Politica

di Nathan Algren

Pakistan: no alla castrazione chimica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il segretario del Parlamento per la legge e la giustizia, Malika Bojari, ha annunciato che la castrazione chimica per gli uomini condannati più volte per stupro è stata ritirata perché la castrazione chimica è “anti islamica”, e la Costituzione vieta leggi contrarie al Corano e la Sharia, la legge islamica.

La castrazione chimica era contemplata nella nuova legge contro le violenze sessuali, sostenuta dal presidente Arif Aalvi e dal governo, e approvata due giorni fa dal Parlamento. Durante il dibattito in aula, il parlamentare Mushtaq Ahmed del partito Jamaat-e-Islami, aveva parlato di punizione contraria alla sharia, dicendo che serve invece l’impiccagione pubblica. Secondo fonti dell’emittente televisiva Geo Tv, anche diversi ministri preferiscono la condanna a morte.

Oltre alla castrazione chimica, ora revocata, la nuova legge anti stupro prevede l‘ergastolo o la condanna a morte per gli autori di violenza sessuale di gruppo e processi più rapidi (al massimo quattro mesi) attraverso l’istituzione di tribunali speciali per questo tipo di reato. Ci sarà anche un registro dei condannati per reati sessuali, il divieto della pubblicazione del nome della vittima e pene fino a tre anni di carcere in caso di indagini di polizia negligenti.

In Pakistan vi sono crescenti denunce di stupri ai danni di donne e minorenni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/11/2021
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

India: aumentano gli attacchi contro i cristiani

Rapporto sulla violenza anticristiana: negli ultimi nove mesi oltre 300 attacchi. È quanto registra un rapporto intitolato “Cristiani sotto attacco in India”, presentato in conferenza stampa a Nuova Delhi

Leggi tutto

Società

Ecuador: vescovi preoccupati per l’aumento della violenza

I presuli: “inaccettabile che i diversi attori sociali e politici ipotechino il futuro del Paese per perseguire i propri interessi”.

Leggi tutto

Chiesa

Myanmar: un’altra chiesa cattolica bruciata e rasa al suolo

Ancora attacchi alla chiesa da parte dei militari. Nelle scorse ore infatti la chiesa cattolica di San Nicola nella città di Thantlang, nello Stato Chin del Myanmar, è stata bruciata dai militari. L’attacco alla chiesa di San Nicola è solo l’ultimo di una lunga serie.

Leggi tutto

Storie

Sharon, piccolo martire dei bulli a causa di Gesù

Il Punjab è uno degli stati più problematici dell’India: sacerdoti sequestrati e ritrovati uccisi (o non ritrovati affatto), mobbing e stalking sui posti di lavoro per i cristiani e ora anche l’uccisione, gratuita e crudele, di un quindicenne che doveva fare 100 km per andare a scuola. I cristiani sono sempre più nel mirino dei fanatici, e ben pochi sono quelli che cercano di difenderli

Leggi tutto

Società

Ancora attacchi alle chiese in Niger

In Niger aumentano le minacce verso le comunità cristiane nell’indifferenza generale della comunità internazionale

Leggi tutto

Società

L’uomo vero non stupra

In Italia lo 0.95% delle donne da 18 a 74 anni ha subito uno stupro da parte di un estraneo nella sua vita. In Francia la percentuale è del 2.3%, in Inghilterra del 2% e in Svezia del 3.3%, ma ciò non significa, ahimé, che siamo meno a rischio, ma piuttosto che le donne italiane non denunciano le violenze, se non quando le condizioni fisiche in cui le aggressioni le hanno ridotte lo rendono strettamente necessario. La vergogna è il tratto distintivo dello stupro, lo stigma che inspiegabilmente lascia sulla vittima, che comincia a domandarsi se in qualche modo ha colpa di ciò che ha subito, con gli abiti, i gesti, le parole.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano