Chiesa

di Giuseppe Udinov

Gregoriana: ripensare a San Roberto Bellarmino

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

​​Santo e dottore della Chiesa, cardinale gesuita, teologo, predicatore, consultore del Sant’Uffizio, San Roberto Bellarmino fu protagonista indiscusso delle vicende ecclesiastiche europee tra il XVI e il XVII secolo. Considerato personaggio simbolo della Controriforma che reagì alla Riforma protestante, è stato, nel tempo, oggetto di critiche feroci come di appassionate apologie.

A quattrocento anni dalla sua morte, la Pontificia Università Gregoriana, di cui Bellarmino è patrono, gli dedica un convegno di tre giorni - dal 17 al 19 novembre - dal titolo Ripensare Bellarmino tra teologia, filosofia e storia. L’iniziativa ha il patrocinio delle Diocesi e dei Comuni di Montepulciano e di Capua, dove - rispettivamente - Bellarmino ebbe i natali e svolse il suo ministero episcopale e si pone l’obiettivo di tentare un ripensamento multidisciplinare della sua figura e della sua opera, alla luce della storiografia contemporanea. Un omaggio a colui che fu anche professore e rettore del Collegio Romano della Compagnia di Gesù di cui la Gregoriana è oggi erede e continuatrice.

Bellarmino fu “tante cose”, un personaggio molto articolato e per questo difficilmente etichettabile. Fu sicuramente colui che polemizzò in maniera durissima con i protestanti, ma fu anche colui che a sua volta rischiò di essere messo all’Indice da Papa Sisto V, condanna che evitò solo per la morte del Pontefice nel 1590. Fu poi protagonista di grandi polemiche all’interno del mondo cattolico. Durante la famosa contesa tra lo Stato Pontificio e la Repubblica di Venezia del 1606, per questioni legate alla supremazia tra politico e potere ecclesiastico, polemizzò con Paolo Sarpi, frate dell’Ordine dei Servi di Maria. Non fu solo un censore delle opere dei pensatori protestanti, ma anche colui che si schierò a difesa del potere papale che considerava basato sulla cosiddetta potestas indirecta. Insomma, un personaggio assolutamente da rileggere e ristudiare”.

“Come gesuiti della Gregoriana - spiega Padre Nicolas Steeves sj, docente di teologia fondamentale all’Università di Piazza della Pilotta - ci siamo spesso confrontati con questa grande figura di predecessore, un professore veramente umile e molto apprezzato dai suoi studenti, anche per la sua personalità e semplicità. È interessante poi come ogni epoca veda in Bellarmino qualcosa di diverso”. Padre Steeves, che fa parte del Comitato scientifico del Convegno che sarà dedicato a San Bellarmino, sottolinea anche la sua capacità di stare proprio in frontiera, dove si confrontano il pensiero dell’uomo e il Vangelo, per cercare di dirimere i contrasti, sempre difendendo la dottrina, seguendo così la vocazione della Compagnia di Gesù. “C’è a questo proposito un gustoso aneddoto relativo all’infanzia di Bellarmino”, spiega padre Steeves. “Si racconta che la sua prima predica la pronunciasse all’età di cinque anni salendo su un palco che aveva allestito, nel suo paese natale a Montepulciano, davanti ai compagni di gioco. In quell’occasione, il futuro Santo si mise a ripetere la predica del parroco che aveva appena ascoltato in Chiesa. La sua attività di predicatore matura quindi nel clima della Controriforma, ma, a differenza di quanto possiamo immaginare, scaturisce innanzitutto dal suo amore per la Parola di Dio e dalla sua vocazione di gesuita che puntava a riconciliare le posizioni opposte”.

Il ruolo di defensor fidei di Bellarmino gli ha procurato anche molte critiche, un aspetto secondo Steeves legato alla sua immensa produzione come predicatore. “Possiamo sempre proiettare ciò che vogliamo su figure come quella di Bellarmino - spiega - anche perché ci ha lasciato una quantità enorme di opere scritte. Basti pensare agli undici volumi della sua opera oratoria pubblicata postuma in Gregoriana da padre Sebastian Tromp nella seconda metà del XX secolo. In questa marea di testi è ovvio che chiunque può andare a trovare qualcosa da criticare”. Ma l’aspetto più importante della sua personalità, secondo padre Steeves è la capacità di Bellarmino, come consultore del Sant’Uffizio, di cercare sempre la relazione personale con i suoi interlocutori. “Non puntava tanto sulle idee quanto sulla relazione con i filosofi, gli scienziati e le loro coscienze, sempre naturalmente con la finalità di farli restare all’interno della Chiesa cattolica”.

Si racconta che alla morte del Bellarmino, nel 1621, quando la sua salma fu lasciata in Chiesa, ogni giorno i poveri venissero a tagliare pezzi della sua veste rossa. In tre giorni fu necessario utilizzare ben tre vesti, perché ciascuno voleva per sé una reliquia del futuro Santo. “Ciò non attesta solo quanto fosse diffuso in quell’epoca il culto delle reliquie ma anche l’amore profondo che i poveri avevano per Bellarmino che come cardinale fu sempre molto generoso con loro”. “Il Bellarmino – affermava Papa Benedetto XVI nell’udienza generale del 23 febbraio 2011 – ci ha insegnato con grande chiarezza e con l’esempio della propria vita che non può esserci vera riforma della Chiesa se prima non c’è la nostra personale riforma e la conversione del nostro cuore”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/11/2021
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Media

Libri e bimbi

La casa editrice EDB (Centro editoriale dehoniano) esiste dal 1956 e pubblica solo libri, saggi e riviste di argomento religioso cattolico, in tutti gli ambiti, dalla ricerca accademica ai sussidiari per bambini.
Il cuore della sua vocazione è promuovere il rinnovamento post conciliare: sul sito leggiamo: «Della Chiesa del post-concilio ha sempre accompagnato i dinamismi: il rinnovamento nella catechesi; la riforma liturgica – non solo come riforma “dall’alto”, ma quale progressiva presa di coscienza del ruolo di attori da parte dei fedeli –; il rinnovamento della spiritualità, che si è via via incentrata sui testi sacri e sulla Bibbia; il rinnovamento pastorale e la formazione dei membri del popolo di Dio. Il nostro lettore è in genere sensibile ai temi emergenti e alle problematiche intraecclesiali: non a caso uno dei nostri principali referenti è il laico cattolico che vive coscientemente il proprio ruolo nella Chiesa».

Leggi tutto

Politica

Le nuove parole d’ordine della Francia

Onestà, rettitudine e coraggio sembrano essere le nuove direttrici della Repubblica francese. Questo almeno stando al discorso di inizio legislatura tenuto dal presidente del consiglio Édouard Philippe: un Paese fondato sulla classicità romana, molto più che sul giacobinismo. Copertine che non cambiano la sostanza, a ben vedere: o la fondazione di una res publica si regge sullo scavo di un’etica condivisa oppure chi è più forte vince. E basta

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Politica

Alabama “dolce casa” di tutti noi

Quello della vita è un tema che forse è anche riduttivo considerare tale: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altra. Un tema che accende gli animi, i “rumori di fondo” dei casi-limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobbies potentissime. La nuova legge, assai restrittiva in fatto di aborto, segna in realtà un passo avanti per i diritti di tutti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano