Politica

di Mario Adinolfi

ATTENTI, VOGLIONO SDOGANARE LA PEDOFILIA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ieri sera a Dritto e Rovescio mi sono sentito dare del “comunista prestato al cattolicesimo” da un tale che fa il gigolò e (dice lui) è andato con 50 preti gay. Poi un sacerdote si è messo a sbraitare e a prendermi a parolacce (questa la sua pagina fb https://www.facebook.com/DonPatrizioCoppola/ ma il suo vescovo non ha nulla da dire su comportamenti televisivi così indegni dell’abito che porta?) perché contestavo le parole anticattoliche di un “padre” di una confessione cristiana inesistente. Nel mentre c’erano i soliti insulti di Luxuria (ma sulla pagina ufficiale dei fans di Paolo Del Debbio i favorevoli alla mia posizione sono stati alla fine il 58% contro il 42% schierato con lui). Qualcuno a fine puntata mi ha scritto: non devi andarci in tv in quelle trasmissioni. Attenzione: Dritto e Rovescio è il talk show di punta di tutta l’emittenza privata radiotelevisiva. Ieri sono andato in onda alle 22.40 e attorno alle nostre liti si è costruito il picco di share. Con questo mi sono conquistato il diritto di dire a molte centinaia di migliaia di italiani, mpetto a Giuseppe Cruciani che non ha le categorie per capire e negava, che la pedofilia è una grave perversione sessuale, che questa grave perversione si sta allargando a macchia d’olio nella società e già vedo i segnali di chi si prepara a sdoganarla attraverso una nuova finestra di Overton. Già si santifica Mario Mieli, il suo osceno concetto di diritto alla sessualità dei bambini, già si vedono campagne e occasioni mediatiche con bambine sessualizzate e rese oggetti di desiderio, con richiami continui al lolitismo. Per avere l’occasione di lanciare questo allarme e ripetere che la Chiesa Cattolica è l’unica istituzione che si sta seriamente battendo contro la pedofilia (anche se molti casi, anche quello presentato in studio, sono di pederastia cioè di sacerdoti omosessuali attratti da ragazzini preadolescenti e adolescenti di sesso maschile, che andrebbero espulsi dalla Chiesa e anzi mai ordinati sacerdoti, secondo le chiare indicazioni di Benedetto e Francesco che dicono no ai gay nei seminari) io sono pronto a subirne mille di insulti. E altrettanti per difendere la mia Madre Chiesa da accuse e teorie ridicole di un branco di pupazzi che fanno carnevalate senza fedeli e si autoproclamano “Chiesa inclusiva” con donne vescovo e matrimoni omosessuali, dicendo che la Chiesa Cattolica dovrebbe uniformarsi al loro nulla. Attenti, l’attacco è pesantissimo: vogliono legittimare anche la perversione sessuale pedofila ma prima vogliono usarla per picconare la Chiesa. Poi pretendono che la Sposa di Cristo si adegui a tratti e comportamenti imposti dal mondo abolendo il celibato ecclesiastico, imponendo sacerdotesse e vescovi donna, cancellando il concetto stesso di “peccato” perché per costoro va bene tutto. E ci sono una marea di preti cattolici come don Patrizio che sono ostaggi di questa retorica, in piena sindrome di Stoccolma, incapaci di pronunciare anche una sola parola di amore per la Chiesa di cui indossano l’abito, pronti invece ad accodarsi vilmente a chi la insulta. Per fronteggiare tutto questo bisogna esserci, per parlare ai tantissimi in ascolto e scoprire che alla fine la maggioranza ti dà ragione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/11/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Politica

La politica che lucra sulle dipendenze

Se il centrodestra ha Salvini che promuove la prostituzione, a sinistra Civati vanta i soldi che si farebbero con la droga. Sui nostri figli!

Leggi tutto

Società

Avanza la pratica dell’utero in affitto

La Corte di Appello di Parigi, per la prima volta, ha accettato che una coppia di omosessuali possa adottare “di pieno diritto” (quindi senza il consenso della madre biologica) una coppia di gemelli acquistati tramite la brutale pratica dell’utero in affitto. In pratica con l’istituto della «adoption plénière», vengono tagliati in radice, anche giuridicamente, i legami dei due piccoli sventurati con la loro mamma

Leggi tutto

Società

Processo De Mari: chiuso il dibattimento

Il PM chiede la condanna a 1000 €, i difensori della dottoressa, che è anche contribuente, l’assoluzione con formula piena per aver esercitato critica politica sui contributi pubblici dell’UNAR, Regione Lazio e Comune di Roma. Il 28 giugno alle ore 9 verrà comunicato il nudo dispositivo.

Leggi tutto

Politica

Parlamento Europeo: risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE

L’Unione Europea dovrebbe rimuovere tutti gli ostacoli che le persone LGBTIQ affrontano nell’esercitare i loro diritti fondamentali. È quanto sostiene il Parlamento Europeo in una risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE, approvata questa mattina con 387 voti favorevoli, 161 contrari e 123 astensioni. Nella risoluzione, il Parlamento europeo sottolinea come questi cittadini dovrebbero poter esercitare pienamente i loro diritti, compreso il diritto alla libera circolazione, ovunque nell’Unione Europea.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano