Politica

di Roberto Signori

L’Europarlamento condanna la Polonia sul divieto di aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In una risoluzione gli eurodeputati hanno chiesto al governo polacco di garantire che “non una donna di più” in Polonia perda la vita a causa di questa legge restrittiva. Il testo è stato approvato con 373 voti favorevoli, 124 contrari e 55 astensioni.

I deputati del Parlamento Europeo hanno ribadito la loro ferma condanna per la sentenza pronunciata dal Tribunale costituzionale illegittimo il 22 ottobre 2020, che impone un divieto di aborto pressoché assoluto e mette a repentaglio la salute e la vita delle donne. Invitano il governo polacco a garantire rapidamente e pienamente l’accesso a servizi di aborto sicuri, legali e gratuiti per tutte le donne.
A causa di questa legislazione oppressiva, le donne sono spinte a ricorrere forme all’aborto non sicuro, a recarsi all’estero per abortire o a portare a termine la gravidanza contro la loro volontà, anche in caso di malformazione grave o mortale del feto. Il Parlamento invita quindi i Paesi UE a cooperare più efficacemente per facilitare l’accesso transfrontaliero ai servizi abortivi, ad esempio garantendo alle donne polacche l’accesso a un aborto gratuito e sicuro in altri sistemi sanitari nazionali.

I deputati europei hanno condannato il contesto sempre più ostile e violento per i difensori dei diritti umani delle donne in Polonia e invitano le autorità polacche a garantire loro il diritto di esprimersi pubblicamente senza timore di ripercussioni o minacce. Inoltre, condannano fermamente l’uso sproporzionato della violenza contro i manifestanti da parte delle autorità di contrasto e invitano le autorità polacche a garantire che i responsabili degli attacchi ai manifestanti siano chiamati a rispondere delle loro azioni.
Sottolineando che la sentenza sull’aborto è un ulteriore esempio di acquisizione del controllo politico da parte della magistratura e del collasso sistemico dello Stato di diritto in Polonia, i deputati hanno invitato il Consiglio UE ad affrontare la questione nella sua indagine sulla situazione dello Stato di diritto in Polonia, ampliando l’ambito di applicazione delle sue audizioni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/11/2021
2105/2022
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Parlamento europeo: i farmaci devono essere più accessibili

Rendere i farmaci più accessibili e convenienti, migliorare la trasparenza dei prezzi e promuovere gli appalti pubblici congiunti dell’UE.

Leggi tutto

Politica

Saimir Zmali e la gratitudine

Finita l’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia torno a casa con un enorme senso di gratitudine…..

Leggi tutto

Politica

Attese intollerabili per un tampone

A Modena gravi disservizi per fare il tampone denuncia Elisa Rossini di FdI -Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

Cozzoli ;“non c’è un diritto a morire, c’è un diritto a morire bene”

“Una cultura che, di fronte alla sofferenza e al suo dramma, non sa proporre di più e meglio di un diritto a morire – diritto assicurato come suicidio assistito – è delusoria e fuorviante”

Leggi tutto

Società

Non lasciamoci rubare la speranza

Auto-condannati ad un infelicità perpetua, storditi da un effimero imperante, si potrebbe ben riassumere così la situazione attuale della società occidentale con la panza piena e il cuore vuoto

Leggi tutto

Politica

Luxuria attacca il PDF

“Non ho più peli sulle gambe, figuratevi sulla lingua. Perciò non posso stare zitta. A coloro che mi contestano, tra i quali c’è anche chi fino a ieri esaltava Putin, dico che ho titoli, competenza e dignità per parlare alle donne e di donne, perché io l’essere donna me lo sono dovuta conquistare”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano