Storie

di Roberto Signori

Mio padre mi violentò a 15 anni perché ero lesbica”, ma si è inventata tutto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il gup di Termini Imerese ha del tutto scagionato una coppia che finì pure in carcere nel 2016, quando la figlia raccontò di essere stata maltrattata e abusata per la sua omosessualità. La difesa: “Tutte falsità, ha agito per interessi economici: voleva appropriarsi del patrimonio di famiglia” .

Dunque ha inventato tutto, le botte, le umiliazioni e persino lo stupro da parte del padre che - a suo dire - avrebbe voluto reprimere e punire la sua omosessualità. Bugie che avevano fatto finire i genitori in carcere e che avrebbe raccontato soltanto per interessi economici: appropriarsi dell’attività commerciale e dei soldi della famiglia. Il padre e la madre della giovane - che aveva denunciato di aver subito le violenze nel 2011, quando aveva appena 15 anni - sono stati infatti assolti “perché il fatto non sussiste” dal gup di Termini Imerese, che li ha processati con il rito abbreviato.

Il giudice Claudio Emanuele Bencivinni ha infatti accolto le tesi dell’avvocato Giuseppe Mancuso Marcello che assiste la coppia. La Procura aveva invece chiesto una condanna a 8 anni per il padre, S. F., e a 2 per la madre, M. A.. Le accuse erano di maltrattamenti e stalking, ma l’uomo rispondeva anche di violenza sessuale su minore. Accuse oggi spazzate via dalle assoluzioni con formula piena.

“Meglio morta che lesbica”, questa la frase che la presunta vittima si sarebbe sentita urlare addosso dalla madre, prima di essere chiusa in camera, dove poi il padre l’avrebbe violentata, il tutto perché avrebbero scoperto la sua omosessualità, attraverso alcuni messaggi trovati sul suo cellulare. Una storia agghiacciante, ma che - come è stato sancito in primo grado - sarebbe del tutto falsa.

La giovane aveva denunciato i fatti nel 2016, quando ormai era diventata maggiorenne: “Vennero a prendermi a scuola e mentre eravamo in macchina mi davano botte dappertutto”. Una volta rientrati nella loro abitazione, il padre si sarebbe spogliato e avrebbe detto alla figlia: “Queste cose devi guardare, non le donne”. Fatti che, come ha stabilito il giudice, non avrebbero trovato alcun riscontro.

La difesa dei genitori ha smontato punto per punto le accuse della presunta vittima. In realtà, sin dal primo momento ci sarebbero stati dei dubbi sulle dichiarazioni della figlia, tanto che il gip Stefania Gallì che aveva disposto il carcere per i genitori, revocò la misura già subito dopo l’interrogatorio di garanzia.

In base alla ricostruzione dell’avvocato Mancuso Marcello, la ragazza si sarebbe inventata tutto per interessi economici: avrebbe avuto bisogno di soldi e avrebbe pensato che, facendo finire in galera i suoi genitori, avrebbe potuto appropriarsi del loro patrimonio. Il fratello e la sorella della presunta vittima, peraltro, hanno sempre difeso la madre e il padre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/11/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La fatica del genitore

Il rapporto con i figli, il compito di educatore, la regola come strumento e mai come scopo

Leggi tutto

Storie

19 Luglio 1992: Grazie a Paolo Borsellino

Ci sono giornate che non si possono dimenticare, vi sono personaggi che magari non hai mai avuto la fortuna di incontrare ma che ti restano in fondo al cuore. Te ne raccontano i nonni, i genitori e tu racconterai di personaggi come loro ai tuoi figli e magari anche ai tuoi nipoti. Uno di quei giorni è il 19 Luglio, uno di quei pochi personaggi che non bisogna mai dimenticare si chiamava (anzi si chiama), Paolo, Paolo Borsellino.

Leggi tutto

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Società

Se avessi avuto anch’io il Reddito di Maternità

Di ritorno dall’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia tenutasi a Roma il 20 gennaio u.s., una militante pidieffina – moglie e madre di famiglia – prende carta e penna e racconta l’origine del suo impegno per una vera rivoluzione del lavoro e del fisco che parta dal Reddito di Maternità: «Se fosse stato legge ai miei tempi – dici – non ci avrei pensato due volte a usufruirne».

Leggi tutto

Politica

In difesa dello studio Sullins

Sullins dimostra che i minori che vivono con coppie omosessuali hanno più problemi, ma il suo studio “non vale” perché Sullins è un prete…

Leggi tutto

Storie

Spagna: genitori si ribellano alla “Legge Trans”

I genitori hanno espresso la loro volontà di battagliare contro questa forma di «contagio sociale che danneggerà i nostri figli per tutta la vita» e hanno quindi creato l’associazione “Amanda” che ha l’obiettivo di aiutare madri e padri a rispondere premurosamente e in maniera corretta alle richieste dei loro figli nel caso soffrissero di disforia di genere durante gli anni dell’adolescenza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano