Politica

di Stefano Di Tomassi

OSTIA DI NUOVO “DORMITORIO”; PAPA FRANCESCO LA CHIAMAVA “ CITTA’ ”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un quartiere ‘dormitorio’. Così veniva chiamata Ostia e il suo Territorio tanti anni fa quando veniva usato solo per ‘dormirci’ appunto e tutte le attività che contavano e le decisioni e i posti buoni per lavorare erano nella Capitale o altrove. Poi lunghi e faticosi percorsi di partecipazione, di coscienza e consapevolezza identitaria l’hanno a fatica portata ad acquisire una certa considerazione.“La questione delle deleghe al litorale rischiano di proiettarci indietro tutta verso un quartiere ‘muto’ “.

Nella palude di questa “‘seconda’ bonifica” culturale, sociale, politica, si arrancava – e ancora spesso si arranca – con le due gambe affossate nel fango malato da un lato della criminalità più o meno organizzata, dall’altro da quei poteri ‘politici’ che ne abusano e vogliono sottrarre sovranità alla gente che qui ci vive.

In alcuni casi i due fenomeni si presentano insieme.

Tutto intorno si vive di chi si infogna in questi gorghi da un lato e chi fugge fuori, in Europa, nel mondo, dall’altro.

Su tutto questo però quella stella nel cielo che è stata e che è la riflessione al Vangelo di Papa Francesco quel 3 Giugno 2018 proprio in questa ‘cittadella’ e a sacrosanto diritto di ergersi veramente a centro di società civile attiva, uscendo dalla dimensione di periferia fisica ed esistenziale, quella definizione, per la prima volta da un pulpito autorevole a livello ‘universale’, di ‘Città di Ostia’.

Aldilà delle beghe elettorali e dei partiti il dato che preoccupa è per un verso la puerilità degli ultimi accadimenti nel Palazzo del Governatorato, ma per l’altro – e soprattutto – da chi, con il non voto - ha permesso a pochi di fare quello che fanno.

Se il Centro Sinistra e aggregati devono fare i conti con il rischio di esprimere ‘il nulla’ che rischiano di rappresentare se si perdessero nel relativismo più sfrenato guidati dai mercati e di fatto dal bieco dio denaro e dal suo controllo del potere, il Centro Destra “don Chisciotte e Sancio Panza” ha caricato per poi girarsi scoprendo di non avere nessuno dietro.

Se il problema del Centro Sinistra e derivati è quello di affossarci nelle palude malariche tra lobby e cupole (sbandierando lo specchietto per le allodole delle bandiere dei principi universali e dell’antimafia), quello del Centro Destra è di non avere una Cultura, un’identità concreta, di prossimità e quotidianità oltre agli archetipi ormai centenari ‘Dio, Patria, Famiglia’ e ‘Impresa’ (e a volte questi fenomeni si presentano insieme).

E allora bisogna ritrovare una Cultura di Centro Destra, una identità che vada a dare corpo e sostanza ad uno scheletro fatto di rispetto delle ‘sacrosante regole’ e ‘libertà dei privati’, ma che rappresentano idee un po’ scarne ora come ora che i cittadini vanno presi per mano nel quotidiano, nel loro vissuto e accompagnati alla partecipazione.

La preoccupazione è che su Ostia e il suo Territorio, che di fatto è sempre stato un osservatorio anche della condizione nazionale, inizino a tessere le trame chi opera per le ‘tenebre’, chi ‘non viene alla luce’; scelte di pochi, decisioni di chi è lontano con il cuore dalla gente, manovre di chi usa e abusa di residenti e cittadini, questo è il pericolo al quale bisogna rispondere quanto più accendendo la luce, prestando attenzione, con i mezzi di comunicazione ‘liberi’ ma anche con la semplice attenzione sociale delle persone. Questo è un tempo oscuro per Ostia e il suo Territorio ma il buio che scende e ci fa paura, sappiano tutti, può essere vinto anche dalla fiammella di una piccola semplice candela.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/11/2021
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Gli arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele ci portano a Dio

“La festa degli arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele susciti in ciascuno una sincera adesione ai disegni divini. Sappiate riconoscere e seguire la voce del Maestro interiore, che parla nel segreto della coscienza”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: la Chiesa è universale, non uniforme.

Videomessaggio di Papa Francesco ai membri della Federazione delle Conferenze Episcopali dell’Asia

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi ed il discorso alla Camera di Giorgia Meloni

Non ho sentito neanche una parola che mi abbia causato un minimo di sussulto emotivo o anche solo intellettuale, politico. Tutta ‘sta novità è flat tax e rottamazione saldo e stralcio delle cartelle esattoriali?

Leggi tutto

Politica

Mirabelli (ex Consulta): “Migrazione è economica, non garantita da Costituzione”

L’orientamento del Governo italiano rispetto allo stato di bandiera delle navi per cui se una persona è stata presa a bordo di una nave battente bandiera norvegese o tedesca per il solo fatto di essere a bordo di quella nave è sbarcato in un territorio norvegese o tedesco “ho l’impressione che sia una posizione più politica che giuridica”. Così il presidente emerito della Corte costituzionale Cesare Mirabelli che analizzando la questione del Decreto interministeriale del 4 novembre 2022 (Interno, Difesa, Infrastrutture), sgombera all’Adnkronos il campo dalle presunzioni e possibili contestazioni di profili incostituzionalità nel Decreto con queste parole: “Qui abbiamo un fenomeno migratorio di tipo economico che non e’ contemplato dalla nostra Costituzione ed esubera anche il problema specifico delle navi”. “La Carta non immaginava una immigrazione di massa come quella che viviamo e si può prospettare nel tempo. La criticità da affrontare è più grande, di dimensioni europee”.

Leggi tutto

Storie

OSTIA INSEGNA: DALL’AFRICA NON SOLO PAURA, MA SPERANZA

La cattedrale della città del cardinale decano vescovo di Ostia, spalla del sommo pontefice: è retta da sacerdoti africani, seguaci di Sant’Agostino, Ostia è centro della cristianità e della cultura delle chiese lidensi

Leggi tutto

Politica

La sfida al governo delle toghe rose

C’è un feticcio declinato in ogni versione possibile, nel lessico delle toghe rosse: quello della giustizia «costituzionalmente orientata», del modello «costituzionale» di giustizia. Modo elegante per dire che chi non la pensa come loro, chi cerca di mettersi sulla loro strada, non si mette contro solo ad una corrente di giudici ma alla Costituzione. Mettere in discussione lo strapotere della magistratura, e dei pubblici ministeri in particolare, significa tradire la Carta fondamentale della Repubblica.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano