{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Omicidio Cerciello Rega: prof condannata

Storie

di Raffaele Dicembrino

Omicidio Cerciello Rega: prof condannata

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ stata condannata a otto mesi di reclusione Eliana Frontini, la professoressa di Novara che nel 2019 scrisse sui social “un carabiniere in meno”, riferendosi all’omicidio di Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma la notte fra il 25 e il 26 luglio al termine di uno scontro con due giovani americani. La donna, per la quale la pm Silvia Baglivo aveva chiesto tre mesi, è stata accusata di vilipendio alle Forze armate e diffamazione. Assolto, invece, il marito della donna, Norberto Breccia, che era accusato di favoreggiamento per aver tentato di sviare le indagini accollandosi la responsabilità del gesto.

“Uno in meno e chiaramente con sguardo poco intelligente. Non ne sentiremo la mancanza”, aveva scritto la donna sul gruppo Facebook “Sei di Novara se…”. La prof dell’istituto Pascal di Romentino è stata processata con rito abbreviato. E, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, non era presente in Aula, così come il marito. La donna dovrà risarcire anche le parti civili entro un anno per ottenere il beneficio della sospensione condizionale della pena. Si tratta di 8mila euro, da risarcire alla vedova del carabiniere ucciso, Rosa Maria Esilio, e 5mila euro per il ministero della Difesa.

«Abbiamo appreso della condanna a 8 mesi pronunciata nei confronti di Eliana Frontini, l’insegnante novarese che commentò su facebook la morte del vice brigadiere dell’Arma dei Carabinieri Mario Cerciello Rega, sostenendo “meno uno” e che nessuno avrebbe sentito la mancanza di una persona con lo sguardo poco intelligente. Riteniamo che la poca intelligenza risieda in quel commento e accogliamo favorevolmente la punizione inflitta. La lezione questa volta l’ha avuta la professoressa». Lo dichiara Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap).

«Ci auguriamo - prosegue Conestà – che questa condanna sia da monito per tutti coloro i quali gettano fango sui servitori dello Stato, denigrandoli finanche avvolti nel tricolore come accaduto con il povero collega Cerciello Rega. Il rispetto degli uomini e le donne che indossano la divisa, si traduce nel rispetto nei confronti dello Stato e delle istituzioni che rappresentano. Un’insegnante questo avrebbe dovuto saperlo, ma siamo sicuri – conclude – che ora lo abbia capito».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/11/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Gli avvoltoi della morte

Abbiamo bisogno di rifondare l’Uomo dalle fondamenta e questo presuppone una battaglia lunga e tenace: noi ci siamo.

Leggi tutto

Società

Nuova Zelanda e Planned Parenthood promuovo l’aborto in telemedicina

Dunque la salute equivale, per il governo Neozelandese, ad abortire, senza se e senza ma. La telemedicina, inoltre, viene ridotta a “consigli telefonici” per sbarazzarsi di un bambino, anche “semplicemente” prendendo la pillola abortiva. Da qui l’idea di chiamare il servizio col nome di “Decide”, rimarcando il mantra del “my body mi choice”, mentre va ricordato come lo stesso servizio statale è in parte anche gestito dalla realtà “Family Planning New Zealand”, sezione territoriale della multinazionale abortista International Planned Parenthood Federation (IPPF).

Leggi tutto

Politica

Biden vuole costringere gli ospedali cristiani a praticare aborti

Se approvato questo regolamento potrebbe costringere molte strutture sanitarie cristiane a interrompere la loro attività.

Leggi tutto

Storie

Famiglia britannica accoglie rifugiata ucraina: il padre scappa con lei

Famiglia britannica accoglie rifugiata ucraina: il padre scappa con lei 10 giorni dopo mollando moglie e figli

Leggi tutto

Storie

Aborto: le lobby nascondono le mappe

​Mentre la maggior parte delle persone gioisce per la sentenza di scelta contro l’aborto, social, media e lobby proseguono la loro battaglia faziosa,

Leggi tutto

Storie

La libertà dei figli di Dio

Spesso l’ambiente che ci circonda giudica e spara sentenze senza conoscere la realtà. Ci si fa un’idea senza sapere e si etichettano le persone. Cadere nel moralismo e nel paternalistico è un attimo. Fortunatamente ci sono persone che ci parlano con delicatezza ed amore fraterno; il Signore le mette sulla nostra strada per aiutarci ma senza obbligarci o costringerci… Sono una specie di angeli custodi aggiunti. Inoltre possiamo sperimentare la libertà dei figli di Dio che ci permette di non avere paure di niente e nessuno, a patto, però, di rimanere in Cristo. In Lui siamo protetti dalla Sua Corazza indistruttibile. Nulla può ferirci ed ucciderci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano