Politica

di Tommaso Ciccotti

Mauritius: covid occasione di “sgambetto” alla religione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I sacerdoti potranno celebrare Messe e altri sacramenti fuori dalle chiese e potranno partecipare massimo 50 persone. È quanto dispone l’Emendamento n. 3 del Regolamento sul Covid-19, illustrato dal primo ministro, Pravind Jugnauth alla popolazione prima dell’entrata in vigore. Padre Jean Maurice Labour, amministratore della diocesi di Port-Louis in assenza del vescovo, il cardinale Maurice Piat, ha precisato in un comunicato che, fino a nuove direttive dello Stato, per partecipare alle celebrazioni eucaristiche - domenicali e infrasettimanali - i fedeli devono prima registrarsi presso le segreterie parrocchiali. È stato sospeso anche il catechismo per i bambini, in linea con quanto deciso per le scuole primarie e secondarie che hanno interrotto le lezioni in presenza. Di fronte a tali restrizioni il Consiglio delle religioni, in un comunicato pubblicato sul portale della diocesi di Port-Louis, esprime scontento per le decisioni prese senza la consultazione dei leader religiosi.

“Il Consiglio sostiene qualsiasi azione volta a ridurre la pandemia - si legge nel comunicato -. Ma, pur sottolineando che un Governo deve governare, il Consiglio desidera tuttavia ricordare che governare nel dialogo è la formula preferita dei mauriziani”. il Consiglio (CoR) che promuove la convivenza multiculturale e multietnica, riconosce che l’attuale situazione è grave, che continuano a registrarsi perdite di vite umane, che molte famiglie stanno vivendo diversi lutti e che in questo momento tristezza e paura sono i sentimenti più comuni. Ma pur riconoscendo la necessità di provvedimenti restrittivi per spezzare la catena di trasmissione del virus, l’organismo critica le ultime disposizioni del Governo. “C’è un amalgama che riflette una mancanza di sensibilità culturale e religiosa - si legge ancora nel comunicato-. Il nostro obiettivo non è fare polemica. Nostro desiderio sarebbe che le riunioni religiose come la preghiera al tempio, alla moschea, le Messe e i culti vengano consentiti per un massimo di 50 persone, che questi luoghi siano ben ventilati e che gli incontri siano organizzati nella stretta applicazione delle regole sanitarie”.

Nell’arcipelago delle Mauritius le misure anti-Covid hanno imposto la chiusura di bar e club; sono vietate le attività culturali e i concerti; non è consentita la presenza di spettatori alle competizioni sportive; possono recarsi nei ristoranti solo persone vaccinate; per entrare nelle isole è necessario un test Covid negativo; possono soggiornare in hotel e altre strutture persone vaccinate munite di test antigenico recente, mentre i non vaccinati devono prima osservare 14 giorni di quarantena”. Per il CoR, ogni leader religioso dovrebbe essere responsabile dell’applicazione delle norme anti-Covid, e in questi giorni in cui la sofferenza e la speranza si incontrano nella vita quotidiana, sarebbe auspicabile lasciarsi sopraffare dalla compassione, dalla comprensione e dalla conciliazione nella lotta contro il nemico invisibile. “Abbiamo bisogno di dialogare e incontrarci, politici, operatori economici, attori della società civile, religiosi - evidenzia il Consiglio delle religioni -. Dall’inizio del Covid abbiamo riscoperto l’Altro. Non ci siamo guardati con i nostri filtri comunitari, settari o religiosi. Abbiamo imparato la solidarietà. Abbiamo condiviso quel poco che avevamo. Prima di mangiare, ci siamo preoccupati se il vicino avesse qualcosa da mangiare. Siamo più custodi dei nostri fratelli - conclude il comunicato - lasciamo respirare il prossimo nei luoghi della speranza!”.

Attualmente presieduto da padre Philippe Goupille, il Consiglio delle Religioni è stato istituito ufficialmente nel 2001 a seguito di un appello delle Nazioni Unite ai leader religiosi di ogni Paese affinché lavorassero insieme per promuovere la pace. Composto da undici membri esecutivi in rappresentanza delle principali fedi presenti sulle Isole e delle varie confessioni cristiane (cattolica romana, anglicana, presbiteriana), il CoR ha tra le sue attività, quella di sensibilizzare la società sulla lotta all’Aids e di gestire la Facoltà di Dialogo interreligioso presso l’Università locale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/11/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Il saluto a Luigi Amicone

Luigino Amicone ha lasciato improvvisamente familiari, amici, colleghi ed anche i suoi appassionati lettori. Oggi l’ultimo saluto. Il ricordo di Massimo Camisasca vescovo di Reggio Emilia sul Corriere.

Leggi tutto

Politica

Il Regno Unito primo ad approvare il farmaco anti-Covid

Dopo la partenza accelerata dei vaccini lo scorso inverno, il Regno Unito diventa anche il primo Paese al mondo ad approvare ufficialmente un “farmaco” anti Covid. Si tratta del molnupiravir.

Leggi tutto

Chiesa

Allarme della Chiesa per gli effetti delle sanzioni in Siria

Il vescovo di Aleppo Georges Abou Khazen non ha dubbi: le sanzioni occidentali sono una “condanna a morte” per il popolo siriano

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: operiamo fianco a fianco nella carità

Nel discorso al Sinodo ortodosso nella cattedrale di Nicosia, accanto al “fratello” arcivescovo Chrysostomos, il papa ha chiesto ai cristiani delle due confessioni di non assecondare quella “inconciliabilità delle differenze” che nel Vangelo non c’è e di andare pur nelle diversità “lì dove la Chiesa è madre”

Leggi tutto

Società

I turisti cristiani in Israele: “Ci sentiamo discriminati”

Un portavoce delle chiese cristiane in Terra Santa ha accusato Israele di discriminare i turisti cristiani durante il periodo delle festività natalizie. Israele smentisce seccamente.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco scrive a Pérez Esquivel

Il pacifista argentino, 90 anni, premio Nobel per la Pace per l’impegno per i diritti umani, è stato ricoverato sabato scorso per un problema neurologico

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano