Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Tutela abusi, O’ Malley: indagini chiare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Le statistiche lasciano senza parole. Ma non possiamo permettere che la nostra reazione a esse oscuri il loro scopo: valutare le misure prese dalla Chiesa per trattare questo flagello e fare tutte le raccomandazioni utili per trasformare un sistema che ha fallito a livello quantitativo e qualitativo”. Così in un messaggio il cardinale Seán Patrick O’Malley, presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, si rivolge a quanti oggi prendono parte alla Giornata europea per la Protezione dei Bambini contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali, sul tema “Rendere il cerchio della fiducia veramente sicuro per i bambini”. A Roma in particolare il Convegno internazionale organizzato da Telefono Azzurro sul tema “Il diritto di fidarsi” con la partecipazione di esperti provenienti da tutto il mondo, per elaborare azioni concrete, linee guida e protocolli, per la tutela dei più piccoli. Necessario prendere spunto da una tragica realtà globale che le cifre descrivono, per “trasformare un sistema” fallimentare. Il cardinale parte da qui, citando i dati dell’Oms. Circa 120 milioni di ragazze e giovani donne sotto i 20 anni hanno subito una qualche forma di contatto sessuale forzato; 1 donna su 5 e 1 uomo su 13 riferiscono di aver subito un abuso sessuale prima del loro 18.mo compleanno, mentre in alcune parti del mondo 1 bambino su 2 ha subito un abuso sessuale e a causa della vergogna, dello stigma e della paura associati alla loro esperienza, almeno il 60% delle vittime e dei sopravvissuti non rivelano mai il loro abuso.

Altrettanto “cupi” i dati che il porporato riassume sulla portata di tale problema nella Chiesa cattolica. Citata la Francia con la stima di 216 mila bambini abusati dal 1950 al 2020, come riferisce l’indagine della Commissione indipendente (CIASE). Anche in Australia risulta che - nota il cardinale - il 40% degli abusi sessuali su minori avvenuti nel periodo esaminato dalla Royal Commission of Inquiry si sono verificati in un ambito legato alla Chiesa Cattolica.

Come trasformare il sistema? Serve “un’indagine onesta, un’indagine indipendente e un’azione informata” perchè, afferma il cardinale O’Malley, “non possiamo riparare ciò che non riconosciamo. Non possiamo ripristinare una fiducia infranta se non entriamo nel cuore della questione”.
Il presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori rimarca a questo proposito l’importanza come Chiesa di “imparare dai progressi della società civile e del mondo accademico in termini di modelli scientifici di ricerca”, per attuare un “approccio più informato alle nostre strategie di prevenzione e alle politiche di protezione, sul campo e online”. Così da uno scambio e dall’imparare gli uni dagli altri, si potrà - rimarca - ottenere una protezione globale, intesa come priorità, e questo richiede “un investimento nella creazione di relazioni di fiducia e sostegno inter istituzionale”.
Anche il ruolo delle vittime e dei sopravvissuti agli abusi entra in questo quadro ed è un ruolo chiave nel cammino di riparazione: ne è convinto il Papa e con lui anche la Commissione. Il cardinale che presiede l’organismo istituito da Francesco nel 2014, lo ricorda nel messaggio di oggi, citando la lettera al popolo di Dio scritta nel 2018 dal Pontefice, in cui si fa notare che le ferite generate nelle vittime, il cui “dolore” abbiamo imparato a conoscere nel tempo, “non vanno mai via”.
Infine dal cardinale il riferimento alla Giornata odierna, la prima fissata dalla Chiesa italiana per la preghiera per le vittime e i sopravvissuti voluta da Papa Francesco insieme alla Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori come riconoscimento pubblico e visibile delle vittime di abusi sessuali clericali, per promuovere la consapevolezza tra tutti i fedeli battezzati e non, come auspicato dal Santo Padre nella sua Lettera al popolo di Dio (2018). “Allo stesso tempo - fa sapere il cardinale - a Baltimora camminerò in silenziosa comunione di preghiera con rappresentanti di coloro che sono stati vittime di abuso quando erano minori, insieme a fratelli vescovi, leader religiosi e rappresentanti della società civile. Al sorgere del sole sulla riva del fiume della città di Baltimora, ci riuniremo come un collettivo globale in riconoscimento del nostro impegno - chiesa e società civile - a camminare con loro in un viaggio di guarigione per tutti noi”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Chiesa

Un Incontro con Franco Nembrini

La Traccia” è il nome di un particolarissimo istituto scolastico, fondato trent’anni fa dall’educatore bergamasco noto per le sue trasmissioni su Dante e su Pinocchio. Vi si tengono ben undici giorni di festa, con altrettante sere: in una di queste abbiamo incontrato “Franco” per una lunga chiacchierata

Leggi tutto

Politica

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Mirko De Carli risponde ad un lettore su presente e futuro del Popolo della Famiglia dopo il voto emerso dalle urne europee

Leggi tutto

Chiesa

Mar Awa Royel è il 122esimo Patriarca della Chiesa assira d’Oriente

Nato 46 anni fa a Chicago, e quindi figlio della diaspora assira negli USA, David Royel è stato ordinato diacono già a 17 anni, e in seguito ha conseguito titoli di laurea in sacra teologia presso la Loyola University di Chicago (fondata nel 1870 dai Gesuiti) e presso l’University of Saint Mary of the Lake, nota anche come “Mundelein Seminary”, storico istituto incaricato della formazione teologica e spirituale dei sacerdoti cattolici dell’Arcidiocesi di Chicago

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano