Storie

di Roberto Signori

Mio padre mi violentò a 15 anni perché ero lesbica”, ma si è inventata tutto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il gup di Termini Imerese ha del tutto scagionato una coppia che finì pure in carcere nel 2016, quando la figlia raccontò di essere stata maltrattata e abusata per la sua omosessualità. La difesa: “Tutte falsità, ha agito per interessi economici: voleva appropriarsi del patrimonio di famiglia” .

Dunque ha inventato tutto, le botte, le umiliazioni e persino lo stupro da parte del padre che - a suo dire - avrebbe voluto reprimere e punire la sua omosessualità. Bugie che avevano fatto finire i genitori in carcere e che avrebbe raccontato soltanto per interessi economici: appropriarsi dell’attività commerciale e dei soldi della famiglia. Il padre e la madre della giovane - che aveva denunciato di aver subito le violenze nel 2011, quando aveva appena 15 anni - sono stati infatti assolti “perché il fatto non sussiste” dal gup di Termini Imerese, che li ha processati con il rito abbreviato.

Il giudice Claudio Emanuele Bencivinni ha infatti accolto le tesi dell’avvocato Giuseppe Mancuso Marcello che assiste la coppia. La Procura aveva invece chiesto una condanna a 8 anni per il padre, S. F., e a 2 per la madre, M. A.. Le accuse erano di maltrattamenti e stalking, ma l’uomo rispondeva anche di violenza sessuale su minore. Accuse oggi spazzate via dalle assoluzioni con formula piena.

“Meglio morta che lesbica”, questa la frase che la presunta vittima si sarebbe sentita urlare addosso dalla madre, prima di essere chiusa in camera, dove poi il padre l’avrebbe violentata, il tutto perché avrebbero scoperto la sua omosessualità, attraverso alcuni messaggi trovati sul suo cellulare. Una storia agghiacciante, ma che - come è stato sancito in primo grado - sarebbe del tutto falsa.

La giovane aveva denunciato i fatti nel 2016, quando ormai era diventata maggiorenne: “Vennero a prendermi a scuola e mentre eravamo in macchina mi davano botte dappertutto”. Una volta rientrati nella loro abitazione, il padre si sarebbe spogliato e avrebbe detto alla figlia: “Queste cose devi guardare, non le donne”. Fatti che, come ha stabilito il giudice, non avrebbero trovato alcun riscontro.

La difesa dei genitori ha smontato punto per punto le accuse della presunta vittima. In realtà, sin dal primo momento ci sarebbero stati dei dubbi sulle dichiarazioni della figlia, tanto che il gip Stefania Gallì che aveva disposto il carcere per i genitori, revocò la misura già subito dopo l’interrogatorio di garanzia.

In base alla ricostruzione dell’avvocato Mancuso Marcello, la ragazza si sarebbe inventata tutto per interessi economici: avrebbe avuto bisogno di soldi e avrebbe pensato che, facendo finire in galera i suoi genitori, avrebbe potuto appropriarsi del loro patrimonio. Il fratello e la sorella della presunta vittima, peraltro, hanno sempre difeso la madre e il padre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/11/2021
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Storie

Lettera ai professori e ad alcuni genitori

Ricorda qualcosa dell’acerba forza della “Lettera a una professoressa”, dei ragazzi di Barbiana, questo testo ricevuto in Redazione: una giovane intercettata poco e male dalla scuola italiana, nei suoi anni più fragili, si è ritrovata nel lavoro e nel r-accogliere il patrimonio di cultura e di fede trasmessole dai genitori. Oggi ha imparato alcune lezioni e ce le impartisce.

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Storie

Charlie muoia almeno a casa sua

Se la “resa” dei genitori di Charlie Gard è piovuta sul mondo prolife come una doccia gelata, la reazione sconcertante di certe frange di quest’ultimo – che si sono volte ad attaccare i due, rei di non
corrispondere al gonfalone che se n’erano fatto – lascia non meno da riflettere. Anche perché la bella dichiarazione del Bambino Gesù è stata a sua volta travisata come un documento compromissorio

Leggi tutto

Storie

Storie di famiglie numerose e di adozioni

Adottare un bambino grandicello significa spesso affrontare con lui il dolore di abusi di vario tipo (fisici, psichici, sessuali), significa fare un grande lavoro di accoglienza e contenimento: attendere i tempi del bambino, cercare soluzioni creative, camminare con lui un tragitto doloroso, ma anche percorrere insieme la strada della rinascita. Questi ragazzi hanno una grande resilienza: se i genitori li accolgono completamente, li accettano e li amano (donandosi completamente a loro e non solo ‘percependo’ l’emozione dell’amore) in poco tempo i loro volti si trasformano, s’illuminano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano