Società

di Mario Adinolfi

DOPO IL MURO, PRIMA DI INTERNET: IL TEMPO DELLA FELICITÀ

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Trent’anni fa, il 18 novembre 1991, usciva Achtung Baby degli U2. Era appena crollato il muro di Berlino e non c’era ancora internet: è un periodo storico durato pochissimi anni che io considero il tempo più felice e creativo della storia contemporanea, dalla Rivoluzione Francese ad oggi. Finite guerre e divisioni, schiantate le illusioni, l’uomo poteva fare i conti con se stesso e relazionarsi all’Uno (in Achtung Baby la canzone manifesto non a caso è One, che troppi trattano come canzone d’amore, quando è un evidente inno religioso cristiano su quanto sia esigente l’amore evangelico fondato sul dolore della croce you ask me to enter / but then you make me crawl / and I can’t be holding on / to what you’ve got / when all you’ve got is hurt).

In quella ristrettissima fettina di storia che va dal crollo del muro di Berlino del 1989 grazie alla profonda fede dei popoli dell’Europa dell’Est e al Papa polacco alla nascita del world wide web con la navigazione di massa via browser del 1996, l’umanità si è trovata sospesa tra un non più e un non ancora di straordinaria potenza. Aveva una pulsione all’unità (la riunificazione tedesca non la voleva nessuno ma si fece, si posero le basi della moneta unica, le economie attraversarono una fase di crescita ruggente) che produsse effetti benefici. Se c’è un pezzo del film del mio mezzo secolo di vita che riguardo volentieri, certamente è quella striscia di territorio franco che va dall’uscita di Achtung Baby a quella del successivo Zooropa: due dischi degli U2 che diedero vita al leggendario Zoo Tv Tour che si concluse con la data di Sydney il 27 novembre 1993 che qui vi regalo se avete due orette libere per vedere la più bella costruzione scenica della storia del rock quando andare a un concerto poteva voler dire andare ad assistere a un evento grandioso con un messaggio chiaro, fortissimo, tecnologicamente potente. E non c’era internet. Non facevamo le riprese con il telefonino. Ascoltavamo e ballavamo, senza mediazione tecnologica e senza doverlo far sapere a terzi su Instagram: dunque ballavamo felici.

L’ultimo brano di Achtung Baby si intitola Love is Blindness e nel video qui sotto è la canzone che chiude quel concerto meraviglioso. Lo sguardo non era rivolto al cellulare, ma al cielo. Quella storia si chiude così, guardando la volta celeste e affermando che l’amore è abbandono fiducioso a Dio, come fossimo dei ciechi che si affidano per poter camminare (love is blindness / i don’t want to see / won’t you wrap the night / around me? / oh my Love / Blindness).

Eravamo noi, una storia nuova da scrivere e il cielo. Pochi anni in cui tutto sembrava possibile. In Italia pochissimi, nel 1993 già eravamo alle monetine e alle finte rivoluzioni di plastica. Poi il web, le chat, i blog, i social e ci siamo distratti. Gli U2 ci avevano avvertito: Achtung, Baby. Attenzione ragazzi. Nei primi tre minuti del concerto dagli schermi piove la scritta: tutto quello che sai è sbagliato. Potevamo rinascere. Ci siamo scagliati invece contro Dio, abbiamo provato a farci noi stessi Dio e sperimentiamo tutti i giorni il fallimento di questo sforzo prometeico senza accettare la resa. Ci siamo riempiti di “sapere” e di “scienza” ma tutto quello che sappiamo è sbagliato se non accettiamo che libertà è verità, che amore è abbandono alla verità anche con il dolore che ciò comporta, che non deve mai spaventare ma stimolare.

Guardo a trent’anni fa senza nostalgia. Vedo una lezione. Forse ancora percorribile. Occorre fare a meno di ciò che ci ha reso di nuovo schiavi ed è l’ideologia dell’autodeterminazione che ha cancellato il principio di autorità e ci titilla con l’individualismo da social. In fondo tocca solo prima resistere diventando indifferenti agli stimoli sbagliati (consiglio l’ascolto di Numb, decimo brano del concerto) e poi fracassare le nuove catene. Può essere un progetto persino divertente per i prossimi mesi e anni. Io mi ci dedicherò con l’entusiasmo che avevo nel 1991, quando avevo vent’anni, il muro era crollato, internet non c’era ancora e io ero felice.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2021
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Gli errori-orrori della Fedeli

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Leggi tutto

Politica

Residenza permanente USA per Charlie Gard

L’azione politica degli USA, cioè la concessione della residenza permanente, potrebbe rappresentare l’ultima spinta per convincere i soggetti coinvolti dell’opportunità di una soluzione del contenzioso a favore della famiglia Gard, ma potrebbe anche essere accolta dagli inglesi come un’indebita ingerenza nei propri affari interni, esacerbando ancora di più gli avvocati e il giudice Francis, inducendoli a non cedere alle nuove evidenze per il solo motivo di mostrare al mondo la superiorità del loro sistema legislativo. Francis ha già dichiarato alla seduta della settimana scorsa che è suo preciso dovere perseguire il bene del bambino e applicare la legge indipendentemente dalle ingerenze politiche e mediatiche.

Leggi tutto

Politica

PDF alle elezioni, le date fondamentali

In appena 90 giorni potremmo trovarci davanti ad un’Italia trasformata dalla grande sorpresa di un’affermazione del Popolo della Famiglia al voto, che si tiene a 65 giorni esatti da adesso. Vale la pena di essere protagonisti di questa lotta per il cambiamento, per la famiglia, per la vita.

Leggi tutto

Chiesa

Un Incontro con Franco Nembrini

La Traccia” è il nome di un particolarissimo istituto scolastico, fondato trent’anni fa dall’educatore bergamasco noto per le sue trasmissioni su Dante e su Pinocchio. Vi si tengono ben undici giorni di festa, con altrettante sere: in una di queste abbiamo incontrato “Franco” per una lunga chiacchierata

Leggi tutto

Società

Una repubblica fondata sulla canzonetta

Criticata e idolatrata, pare che di rado la canzone di Mahmood sia statacompresa: perfino mentre veniva presentata si aveva l’impressione che cantasse di un generico amore travagliato. L’ombra della politica tuttavia si stende sempre sull’Ariston, contribuendo a rendere meno sereno e disteso ciò che potrebbe e dovrebbe essere una grande liturgia nazionale italiana.

Leggi tutto

Storie

L’uomo vitruviano non andrà in Francia?

Il prestito, già annunciato la primavera scorsa, aveva suscitato alcune rimostranze tra gli “addetti ai lavori” (in particolare l’associazione Italia Nostra) per i possibili problemi di conservazione; l’opera è infatti un disegno a china su carta, particolarmente fragile e sensibile all’esposizione alla luce e per tale motivo esposto al pubblico solo raramente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano