Società

di Roberto Signori

Gli studenti alzano la voce

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scontri e tafferugli davanti alla facoltà di Economia della Sapienza, in via del Castro Laurenziano, dove è stato necessario l’intervento della polizia. Una settantina di giovani -ha protestato contro la Giornata internazionale dello studente organizzata dall’ateneo con tanto di tavola rotonda dal titolo “L’università di oggi e di domani”.

“Nessuno spazio di intervento è dato ai protagonisti e alle protagoniste di questa giornata e dell’università, ovvero noi studenti e studentesse”, spiegano dal sindacato studentesco Link. “Per decidere del nostro futuro, invece, la Sapienza ha scelto di dare spazio a personaggi che nel corso degli ultimi 15 anni hanno completamente distrutto l’università pubblica, continuando a farlo durante questa crisi pandemica, mettendo all’ultimo posto l’istruzione nel Pnrr e determinando, così, un’accelerazione impressionante del peggioramento delle condizioni dell’università in Italia, già fanalino di coda dell’Europa sul diritto allo studio”.

Dopo i primi disordini - l’evento solo all’ultimo è stato spostato dalla Città Universitaria alla facoltà di Economia - sono arrivate anche camionette della polizia e uomini e donne in tenuta antisommossa, che per circa mezz’ora si sono assicurati che le porte della facoltà rimanessero chiuse.

Poi il gruppo se n’è andato, “nonostante qualcuno sia comunque rimasto seduto sugli scalini della facoltà”, racconta la giovane, a cui poi qualcun’altro ha consegnato un volantino degli Studenti contro il Green pass, che invece terranno un dibattito domani, 18 novembre, davanti all’ingresso della Città Universitaria in piazzale Aldo Moro per protestare contro l’obbligo della certificazione per accedere agli atenei.

Gli studenti di Link Roma, che hanno guidato il blitz, chiedono “di parlare di università gratuita per aumentare gli studenti e i laureati, di un piano almeno decennale di assunzione stabile di ricercatori in tutte le università e di un aumento del fondo annuale destinato a tutti gli atenei”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/11/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

La grave confusione dell’Università di Lovanio

Una volta era cattolica, l’Università di Lovanio, al punto da recare nel nome la dicitura “Cattolica”. Oggi balzano agli occhi di tutti i marci frutti
di decenni di compromessi al ribasso, di malinteso spirito di dialogo, di ignoranza e ideologie assurte con prosopopea in cattedra. E il professor
Stéphane Mercier, che ha semplicemente ricordato la dottrina cattolica sull’aborto è stato estromesso dall’ateneo

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Rosaria Radaelli

L’ostetrica Rosaria Radaelli ci parla della sua professione.

Leggi tutto

Politica

Lamorgese in Parlamento il 19 Ottobre

Dopo la manifestazione di sabato scorso dei ‘No Green pass’, il Viminale lavora in vista di alcune date ‘attenzionate’. A cominciare da quella del 15 ottobre, giorno in cui scatterà in tutta Italia l’obbligo della certificazione verde per accedere al luogo di lavoro. Poi gli occhi saranno puntati sul weekend del 30 e 31 ottobre quando, a Roma, si terrà il vertice conclusivo dei capi di Stato e di governo membri del G20

Leggi tutto

Politica

OSTIA DI NUOVO “DORMITORIO”; PAPA FRANCESCO LA CHIAMAVA “ CITTA’ ”

Un quartiere ‘dormitorio’. Così veniva chiamata Ostia e il suo Territorio tanti anni fa quando veniva usato solo per ‘dormirci’ appunto e tutte le attività che contavano e le decisioni e i posti buoni per lavorare erano nella Capitale o altrove. Poi lunghi e faticosi percorsi di partecipazione, di coscienza e consapevolezza identitaria l’hanno a fatica portata ad acquisire una certa considerazione.

Leggi tutto

Storie

“Giovannino Guareschi, Internato Militare Italiano 6865”

Sarà inaugurato oggi pomeriggio a Roma il nuovo percorso multimediale del Museo “Vite di IMI. Percorsi dal fronte di guerra ai lager tedeschi 1943-1945”. Anche il papà di Don Camillo e Peppone fra i 600mila internati militari italiani prigionieri dei nazisti

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano