Politica

di Roberto Signori

Eutanasia: la legge divide i parlamentari e slitta ancora

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È slittato di un’altra settimana l’approdo in Aula del disegno di legge sull’Eutanasia. Il testo, dopo il rinvio dal 25 ottobre, era calendarizzato per lunedì prossimo, il 22 novembre, ma i presidenti delle commissioni che lo stanno esaminando, Mario Perantoni della Giustizia e Maria Lucia Lorefice degli Affari costituzionali, hanno dovuto chiedere al presidente Roberto Fico lo spostamento al 29, prendendo atto dell’impossibilità di arrivare a una quadra. La materia divide le forze politiche, anche al loro interno, e si profila uno scenario da ddl Zan.

Pur rimandando la questione appare molto difficoltoso giungere a trovare una sintesi. Sul tavolo ci sono 380 emendamenti ancora da votare e i tentativi dei relatori, Alfredo Bazoli del Pd, e Nicola Provenza del M5S, di riformularli per rendere sostenibile la discussione si sono rivelati fallimentari. «Noi vogliamo evitare il muro contro muro. Abbiamo sempre tenuto la porta aperta al dialogo e alla discussione con il centrodestra», ha detto Bazoli. L’indice è puntato in particolare contro Lega e Coraggio Italia all’interno delle forze di maggioranza e contro l’opposizione di FdI. Ma la verità è che il testo divide trasversalmente e internamente anche gli stessi partiti, dove le ali cattoliche non vedono di buon occhio una pratica che per il Vaticano è «una nuova forma di eugenetica» e «un crimine contro la vita umana».

Per questo si profila un rischio affossamento, una sorta di riedizione di quanto accaduto con il ddl Zan. Lega e Coraggio Italia avevano chiesto più tempo per la discussione. «Dobbiamo ancora votare 380 emendamenti», ha ricordato Roberto Turri del Carroccio. «La nostra era una richiesta razionale; se finora abbiamo votato 10 emendamenti su 400 vedo difficile concludere la settimana prossimo. Noi chiedevamo una data più coerente con il lavoro da fare. I relatori hanno dato la massima disponibilità al confronto, se si vuole arrivare a una soluzione condivisa occorre lavorare con attenzione», ha aggiunto Fabiola Bologna di Coraggio Italia. Lo stesso Bazoli, non nasconde le difficoltà. «È un sentiero stretto, ma proviamo a percorrerlo», ha detto il relatore Pd, aggiungendo che «la settimana prossima avremo il quadro completo degli emendamenti accolti e delle riformulazioni, cercheremo di capire quali nodi rimangono sul tappeto e vedremo se troviamo una quadra che ci consenta di arrivare in fondo».

Insomma l’ennesimo tentativo del PD che è pronto a colare a picco grazie e soprattutto all’impegno quotidiano del Popolo della Famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/11/2021
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Politica

La piccola Banda

Il Pd è ora una banda senza popolo, che gestisce ancora interessi enormi ma senza ormai passione

Leggi tutto

Politica

Osservazioni giuridiche sul voto responsabile

Pubblichiamo, non senza una qualche orgogliosa emozione, le annotazioni tecniche che una lettrice ha posto a margine delle considerazioni del presidente nazionale del Popolo della Famiglia. Le competenze giuridiche dell’autrice balzano all’occhio e avvalorano – se possibile – ancora di più le valutazioni politiche a cui fanno riferimento.

Leggi tutto

Politica

Il disegno politico di Salvini

Salvini pensa che governerà “per un trentennio” e in effetti l’assenza di opposizioni oltre che la debolezza del suo alleato nell’esecutivo lo autorizza a queste rosee previsioni. In più è andato ad Arcore da Berlusconi per accertarsi che a Berlusconi interessa sempre e solo una cosa, cioè la sua “roba”, i tetti pubblicitari e quelle faccende lì, sul resto via libera a tutto a partire da Foa presidente della Rai che, poverino, è a bagnomaria a viale Mazzini da due mesi.

Leggi tutto

Politica

UN PROGRAMMA PER RIDARE UN CUORE ALL’EUROPA

Natalità, democrazia, lavoro e famiglia, guerra alle dipendenze: così il Popolo della Famiglia si presenta alle urne a chiedere il consenso popolare per rinverdire l’anima europea del continente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano