheid

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano