Politica

di Giuseppe Udinov

Malta e l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nessuno a favore dell’aborto potrà rappresentare il PN: queste le felici e coerenti dichiarazioni del leader e candidato Premier alle prossime elezioni a Malta per il partito di centrodestra Partito Nazionale, Bernard Grech.

Il partito era, è e rimarrà contro l’aborto. Nessuno a favore dell’aborto potrà far parte o rappresentare il PN nel prossimo parlamento: “La questione dell’aborto, per me, è chiusa. Questo partito era, è e resterà contro l’aborto. I miei predecessori ed io abbiamo chiarito questa posizione. La posizione del partito è anche chiaramente ribadita nel suo statuto”, ha detto in un’intervista radiofonica dei giorni scorsi. “Nessuno, e ripeto nessuno” a favore dell’aborto sarà autorizzato a “rappresentare il partito”.

I commenti di Grech arrivano giorni dopo che la candidata alle elezioni dello stesso PN Emma Portelli Bonnici aveva chiesto la fine dell’“abuso sistematico delle donne che osano parlare di opinioni controverse”. Il leader del Partito Nazionale ha tagliato corto dicendo che tutti “abbiamo il dovere di essere a favore della vita. Siamo sempre stati così e rimarremo così”, i politici devono assicurarsi che non solo “nessuno uccida un bambino, non importa la sua età - anche se non ancora nato”, ma anche capire le sfide che affrontano coloro che contemplano di avere l’aborto e aiutarli a decidere contro di esso, ha aggiunto.

“Se vogliamo essere veramente chiamati nazionalisti e cristiani democratici, abbiamo il dovere di dire che siamo contro l’aborto, essere contro nella pratica, ma anche lavorare attivamente affinché nessuna madre, né padre, maltese o no, vada avanti con un aborto, poiché quel bambino è vita e la vita è preziosa. Se preserviamo un uovo di tartaruga e facciamo in modo che non venga distrutto, qualcuno può credere che non preserveremo la vita di un bambino che è stato appena concepito?”.

Nei giorni scorsi anche l’Arcivescovo di Malta Monsignor.Scicluna si è rivolto ai politici di una delle nazioni più cattoliche d’Europa, esortandoli “a garantire che le loro scelte favoriscano la vita dall’inizio alla fine”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/11/2021
2406/2022
Natività di San Giovanni Battista

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

Chiesa

Cile, i vescovi per la difesa della vita

In Cile è stato approvato in via generale il disegno di legge per depenalizzare l’aborto fino alla 14esima settimana di gestazione, nel suo primo passaggio legislativo. I presuli ribadiscono che la vita inizia dal concepimento e va tutelata.

Leggi tutto

Politica

Roberta Metsola eletta presidente del Parlamento europeo

L’eurodeputata maltese e membro del Ppe guiderà per due anni e mezzo l’istituzione internazionale, completando così la legislatura iniziata nell’estate 2019.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Viaggio Apostolico a Malta: Santa Messa

Nel secondo giorno del viaggio apostolico a Malta il Papa celebra la Messa a Floriana di fronte a circa 20 mila fedeli e rappresentanti delle Chiese cristiane e di altre confessioni religiose:

Leggi tutto

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano