Storie

di Tommaso Ciccotti

Belgio, arriva Kroiroupa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Kroiroupa - come si legge su cathobel.be - è un gioco di gruppo che ha pure l’obiettivo di decostruire stereotipi e pregiudizi legati a credenze e convinzioni e si propone di tessere legami sociali. Il Centro comunitario laico ebraico David Süsskind (CCLJ) lo ha pensato anche per formare insegnanti o chiunque possa animare incontri su religioni e laicità.

L’obiettivo del gioco è far scoprire le religioni più diffuse in Belgio, far comprendere il concetto di laicità, spiegare l’ateismo e l’agnosticismo, educare al rispetto della personalità e delle convinzioni di ciascuno. Kroiroupa, il gioco da tavolo che richiede memoria e prontezza, include due moduli: uno su religioni monoteiste e laicità (con 56 carte) e uno su buddismo, sikhismo, induismo e laicità (con 46 carte). Occorre scoprire coppie di carte identiche e rispondere a domande relative a religioni e laicità. Si gioca a gruppi e vince chi ottiene 16 punti prima del Corvo Kroiroupa. Ogni partita dura un’ora o anche più. Una variante prevede il modello del domino e ogni gruppo deve creare un mosaico logico usando le carte; ciascuno mette una carta al centro e spiega perché l’ha scelta e cosa pensa rappresenti. L’animatore pone una o più domande sulla carta e chiede se qualcuno ne ha una da accostare invitando a precisarne il legame.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/11/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Guardando “The Affair”

..... mentre guardavo The Affair in questi anni mi chiedevo se “un cambiamento del cambiamento” non fosse ormai alle porte. Avendo sperimentato io sulla mia pelle tutto quello che la serie televisiva raccontava ed avendone accertato l’estremo realismo nella descrizione psicologica del concatenarsi delle varie decisioni caotiche, mi sono davvero interrogato se dagli Stati Uniti non stia arrivando finalmente un vento opposto rispetto a quello libertario che da mezzo secolo ha devastato le nostre vite

Leggi tutto

Società

Lettera alla Marzano: i bambini hanno diritto ad una mamma ed un papà

Sganciare il concetto di gravidanza con quello di maternità come tenta di argomentare la Marzano desta perplessità fondate: una donna che decide di portare alla luce un figlio come può farlo scegliendo di non allevarlo?

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Storie

Schwazer: “Giustizia È Fatta”

Quasi cinque anni dopo, siamo alla sentenza dove il Gip del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino, ha disposto l’archiviazione del procedimento penale, perché Schwazer per “non aver commesso il fatto”.

Leggi tutto

Società

Ecce Italia, il Paese più vecchio in Europa

Per studiare i cambiamenti demografici e il loro profondo impatto, la ricerca propone un’analisi degli ultimi trend globali e fa il punto sulle debolezze e critiche dell’Italia: i cervelli in fuga e l’essere il paese più anziano d’Europa. Il malessere demografico italiano: la fuga dei cervelli, l’invecchiamento della popolazione e la bassa natalità

Leggi tutto

Politica

Chi lavora non sia più una riga del bilancio

Questo il tenore del messaggio di Papa Francesco, che apre la 48esima giornata sociale dei Cattolici italiani a Cagliari. “Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale” è il tema della giornata sociale, ispirata alla proposta della Evangelii Gaudium. La Cei prende il La dal Papa e si cala nel vissuto quotidiano del Paese. Resta da vedere se la politica ascolterà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano