Storie

di Nathan Algren

Macron ha cambiato il blu della bandiera nazionale francese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il blu cobalto della bandiera francese che sventola sugli edifici della presidenza della Repubblica è stato sostituito da un blu marine: lo ha voluto il presidente Emmanuel Macron, che ha seguito i consigli del suo scenografo di fiducia, Arnaud Jolens. Lo ha confermato oggi la radio Europe 1, riprendendo un’informazione contenuta nella pagine del libro ‘Elysée Confidentiel’, scritto da Eliot Blondet e Paul Larrouturou e uscito lo scorso settembre.

La decisione di cambiare la sfumatura del blu sulla bandiera risale al luglio 2020, quando Jolens - che gestisce le operazioni all’Eliseo per tutto quello che riguarda la “scenografia” - propose al capo dello stato la storica modifica. Il bianco e il rosso sarebbero rimasti tali e quali, ma il blu cobalto, adottato dall’ex presidente Valéry Giscard d’Estaing in aperto riferimento alla bandiera europea, sarebbe stato sostituito da un blu di una sfumatura diversa. Il tutto nel silenzio generale.

La variazione è stata apportata anche a tutti i tricolori in vista all’Assemblée Nationale e al ministero dell’Interno, ha aggiunto Europe 1.

La decisione è stata oggetto di un vivace dibattito ai vertici della République. Alcuni stretti collaboratori del capo dello Stato hanno spiegato che l’idea dello “scenografo” dell’Eliseo è stata ispirata dal “ritorno ai colori della bandiera del 1793”, dopo la Rivoluzione. L’operazione, che dovrebbe essere estesa a tutte le bandiere ufficiali del paese, ha avuto un costo di appena 5.000 euro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/11/2021
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Edouard Philippe premier: Macron designa il delfino

Scelto il sindaco conservatore per placare il centrodestra francese. Non una sorpresa ma una scelta precisa con l’intento di accontentare i più. La Francia riparte e già si lega a doppio filo con la Germania. Chi sarà la vittima di tutto questo? Gli italiani… come sempre!

Leggi tutto

Società

Cristianofobia in Francia

Quasi novecento atti anti-cristiani in un anno, quasi 1700 atti anti-religiosi nello stesso periodo. Anche in Francia, i cristiani restano i fedeli più sotto attacco, con un trend che va dai 700 ai 900 atti anti-cristiani l’anno che non accenna a diminuire

Leggi tutto

Storie

Lambert, e la sentenza dei medici

Si è pronunciato il team di medici indipendenti convocati dal tribunale amministrativo di Chalons-en-Champagne: Vincent Lambert non è migliorato, negli ultimi quattro anni, e anzi è lievemente peggiorato; tuttavia ciò di cui ha bisogno non configura accanimento terapeutico. Un pronunciamento salomonico che rimanda la palla al giudice. L’udienza è aggiornata per il 19 dicembre.

Leggi tutto

Chiesa

Laurent Ulrich nuovo arcivescovo di Parigi

Monsignor Laurent Bernard Marie Ulrich, sacerdote dell’arcidiocesi di Digione e arcivescovo di Lille dal 2008, è da oggi, il nuovo arcivescovo metropolita di Parigi. Succede all’arcivescovo Aupetit,

Leggi tutto

Media

Saltare giù dal treno incorsa con il libro di THÉRÈSE HARGOT

Potrei dire tante cose sul contenuto del libro, ogni capitolo meriterebbe una riflessione specifica, ma credo sia più importante ed urgente puntare l’attenzione sul modo: la Hargot è una sessuologa francese atea e per questo, per il suo ateismo, sorprende incredibilmente la facile sovrapposizione tra le sue conclusioni e la visione antropologica cristiana. In questo mondo fortemente ideologizzato, è una novità assoluta imbattersi in tanta limpidezza di pensiero, tanta disarmante onestà intellettuale, mentre si passano in rassegna le conseguenze funeste di decenni di educazione sessuale nelle scuole sul modello sessantottino.
Mi domando se sia possibile, oggi, anche in Italia, portare avanti una riflessione su questo tema - l’educazione sessuale ed affettiva dei giovani - che sia scevra da condizionamenti ideologici e proclami superficiali, dall’una e dall’altra parte della barricata culturale. I cattolici spesso si sottraggono al dibattito per mancanza di argomenti, intimamente convinti di non avere una proposta accettabile, ma solo un mucchietto di moralismi anacronistici. Dall’altra parte, invece, assistiamo a proclami liberisti branditi con più nettezza e meno motivazioni di un dogma di fede. La capacità di dialogo latita

Leggi tutto

Società

Francia: contraccezione gratis per le donne fino a 25 anni

l ministro della Salute Véran: «Molte rinunciavano per motivi economici». Il provvedimento in vigore da gennaio

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano